romanews-roma-chris-smalling-conferenza-stampa
Foto Tedeschi

SMALLING CONFERENZA STAMPA – Dopo un’infinita trattativa con il Manchester United, Chris Smalling è tornato alla Roma. Questa volta lo fa a titolo definitivo, avendo firmato un triennale a tre milioni di euro a stagione. Alle 15 la conferenza stampa di presentazione (insieme al nuovo acquisto Borja Mayoral) a Trigoria in cui il difensore inglese risponde alle domande dei cronisti.

La conferenza stampa di Smalling

Guido Fienga, CEO della Roma, presenta i due nuovi acquisti Smalling e Borja Mayoral: “Oggi sono particolarmente orgoglioso di poter presentare insieme Smalling e Borja Mayoral: sono giocatori che provengono da due dei più importanti club del mondo e che hanno scelto la Roma di loro volontà. Con Borja si è creato subito grande feeling, il Real Madrid aveva insistito per trattenerlo. Ha voluto fortemente essere qui. Sono due ragazzi bravi e motivati, aiuteranno la Roma a centrare i suoi ambiziosi obiettivi: sono due colonne di questo progetto”.

Sky Sport: è un piacere vederti qui di nuovo. Pensi che con Kumbulla, Pedro e Borja Mayoral la squadra sia più forte dello scorso anno?
“Grazie, sono molto contento di essere qui. Sono convinto che la squadra sia più forte quest’anno grazie all’esperienza maturata lo scorso anno: abbiamo mantenuto la nostra ossatura. Non vedo l’ora di iniziare, vogliamo toglierci grandi soddisfazioni”.

Roma Tv: quali sono le tue sensazioni dopo i primi giorni di lavoro a Trigoria?
“Ho provato pura felicità al mio arrivo, non avevo mai sentito un affetto così da parte dei tifosi. Ho voglia di ricambiare questo affetto aiutando la squadra a vincere un trofeo”.

Ansa: dopo il tuo ritorno, molti tifosi vorrebbero che diventassi il nuovo capitano, per l’attaccamento che hai dimostrato. Accetteresti di esserlo?
“Ritengo che la Roma abbia uno dei migliori capitani al mondo, ovvero Edin Dzeko. Voglio essere un leader dentro e fuori dal campo, come sono riuscito a fare la scorsa stagione. Voglio lavorare per diventarlo anche fuori dal campo e quindi intendo imparare l’italiano. Qui in squadra ci sono comunque molti leader, ed Edin è uno di questi”.

Il Corriere della Sera: un’altra ragazza è stata trovata anche grazie al video della tua presentazione. Sei sempre molto attento alle questioni sociali, puoi parlarci del tuo impegno in questo senso?
“La campagna per il ritrovamento dei bambini scomparsi aveva riscosso già successo lo scorso anno, sono orgoglioso di farne parte: questi temi sono più importanti del calcio. La Roma è un esempio in queste iniziative. La Roma ha da subito mostrato disponibilità a collaborare con la mia fondazione per i bambini: è stata da subito un’accoppiata perfetta”.

Il Tempo: quanto ha contato, nella tua scelta di tornare, il fatto di vivere nella città di Roma?
“Avevo voglia di rivivere le gioie della passata stagione con questa squadra e questo allenatore. Anche la città è molto piacevole. La trattativa è stata lunga e sofferta, sono grato alla Roma per essere qui e voglio ripagare la fiducia”.

Retesport: c’è una nuova proprietà da quando sei arrivato. Avverti qualche differenza rispetto alla vecchia gestione?
“Una volta a Trigoria ho avuto modo di incontrare Guido Fienga e Ryan Friedkin, è stato un piacere conoscere i nuovi proprietari. Sono sempre presenti, anche l’altro giorno hanno seguito l’allenamento: ci fanno sentire molto uniti e compatti, come una vera e propria famiglia. Mi è capitato pochissime volte in carriera vedere i proprietari di un club così vicini alla squadra”.

.

Print Friendly, PDF & Email