romanews-roma-nicolato-intervista
Foto Getty

UNDER 21 NICOLATO ZANIOLO KEAN – Il tecnico dell’Under 21, Paolo Nicolato, è tornato a parlare dell’esclusione di Zaniolo e Kean dalla Nazionale maggiore. Queste le sue parole a Radio anch’io Sport: “Zaniolo e Kean sono due giocatori di talento con grandissime qualità, ma devono rispettare le regole e fare la riflessione giusta su qualche errore. Devono fare un certo tipo di percorso, e capire che l’attività va svolta in un certo modo. Sbagliare non è un grande problema, semmai il problema è non imparare dagli errori. Fare il calciatore non è solo avere qualità di gioco, ma fare un insieme di cose nel lavoro di gruppo, con regole che non sono tante, ma vanno rispettate”. Sul giocatore giallorosso aggiunge: “Può funzionare in qualsiasi ruolo, in qualsiasi zona del campo. L’abbiamo utilizzato in Nazionale in varie posizioni, le sue qualità sono di tale portata che può essere impiegato in qualsiasi parte”.

Print Friendly, PDF & Email

4 Commenti

  1. Avete rotto ercaxxo con questa storia….. Buffon scommetteva… Mauri alias samantha se vendeva le partite quello che combinarono Mancini (attuale mister) e vialli ancora se ne parla…. e di Ballotelli che vogliamo dire… e mo perchè è un giocatore della Roma quando non avete uncaxxo di cui scrivere ritirate fuori sta storia…BASTA!!!! Chi caxxo è nicolato? ha mai giocato a pallone? o è il solito raccomandato in federazione???
    FORZA ROMA

  2. In effetti, ancora a parlare di questo dopo 3 mesi, sembra che abbiano ammazzato qualcuno.
    A me l’indisciplina da’ fastidio, ma l’ipocrisia ancora di piu’…

  3. Concordo in pieno con roberto, naturalmente tutti a rompere le palle con Zaniolo e Kean, uno perché è della Roma l’altro perché è stato appena venduto dalla Juventus, ed ed invece nessuno che parli di Luca Pellegrini, comprato dalla Juve, girato in prestito al Cagliari e subito convocato in nazionale maggiore saltando di netto la under 21. Allo schifo non c’è mai fine

  4. Sì questa storia di Kean e Zaniolo indisciplinati “cronici” è una lagna e ormai se ne potrebbe anche fare a meno. Credo peraltro che i due calciatori abbiano recepito il fatto che hanno sbagliato. Adesso basta, per pietà, se non si vogliono solo appiccare etichette. Nel calcio esistono ben altre “piaghe” ( doping, scommesse, delinquenza comune mischiata al tifo organizzato, ecc.) e ci sono anche calciatori (molto famosi…) accusati di stupro… “Don” Nicolato (ed altre anime belle sparse per il mondo) come mai non indirizza i suoi “sermoni” anche verso questi fenomeni?

Comments are closed.