ZEMAN ROMA LAZIO – Zeman tifa Lazio e non Roma? No, anzi, tutt’altro. Oggi l’ex tecnico delle due squadre della Capitale è tornato sulle dichiarazioni riportate nella giornata di ieri nel corso di un intervento ai microfoni di “Te la do io Tokyo“, trasmissione in onda sulle frequenze di Centro Suono Sport:

“Non ho mai detto che il mio cuore batte più per la Lazio che per la Roma. Non l’ho detto perché non lo posso dire. Ho detto che mi sono trovato bene nell’ambiente romano e che la Roma mi ha sempre attirato di più perché aveva più pubblico, stop. Ho amici laziali e romanisti, non li rinnego, quindi non si tratta nemmeno dell’opposto. Io ho sempre detto che faccio calcio per la gente, dove c’è più gente mi trovo meglio”.

Cosa pensa delle parole di Kolarov?
Per me, se la gente non parla di calcio, il calcio finisce. Il calcio è fatto per discutere, a prescindere se la gente capisca di tattica o meno.

Le difficoltà di Di Francesco?
Per me ha modificato troppo, ha cambiato tanti modi di giocare, tante disposizioni in campo. La Roma è sempre una squadra importante, anche se ha perso l’ultima a Udine. Se l’Udinese ha fatto 2 tiri e la Roma, purtroppo bisogna prenderne anno e bisogna fare gol perché il calcio si basa su quello.

Un suo parere su Schick?
Il suo problema è che è costato 40 milioni. L’ho visto a Praga due volte in nazionale e ha fatto molto bene. Ha tante capacità, ma non ha le capacità di un giocatore da 40 milioni. La gente si aspetta sempre troppo visto che è stato l’acquisto più caro della storia della Roma. In nazionale ha giocato da centravanti. Il gol l’ha fatto perché si è inserito negli spazi vuoti, mentre nella Roma questi spazi non li trova e non c’è nessuno che li crea. Penso sempre a Totti che lo manderebbe in porta. Più prima o seconda punta? In nazionale gioca da prima punta.

Ha più sentito i dirigenti della Roma? L’ultima volta che è venuto alla Roma, chi l’ha chiamata?
Da quando me ne sono andato non più visto nessuno, forse Sabatini a una premiazione a Napoli. Chi mi ha chiamato quando sono tornato? Baldini.

Print Friendly, PDF & Email

4 Commenti

  1. Zeman cia’ ragione…er problema nun e’ Schick ma quanto e’ stato pagato….se l’avessimo comprato pe na ventina de mlioni come aveva fatto la Juve allora tutto ok- Nun se’ mai capito come avemo fatto a pagallo 40 milioni quando la Juve l’aveva preso pe 25 ? Qualcuno ha fatto qualcosa de strano o de sbajato !

    • Sì, abbiamo fatto noi senza dubbio qualcosa di sbagliato, primo a trattare con Ferrero che è un pirata a voler essere gentili, e poi a pagare Shick così tanto (non lo abbiamo ancora pagato la cifra intera, per inciso, ma ci arriveremo molto vicini comunque andrà da qui in poi).
      L’unica speranza è che Shick abbia una vera e propria “epifania” e si svegli definitivamente, diventando un gran giocatore e, a quel punto, dando almeno un senso alla spesa. Ma per quello che s’è visto finora la speranza è poca.

Comments are closed.