STADIO DELLA ROMA GUALTIERI – Il candidato sindaco di Roma per il Pd, Roberto Gualtieri, è intervenuto all’emittente radiofonica Rete Sport parlando della revoca dello Stadio di Tor di Valle e delle sue idee per il futuro impianto della squadra giallorossa. Ecco le sue parole:

Oggi è una giornata importante per la revoca del pubblico interesse per il progetto di Tor di Valle. Cosa pensa di questa soluzione?
“Questo è un passaggio importante. Siamo sconfortati dai problemi della delibera. Il Pd ha fatto degli emendamenti per renderla più forte e ieri sono stati sottoscritti anche dal Movimento 5 stelle. Oggi dovrebbero votare il tutto e dopo anni di promesse è ora di dotare la Roma di uno stadio. Si può aprire una nuova fase.”

Lo Stadio è oggetto di campagna elettorale? Lei ha già avuto dei contatti con i proprietari?
“La società ha delle idee su come costruire lo stadio per la squadra senza fare altre operazioni urbanistiche. Io penso che sia una cosa così importante e sconsiglierei tutti i candidati da farci la campagna elettorale. Questo sarebbe solo il modo migliore per fare confusione. La città ne ha abbastanza di promesse e di pasticci. Bisogna avere più serietà e rigore. Io non polemizzo con nessuno, con Calenda poi è più facile perchè lui fa tantissime polemiche. Serve un percorso tecnico e di dialogo.”

Ad oggi quindi non è prematuro poter parlare di aree per il progetto?
“No, è giusto che ci sia un dibattito e che tutti dicano la loro. Io dico solo che bisogna arrivare ad una soluzione coinvolgente e condivisa con la società. Non si deve perdere tempo, serve fare un lavoro d’istruttoria molto serio per finalizzare questa operazione che è molto importante. Su questa vicenda si è fatta tanta confusione.”

Per la tempistica siamo legati al nuovo sindaco?
“Secondo me prima si parte è meglio è. Per questo ho invocato una partecipazione bipartisan. Io ho chiesto anche al governo insieme agli altri candidati di proporre Roma per l’Expo. Il Partito Democratico sta facendo anche il ruolo della maggioranza per aiutare nella delibera così da poterla votare e da quel momento si può partire per i passaggi successivi.”

Leggi anche:
Sette emendamenti per la revoca del pubblico interesse

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicità

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here