Terzini-Roma-Florenzi
Foto Getty

SPIEGATO BENE DARIO MASTROIANNI – Analizzare, approfondire, sviscerare, insomma… spiegare bene. È questo l’intento della rubrica di Romanews.eu che vi offre una nuova chiave di lettura per capire a fondo l’argomento del giorno in casa Roma. Lo faremo attraverso l’opinione di un personaggio illustre, del mondo del calcio e non. Oggi è il turno di Dario Mastroianni, voce di DAZN per le partite della Liga.

Carles Perez, ultimo acquisto dei giallorossi

La premessa è che pensare di avere il sostituto di Zaniolo è impossibile, anche dal punto di vista fisico. Perez è più vicino ad uno come Under, l’impatto non so quanto possa essere facile: uscire dall’ecosistema del Barcellona non è semplice. La Roma ha conosciuto sulla sua pelle uno come Bojan, ma possiamo fare mille nomi: come Tello, Rafinha ecc… Perez ha delle qualità: è rapido e bravo nell’uno contro uno. Andrà integrato nel calcio di Fonseca, che sembra sposarsi bene con le sue caratteristiche. La rabbia dei tifosi? Credo si possa spiegare con il fatto che quest’anno il calciatore ha avuto minutaggio in Liga e Champions, ha segnato con l’Inter e il tifoso del Barcellona in lui ha visto qualità, in un momento in cui il Barca sta faticando a far vedere un certo tipo di gioco”.

Su Alessandro Florenzi e la sua imminente partenza

“Secondo me si adatterà al calcio spagnolo: è più tecnico, si tiene di più il pallone e le sue caratteristiche si possono sposare bene sia con il modo di giocare in Liga, ma anche del Valencia. Va a sostituire un giocatore come Piccini, che quest’anno ha avuto diversi problemi. Porterà in Spagna tutta la sua esperienza e conoscenza difensiva, che sicuramente lì può fare la differenza”.

Gonzalo Villar, il giovane centrocampista dall’Elche

“Non l’ho mai commentato, né avuto modo di vederlo. Son curioso di vedere se avrà subito spazio in Italia e con la Roma. Tanto dipenderà dal contesto, da chi hai attorno: se un centrocampista ha delle qualità in costruzione e visione di gioco, puoi fare bene anche se vieni dalla Segunda Division. Parliamoci chiaro: in Italia non ci sono ritmi alti. C’è la possibilità di venire dalla seconda divisione spagnola e fare bene. Magari ti dico non sarebbe stato possibile se fosse andato in Premier League, ma con la Serie A è un discorso diverso”.

Tagliaboschi-Gilenardi

Print Friendly, PDF & Email
Claudia Belli
"Non c’è un altro posto del mondo dove l’uomo è più felice che in uno stadio di calcio". Datemi, poi, anche carta e penna per poterlo raccontare e allora sì che sarà tutto perfetto. Laureata in Mediazione Linguistica e Interculturale a La Sapienza, mi piace viaggiare per il mondo parlando più lingue possibili. Per il momento ne conosco 4: italiano, inglese, spagnolo e portoghese (anche la variante brasiliana), ma spero di poter ampliare il mio bagaglio linguistico al più presto possibile.