SIVIGLIA ROMA, L’AVVERSARIA – Archiviato il campionato e il quinto posto in classifica, la Roma si prepara a tornare sul palcoscenico europeo, per affrontare il Siviglia nella gara valida per gli ottavi di finale di Europa League. La squadra di Fonseca arriva alla sfida carica e fiduciosa dopo i successi conquistati nelle ultime settimane, ma gli uomini di Lopetegui non vanno sottovalutati.

Prossimi impegni

Siviglia-Roma (ottavi di finale di Europa League, 6 agosto ore 18.55, Schauinsland-Reisen-Arena)

Come il Siviglia arriva alla sfida contro la Roma

La Liga è ripartita a metà giugno dopo lo stop causato dal Covid-19 e si è chiusa ufficialmente il 19 luglio. Il Siviglia ha conquistato il quarto posto in classifica con 70 punti, dietro a Real Madrid, Barcellona e Atletico Madrid. L’ultimo match disputato in campionato dalla squadra di Lopetegui è andato in scena proprio il 19 luglio al Sánchez-Pizjuán. I biancorossi hanno battuto il Valencia 1-0 grazie al gol messo a segno da Reguilòn al 68′.

Per quanto riguarda invece l’Europa League, il Siviglia ha terminato la fase a gironi in testa al Gruppo A, con 15 punti, 5 vittorie e una sola sconfitta, davanti a APOEL, Qarabag e Dudelange. Successivamente gli uomini di Lopetegui hanno affrontato il Cluj nelle due gare valide per i sedicesimi di finale. Il match di andata, andato in scena allo Stadio Constantin Rădulescu, è terminato con il risultato di 1-1: i padroni di casa sono passati avanti al 59′ grazie alla rete messa a segno da Deac, ma gli spagnoli hanno poi replicato all’82’ con En-Nesyri. La sfida disputata al Sánchez-Pizjuán è invece finita a reti inviolate, consentendo però agli spagnoli di passare il turno grazie al gol realizzato precedentemente in trasferta.

Punti di forza e debolezze

Il Siviglia è subito ripartito bene dopo la pausa forzata: nelle ultime 11 partite disputate in Liga ha conquistato 6 vittorie e 5 pareggi, ha messo a segno 15 reti (media di 1,3 a partita) e ne ha incassate 5 (media di 0,5 a partita). Non è quindi mai stato sconfitto da quando è tornato in campo dopo l’emergenza sanitaria in Spagna. Il miglior marcatore in campionato è Ocampos, a quota 14 gol in 33 presenze. Banega e Navas sono invece i due giocatori che hanno servito più assist (7).

Negli 8 match disputati finora in Europa League il Siviglia ha ottenuto 5 vittorie, 2 pareggi e una sconfitta, ha realizzato 15 gol (media di 1,88 a partita) e ne ha subiti solo 4 ( media di 0,5 a partita). In totale gli spagnoli hanno effettuato 123 tiri, di cui 50 nello specchio, 60 fuori e 40 respinti. I cross tentati sono stati 182, 82 dei quali riusciti (45%). Per quanto riguarda invece i passaggi, la squadra di Lopetegui vanta una percentuale di precisione pari all’89% (5224 completati su 5869 totali). Il Siviglia se la cava piuttosto bene anche per quanto riguarda il possesso palla: in media detiene il 68%.

Fino a questo momento ha incassato gol soltanto nel secondo tempo (100% dei gol subiti arrivati tra il 59′ e l’80’). Un’occhiata al cronometro rivela invece che tende ad essere più pericoloso nell’ultimo quarto d’ora di gioco (33% dei gol realizzati tra il 75′ e il 90′). I biancorossi conoscono bene la competizione europea: hanno conquistato il trofeo ben 5 volte dal 2005 al 2016.

Il miglior marcatore biancorosso in Europa League è Munir, a quota 5 gol in 5 presenze. E’ anche il giocatore che ha effettuato più tiri (11). Fernando è il migliore invece per quanto riguarda i duelli aerei vinti a partita (media di 4 a match). Qualora non dovesse farcela per il match, l’assenza di Gudelj, positivo al Covid-19, si farà sentire: il centrocampista vanta infatti la più alta percentuale di precisione dei passaggi effettuati (96%) ed è stato il giocatore più impiegato finora nella competizione europea da Lopetegui (8 presenze su 8 gare). Per quanto riguarda invece la difesa, più nel dettaglio le performance dei due portieri Vaclik e Bono, i due hanno effettuato 16 parate in 8 gare e hanno collezionato 5 clean sheet (62,5% dei match disputati senza subire gol).

Le scelte di Lopetegui per Siviglia-Roma

Il 4-3-3 è il modulo più utilizzato dal Siviglia di Lopetegui in campionato e in Europa League. L’unico giocatore in dubbio per il match contro la Roma sembra essere Gudelj, risultato positivo al Coronavirus dopo i tamponi effettuati il 26 luglio. Il centrocampista è presente nella lista UEFA degli spagnoli, a cui sono stati aggiunti di recente Dìaz, Pérez e Sànchez, ma con ogni probabilità rimarrà in isolamento ancora per qualche giorno prima di poter tornare in campo. Tra i pali dovrebbe esserci Vaclik, recuperato dopo l’infortunio al ginocchio che lo ha tenuto fermo ai box per le ultime 4 partite di Liga. In difesa ci saranno Navas, Koundé, Diego Carlos e Reguilòn. A centrocampo invece Jordàn, Fernando e Torres. Davanti dovrebbe esserci il tridente d’attacco formato da Ocampos, de Jong e Munir.

La probabile formazione del Siviglia

SIVIGLIA (4-3-3): 1 Vaclik; 16 Navas, 12 Koundé, 20 Diego Carlos, 23 Reguilòn; 24 Jordàn, 25 Fernando, 21 Torres; 5 Ocampos, 19 de Jong, 11 Munir.
A disp.: 13 Bono, 31 Javi Diaz, 3 Sergi Gomez, 18 Escudero, 10 Banega, 22 Vàzquez, 8 Nolito, 7 Lopes, 15 En-Nesyri, 14 Suso.
All.: Julen Lopetegui

BALLOTTAGGI: Suso-Ocampos, Suso-Munir, Banega-Fernando.
INDISPONIBILI:-.
IN DUBBIO: 17 Gudelj.
SQUALIFICATI:-.
DIFFIDATI:-.

Martina Cianni

Print Friendly, PDF & Email

1 commento

Comments are closed.