STRISCIONE TOTTI LONDRA BALDINI – Continua la contestazione dei tifosi contro la società, che ieri ha comunicato alla stampa di non voler rinnovare il contratto a Daniele De Rossi dopo 18 anni. Non solo a Roma, ma anche Londra è stata presa di mira. Tra le strade inglesi è apparso nella notte uno striscione, che ha come bersaglio la società. “Prima Totti poi DDR, Baldini verme”. Il chiaro riferimento è al dirigente e alla sua volontà di non aver voluto proseguire il rapporto calcistico prima con Totti e ora con De Rossi.

Print Friendly, PDF & Email

6 Commenti

  1. Enrico le modalita´si discutono le modalitá Totti ha dovuto organizzare il tutto in 5 giorni fino alla fine non si sapeva neanche se avesse continuato un altro anno..e´stato preso a calci in culo cosi come ddr , comunicatogli a 10 giorni della fine del campionato…ma a te in c..o ti entra ma in testa no

  2. Ancora con il divo?? E si, perché dovevano giocare entrambi fino ai 60? Che idioti!!! Farsi riconoscere anche fuori dal gra.
    Fanno spallucce per una proprietà di m****a che in otto anni ha dato risultati di campo pari a zero e reso l’as Roma ridicola, invece se gli tocchi «le divinità» ormai mummificate…idolatria, da ambiente malato delirante!!!

    • Chi è che fa spallucce ? Mi sembra che quello che i veri tifosi della Romastanno facendo contro questa società sia sotto gli occhi di tutti. Tu dove vivi ?
      Noi ci riconosciamo in “due divi” come li hai chiamati te che hanno dato tantissimo alla Roma. Tu fatti rappresentare da questa società di incapaci. Stai bene così.

    • @Linus: Tu sei il primo che si ricorda solo quello che fà comodo, De Rossi anche con una gamba sola quest’anno ha retto la baracca in mezzo ad una manica di pippe, ma tu forse durante le partite ti trovavi in fondo a sinistra

  3. Dovrebbero essere i giocatori a ringraziare la Roma e i tifosi per poter smettere di lavorare a 35 anni da miliardari.

    Altro che il contrario.

    Provassero a lavorare un anno in fabbrica o nell’edilizia. Poi vedemo che deve ringraziare chi.

Comments are closed.