romanews-roma-faccia-a-faccia-toloi-mancini
Foto Getty

ATALANTA ROMA TOLOI MANCINI – I giallorossi sono entrati ufficialmente in un periodo di crisi: se le prestazioni negative del 2020 erano state allontanate dalla bellissima prestazione del derby, le sconfitte schiaccianti con Sassuolo e Bologna rimettono in discussione la Roma. Sorpassata in classifica dall’Atalanta, i capitolini affronteranno proprio i bergamaschi nella prossima sfida di campionato. Gian Piero Gasperini può contare su una rosa al completo per provare ad allungare ancora di più sulla diretta concorrente al quarto posto. Fonseca, dal canto suo, conta ancora i molteplici infortuni (vedi Zaniolo e Diawara) e uno squalificato (Cristante).

Faccia a faccia: Rafael Toloi

Rafael Toloi è uno degli ex di questa sfida. Il brasiliano è arrivato nella Capitale durante il mercato invernale della stagione 2013/14, in prestito dal San Paolo. Il difensore non ha avuto un’avventura fortunata con i giallorossi, dove in 6 mesi ha collezionato solo 5 partite, per un equivalente di 379 minuti. Dopo il rientro in patria, Toloi è stato acquistato a titolo definitivo dall’Atalanta nel calciomercato del 2015. Con la Dea diventa subito il titolare indiscusso, e infatti già dal primo anno colleziona 24 presenze in Serie A, per un complessivo di 1889 minuti, e un gol, arrivato proprio alla sua seconda apparizione con i nerazzurri. Eccezion fatta per la stagione successiva, Toloi ha trovato ogni anno una rete. Inoltre, ha fornito anche molti assist: dal 2017/18 ne ha collezionati ben 12. Quest’anno è uno stakanovista nell’Atalanta: su 23 partite, ne ha saltate solamente 2. Ha giocato sempre per 90′ (anche in Champions League) eccetto contro SPAL e Lecce. Il brasiliano ha inoltre trovato il gol di recente, nella sfida pareggiata contro il Genoa.

Faccia a faccia: Gianluca Mancini

Un altro ex di questa sfida è Gianluca Mancini, arrivato proprio dall’Atalanta nella sessione estiva del calciomercato. Il difensore era stato già accostato ai giallorossi a gennaio dello scorso anno, ma l’operazione è stata conclusa solamente il 17 luglio con un prestito con obbligo di riscatto. Subentrato nella prima partita di campionato contro il Genoa, già contro la Lazio (seconda giornata di campionato, ndr) si è guadagnato il posto da titolare, che non ha mai mollato. Assieme al suo compagno di reparto Smalling hanno costruito un muro (quasi) invalicabile, e la dimostrazione c’è stata contro l’Inter. I nerazzurri fino alla sfida contro la Roma, grazie alla coppia Lukaku-Lautaro, era andata a segno in ogni partita. Ma i due difensori hanno detto ‘no’ in modo magistrale e proprio contro i giallorossi per la prima volta in campionato è mancato il gol. Ma l’incantesimo nel 2020 è svanito e quella coppia di supereroi ora sembra più umana che mai. Contro il Sassuolo quasi tutti i gol sono arrivati da errori di Mancini, mentre contro il Bologna Smalling ha lasciato sfilare la palla della prima rete dei rossoblù. Ma contro l’Atalanta la Roma è in emergenza centrocampisti, e probabilmente il difensore ex Bergamo sarà schierato qualche metro più avanti per prendere le veci di Cristante diffidato. Contro la sua ex squadra, che fa dell’attacco il suo punto forte, dovrà dimostrare che il Mancini delle scorse partite era solo il fratello del Gianluca che conosciamo.

Claudia Belli

Print Friendly, PDF & Email
Claudia Belli
"Non c’è un altro posto del mondo dove l’uomo è più felice che in uno stadio di calcio". Datemi, poi, anche carta e penna per poterlo raccontare e allora sì che sarà tutto perfetto. Laureata in Mediazione Linguistica e Interculturale a La Sapienza, mi piace viaggiare per il mondo parlando più lingue possibili. Per il momento ne conosco 4: italiano, inglese, spagnolo e portoghese (anche la variante brasiliana), ma spero di poter ampliare il mio bagaglio linguistico il più presto possibile.

1 commento

  1. Apro e chiudom una parentesi .. Toloi, comprato da Sabatini, 5 milioni .. Mancini comprato da .. manco me ricordo piu’ e nemmeno me ne frega piu’ .. 23 milioni .. ciaoooneee .. e poi qualcuno diceva pure che Sabatini ce faceva la cresta, eh ?

Comments are closed.