romanews-fonseca-verona-roma.jpg
Foto Getty

VERONA ROMA FONSECA INTERVISTA – Tutte le dichiarazioni del mister giallorosso Paulo Fonseca in occasione di Verona-Roma, match valido per la quattordicesima giornata di Serie A.

Fonseca a Sky Sport

Terza vittoria di fila nel campo più difficile, è una sorta di esame di maturità?
È vero, è una vittoria di grande atteggiamento e spirito di squadra. Abbiamo giocato contro una bella squadra, che difende bene, molto aggressiva in fase difensiva. Non abbiamo fatto un bel gioco con la palla. Ma contro squadre così l’atteggiamento è molto importante.

Ottavo assist per Pellegrini, si aspettava avesse tutta questa qualità?
Sì, chi lo conosce sa che è un grandissimo giocatore. Nell’ultima decisione è un grande giocatore.

Squadra con idee chiare, sa prendersi i giusti rischi. Sono calcolati?
Sì, devo dire che la squadra è migliorata molto difensivamente. L’equilibrio difensivo è molto importante. Quando siamo sicuri dal punto di vista difensivo la squadra ha più fiducia. Difendere bene è molto importante per noi.

Sei un bravo maestro, i tuoi giocatori apprendono velocemente. Tu hai questa voglia di dominare la partita, perché cambiare? La rimandi o insistiti su questo discorso?
Grazie per le parole. Non so se ho capito bene. Ma devo dire che noi vogliamo essere più dominatori, avere la palla è importante e mi piace quando la squadra gioca nella metà campo offensiva. In questa partita non è possibile. La profondità è più importante della circolazione. Non abbiamo preparato la questione profondità perché con una squadra molto aggressiva nel pressing dobbiamo pensare a giocare veloce e con profondità. È vero che io voglio un gioco con la palla, sempre vicino alla porta avversaria.

Avete cambiato qualcosa quando avete visto tutti questi infortuni muscolari?
No, il lavoro è lo stesso anche perché non abbiamo tanti problemi muscolari. Sono problemi traumatici, ma non abbiamo cambiato niente.

Fonseca a Roma Tv

Questa è una Roma dai tanti volti, che sa vincere e dominare. Vincere le partite come questa fanno fare il salto di qualità…
“E’ stata una grande vittoria. Non è facile giocare con una squadra come l’Hellas. La cosa importante non era avere la palla, ma salire veloce e attaccare in profondità. Abbiamo fatto bene, sofferto molto, ma è la vittoria dell’atteggiamento della squadra”.

Cosa le è piaciuto di più e cosa bisogna migliorare?
“Non dobbiamo dimenticare che abbiamo giocato pochi giorni fa una sfida importante. Oggi ha piovuto molto e fisicamente è stata una gara impegnativa. Mi ha piaciuto il grande atteggiamento della squadra, anche se abbiamo avuto un problema sulla fascia destra, con molti giocatori dell’Hellas che spingevano. Dobbiamo imparare da questa situazione”.

L’esperienza della partita contro l’Atalanta è servita a confrontarsi contro questo Hellas?
“Sì, è servita molto quella sfida per preparare questa”.

Ero molto preoccupato per questa partita. La squadra ha lottato con lo spirito giusto e ha mostrato atteggiamento da grande squadra
“Ero preoccupato anche io perché non è facile giocare con squadre con queste caratteristiche che marcano a uomo. Penso che i miei giocatori hanno lottato e hanno mostrato lo spirito di squadra che voglio. Solo così possiamo vincere queste partite”.

Poco fa abbiamo sentito Pellegrini e ci ha detto che c’è spirito di sacrificio di tutti. Questo è un segnale importante…
“Sì, parlo sempre ai miei giocatori dicendo che la cosa più importante è lottare tutti insieme. Se facciamo questo, con la qualità che abbiamo, possiamo attaccare meglio. E’ troppo importante avere questa mentalità”.

Fonseca in conferenza stampa

Importante aver recuperato Mkhitaryan?
Tecnicamente è molto forte, ha giocato molto bene. Ha aiutato la squadra. Ha fatto un bellissimo gol, su una gran giocata di Pellegrini e Perotti.

Continua a non guardare la classifica?
Certo che la guardo, ma adesso per me è importante la prossima partita. Sarà un grande test. Dobbiamo recuperare dei giocatori per questa partita.

Cosa ha chiesto ai suoi giocatori prima della partita?
L’abbiamo preparata in un giorno. Abbiamo dovuto cambiare di molto il modo di pensare la partita. È una squadra difficile da affrontare, è molto aggressiva. L’abbiamo preparata con grande obiettività. La profondità è stata importante per noi. Sappiamo di dover avere un buon atteggiamento. Oggi non abbiamo fatto benissimo con la palla, abbiamo giocato con un miglior atteggiamento difensivo.

L’Inter è troppo più forte?
In questo momento la classifica dimostra che sono più forti. Crediamo di potercela giocare.

Kluivert come sta?
Vediamo, penso non sia grave.

L’avevate preparata così?
Avevo detto che la cosa più importante non era avere la palla, ma andare in profondità. L’avevamo preparata così.

Dove il Verona vi ha messi più in difficoltà?
Sull’out di sinistra. Si sovrappongono molto su quel lato.

C’è un giocatore del Verona che vorrebbe allenare?
Adesso non cambierei i miei giocatori con nessuno.




Print Friendly, PDF & Email
Claudia Belli
"Non c’è un altro posto del mondo dove l’uomo è più felice che in uno stadio di calcio". Datemi, poi, anche carta e penna per poterlo raccontare e allora sì che sarà tutto perfetto. Laureata in Mediazione Linguistica e Interculturale a La Sapienza, mi piace viaggiare per il mondo parlando più lingue possibili. Per il momento ne conosco 4: italiano, inglese, spagnolo e portoghese (anche la variante brasiliana), ma spero di poter ampliare il mio bagaglio linguistico il più presto possibile.

3 Commenti

  1. Pellegrini e’ rientrato bene e mi sembra l’ unico, da quando manca De Rossi, capace a mettere una palla verticale nell’ area avversaria sui piedi di Dzeko o di Kluivert .. ma commette ancora tanti errori .. anche grossolani .. spero che Fonseca sia in grado di dirgli come migliorarsi e, se cosi’ fosse, e se lui ci riuscisse, allora la Roma diventerebbe davvero una grande Roma .. ma siamo in un periodo ancora embrionale ..

Comments are closed.