romanews-roma-dzeko-testa-basse-romanapoli
Foto Tedeschi

TORINO ROMA – In vantaggio dopo poco più di 2 minuti. Ottantotto giri di lancette più recupero per gestire la gara e sorprendere un’avversaria che naviga border line con la zona retrocessione. Invece finisce 3-1 per gli altri. Questa è la Roma desolante di campionato. In campo, del tridente spagnolo gettato nella mischia per far riposare Dzeko e Mkhitaryan dalle fatiche di coppa, si salva solo Borja Mayoral. L’ex Real Madrid infila in porta il gol che mette in discesa il match dei Fonseca boys. Ma dopo un primo tempo tra clamorose ripartenze ospiti e tante occasioni sprecate dal Torino per pareggiare, i padroni di casa confezionano la rimonta al cospetto di una Roma con la testa alla Coppa.

Vizi e virtù della desolante Roma di campionato

I giallorossi perdono ancora terreno e si allontanano dalla zona europea. Quella zona europea che sperano di conquistare andando avanti in Europa League. Ma si rivelerà giusta la strategia di staccare la spina in campionato per proiettarsi già al doppio scontro con il Manchester United? Lo United che invece oggi in Premier League ha battuto 3-1 il Burnley, nel posticipo della 32/a giornata. Paulo Fonseca ha scelto di cambiare la rosa che giovedì si era conquistata la semifinale contro l’Ajax. Chi è entrato come Pedro e Perez sono tra quelli che per motivi vari quest’anno hanno giocato meno. A mancare però sono gli stimoli, a tutti, nessuno escluso tra difesa, centrocampo e attacco. Mirante ha salvato più volte la porta, ma se l’ex di turno Sanabria trova il gol del pari è anche per una sua incertezza. Le solite distrazioni difensive e le giocate ad intermittenza hanno permesso alla formazione di Nicola di ottenere contro la Roma il personale record di tiri (24) in un match di questo campionato.

Leggi anche:
Espulso Diawara per doppia ammonizione: il secondo rosso nella stagione della Roma

Dopo Torino-Roma campionato archiviato

La Roma ha tirato i remi in barca nella ripresa, dopo l’intervallo si è praticamente sciolta. Ha trovato spazio anche il doppio giallo di Diawara che rimane in campo solo 20 minuti e costringe i compagni a giocare in 10 nei minuti finali. Così, tra turn over e infortuni i giallorossi hanno interrotto la striscia positiva di vittorie in trasferta con il Torino, 3. Fonseca è stato onesto e se ne è preso le responsabilità: “Mi assumo le colpe di un campionato deludente. Per il quarto posto ora è difficile”. Il messaggio è chiaro: la Roma al campionato non penserà più, otto punti dal quarto posto sono troppi anche per la semifinalista di Europa League.

GSpin

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicità

15 Commenti

  1. Pur comprendendo che l’epilogo non sia stato come auspicato, volevo dare una precisazione: il risultato finale non è stato 2-1, bensì 3-1

  2. Se Fonseca fosse onesto fino in fondo dovrebbe dimettersi.
    Non c’è bisogno che si dichiari responsabile per lo scempio degli ultimi 2 anni! È di tutta evidenza che la colpa sia in primis sua!
    Con buona pace di chi ancora stamani dichiarava di voler tenere il mr “perché tanto con una squadra così non sarebbe facile fare meglio”!
    Eh già, sarebbe stato davvero difficile fare risultato contro chi, prima di oggi, in casa aveva fatto solo una vittoria ed 8 pareggi!
    E che in questa triste statistica era secondo solo al Parma…che di partite ne aveva vinta solo una…indovinate contro chi?
    Sono schifato🤮

    • No, non sono d’accordo a buttare la croce su Fonseca… la rosa è imbarazzante! Reynolds deve farsi le ossa, Pedro è cotto, e Perez fa una partita buona e quattro da cani… Bruno Peres e Cristante fuori ruolo, Fazio un ex-calciatore… se poi ci mettiamo pure Villar in evidente calo, cosa poteva fare Fonseca? Certo non poteva far fare 90 minuti a chi aveva giocato giovedì sera, farli riposare era obbligatorio!
      PS: dimenticavo Diawara che riesce a farsi dare 2 gialli in 20 minuti… un campione! Pure quelli sono colpa di Fonseca???

      • Un altro del partito: “perché tanto con una squadra così non sarebbe facile fare meglio”
        Dici che “non poteva far fare 90 minuti a chi aveva giocato giovedì sera, farli riposare era obbligatorio”: 90 minuti no? Ma 45 si!
        Il problema è che si sono riposati anche quelli che giovedì non avevano giocato!!!
        PS: Diawara l’ha schierato in campo Fonseca! Mica è entrato di sua sponte!!!
        Ma di cosa stiamo parlando?!?!
        Fonseca indifendibile.
        Ed altrettanto vale per chi continua a negare l’evidenza.

  3. Mirante ha salvato più volte la porta della Roma! mi sa che l’autore dell’articolo ha visto un’altra partita. Il nostro mirabile portiere (lo stesso che a detta dei giornalai la Roma dovrebbe rinnovare il contratto) ha causato 2 gol e e quasi provocandeno un altro…

  4. Mancano anche altre cose: mercato da azzeccagarbugli ad agosto e nullo a gennaio . Per il resto è simpatica la caramella stagionale del 4 posto. Rappresenta ZERO successi,che è come arrivare 6 o 7 . La cosa positiva è che finalmente ci si concentra su un obiettivo serio: vincere una Coppa. E già questo è un traguardo, abituati da un decennio al “bonsai” e alle plusvalenze e ai soldi in tasca di Pallotta.

  5. Quest’anno c’è l’Europa league, e l’anno scorso? Siamo arrivati ad 8 punti dal quarto posto, la colpa di chi era? Perché c’è una colpa o un motivo se questa squadra non è prima, (non nascondetevi dietro un dito che quest’anno lo scudetto se lo erano messi in testa in parecchi). Perché la Roma è forte, e piena di eredi di campioni. Questa squadra è scarsa, allenata da uno scarso, preso dopo che 4 allenatori più forti hanno rifiutato di allenare una squadra scarsa, non lo ammettete, sapete solo dire a chi ve lo fa notare “RITORNA A FORMELLO.

    • Ma che scherzi? A sentire “loro” e ovviamente i media e i siti romani (ma alemeno questi ultimi lo fanno per marketing), la Roma ha un sacco di campioni-migliori-del-mondo-record-di-assist-record-di-gol-giovani-più-promettenti-bisogna-blindarli. Da Pellegrni a Veretout a Mancini a Ibanez a Villar a Karsdorp a Diawara…

    • Hai ragione. Invece con le vostre continue critiche , che non sono mai mancate, è cambiato qualcosa ?
      perchè secondo voi sono i commenti sui social che fanno grandi le squadre no ?

      • Raramente condivido quanto scrive Vincent Vega, ma quando leggo commenti come il tuo – che spostano il bersaglio sui tifosi anziché sui reali responsabili (Allenatore e giocatori, in quest’ordine) – non posso che accodarmi al suo pensiero.
        Le critiche, purché composte e non preconcette, hanno tutte diritto di cittadinanza: spiegami cosa c’è di male, specie a questo punto della stagione e dopo 2 anni di gestione Fonseca, a dire che il bilancio sia (stato) avvilente!!!
        E’ un dato di fatto!
        E non è che negandolo o tacendolo si dia alla Roma un servizio migliore!
        Poi è chiaro che non è detto che qualcosa cambi, ma – specie con una proprietà come quella attuale che non parla né si espone mai (e di questo gliene sono grato, beninteso) – fare sentire l’umore della tifoseria credo sia non solo opportuno ma addirittura doveroso!
        Perché mai dovremmo autocensurarci, se è questo il Ns pensiero?
        Fammi capire: chi dovremmo tutelare?

  6. Fonseca…il viso smarrito, le braccia sempre conserte…non una parola quando gli altri allenatori urlano, sbraitano e danno consigli. Una squadra di ex calciatori, senza motivazioni, carattere, dignità e posizionati in campo malamente. I cambi sempre al 70° quando è evidente che dovresti intervenire molto prima. Due portieri che messi insieme non ne fanno uno di prima categoria, con tutto il rispetto per la prima categoria. Una società da mesi silente, composta da personaggi eterogenei che non ci hanno mai messo la “faccia”. I tanti infortuni che denotano una evidente mancanza di preparazione e se ti infortuni, il rientro non ha giorni ma mesi!! Insomma questa è attualmente la Roma. Servirebbe una rivoluzione totale e a noi tifosi altri anni…troppi…di altre umiliazioni. Forza Roma.

Comments are closed.