Foto Tedeschi

STADIO ROMA EURNOVA – In giornata è arrivata la delibera per l’annullamento del pubblico interesse in merito al progetto dello stadio di Tor di Valle. La Roma adesso potrà così lavorare per identificare una nuova zona e presentare un nuovo progetto in cui costruire l’impianto. Non soddisfatta della decisione resta però la proprietaria dei terreni, Eurnova, che ha inviato una nota per esprimere la sua contrarietà per quanto accaduto oggi in Assemblea Capitolina.

Leggi anche:
Stadio, Fienga: “Lieti della decisione dell’Assemblea Capitolina, si apre una pagina nuova per la Roma”

Stadio Roma, la nota di Eurnova contro la decisione dell’Assemblea Capitolina

«L’Assemblea di Roma Capitale ha scritto una delle pagine più tristi dell’urbanistica per soddisfare un interesse elettorale. La sindaca ha infatti accolto il voto della delibera che revoca l’interesse pubblico sull’area di Tor di Valle annunciando un incontro con la proprietà della A.S. Roma, ulteriore evidenza che tale decisione è stata portata avanti non nell’interesse dei cittadini ma per ottenere il favore di una società di calcio. Come sottolineato nel dibattito in Aula, infatti, la delibera, tra le altre cose, lascia orfani i cittadini dei numerosi interventi di pubblica utilità a miglioramento del quadrante».

«La procedura cui si è dato corso risulta palesemente illegittima per questo motivo un team di avvocati è già in fase avanzata di lavoro e depositerà tutti gli atti volti a dimostrare l’invalidità e l’inopportunità della delibera approvata oggi e i danni che la società proponente ha subito e di cui dovrà essere risarcita, come già spiegato nelle precedenti comunicazioni inviate in via bonaria anche ai singoli consiglieri. Al di là delle questioni che i tribunali, in tutte le sedi, dovranno valutare, resta il fatto che davanti al mondo dei grandi investitori Roma Capitale ha di nuovo dimostrato di non essere in grado di guidare processi lineari e di dare certezze a chi vuole creare lavoro e sviluppo a Roma».

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicità

3 Commenti

    • Questi 11 anni in serie b ci hanno reso ridicoli di fronte a tutto il mondo. Per fortuna che abbiamo bandiere come chinaglia o di Canio. E non dimentichiamoci del martire Diablo.

  1. Interessante! Quindi, se ho capito bene, un cittadino può inviare “in via bonaria” comunicazioni ai singoli consiglieri comunali per cercare di convincerli sulle decisioni da prendere.
    E come si accede a tale servizio?
    Sul portale del comune non lo trovo…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here