romanews-dzeko-rrhmani-verona-roma.jpg
Foto Getty

CONTI ALLA MANO – ‘Conti alla Mano’ è la rubrica ideata e realizzata da Romanews.eu per cercare di capire meglio il rendimento della Roma attraverso le statistiche avanzate. Ogni settimana proporremo gli spunti più interessanti, provando ad analizzarli e a spiegarli in modo semplice. Oggi parliamo del grande cinismo avuto dalla Roma contro il Verona, come evidenziato dalle statistiche del match.

Le statistiche di Verona-Roma: giallorossi imprecisi nelle giocate e in difficoltà nel palleggio

La Roma ha vinto 3-1 contro il Verona. Un successo molto importante per i giallorossi, che restano così in zona Champions. La partita però è stata tutt’altro che semplice. La squadra di Juric ha messo in grande difficoltà i capitolini, attraverso un pressing asfissiante e a tutto campo. Così la Roma si è mostrata molto più imprecisa del solito nel palleggio. La percentuale di passaggi riusciti è stata infatti appena del 74% (record negativo in stagione), con ben 26 palloni persi. Anche il possesso palla è stato al di sotto degli standard giallorossi (42,2%). Numeri che potevano costare caro in più di un’occasione agli uomini di Fonseca durante la gara, vista la bravura degli scaligeri nelle ripartenze.

romanews-legenda-statistiche-2-2.jpg

Il grande cinismo della Roma contro il Verona: 142% di efficienza realizzativa

La Roma però è riuscita comunque a battere il Verona meritatamente. Ciò è avvenuto soprattutto grazie alla grande differenza qualitativa tra le due squadre, che ha permesso ai giallorossi di capitalizzare al massimo la propria prestazione sottotono. Con solo 12 conclusioni, infatti, la Roma ha creato ben 2,11 xG (cioè l’indice della pericolosità dei tiri tentati). In questo modo ogni sua conclusione ha prodotto mediamente 0,176 xG (quarto miglior dato stagionale). Così come dei pochi passaggi fatti (330), addirittura 12 sono stati chiave, cioè oltre il 3,6% (la media stagionale è del 2,6%).

Questo anche grazie alla solita gigantesca prestazione di Pellegrini, autore di 3 passaggi chiave, 1 dribbling e 1 assist (il migliore dei suoi). I giallorossi hanno inoltre segnato 3 reti, facendo registrare un’efficienza realizzativa (rapporto tra gol e xG) del 142%. Si tratta del record stagionale per la squadra di Fonseca, che nelle difficoltà ha saputo quindi sfruttare le occasioni avute con grande cinismo e determinazione, conquistando così i 3 punti.

verona-roma-statistiche

Altri spunti statistici del match: i problemi difensivi dei giallorossi al Bentegodi

A Verona purtroppo la Roma ha faticato anche dal punto di vista difensivo. I giallorossi hanno vinto pochissimi contrasti (7, altro record negativo stagionale), dimostrando di patire l’alta aggressività degli scaligeri. E così i capitolini hanno concesso ben 1,22 xG. In particolare l’Hellas ha attaccato molto sulla propria fascia sinistra, dove ha realizzato addirittura 5 dei suoi 12 dribbling totali. Questo grazie alla deficitaria prestazione di Santon (solo il 50% dei contrasti vinti e 2 dribbling subiti) e al poco aiuto fornito da Under in ripiegamento. Pure Veretout in un contesto del genere è venuto meno (1 solo pallone recuperato e 0 contrasti vinti). Il francese ha infatti perso completamente la sfida a centrocampo con Amrabat (6 dribbling riusciti su 6 per il marocchino).

L’unico giallorosso positivo in interdizione è stato invece Diawara, con 5 palloni recuperati e 3 contrasti vinti (quasi il 50% di tutta la squadra). La bella prova difensiva del guineano non è però bastata per contenere efficacemente gli attacchi gialloblù, che sono sfociati spesso in cross molto pericolosi (29, mai i capitolini ne avevano concessi così tanti in questa stagione). La grande salvezza della Roma è stata la capacità di mantenere sempre una linea difensiva abbastanza alta, che ha portato a 2 fuorigioco essenziali per evitare di prendere un altro gol.

(fonte dei dati: WhoScored.com, Understat.com e Infogol)

Leonardo Gilenardi




Print Friendly, PDF & Email