romanews-roma-kluivert-gol-sassuolo-dzeko-mkhitaryan-pellegrini
Foto Getty

ROMANEWS WEB RADIO SCHIRA – Nicolò Schira giornalista de La Gazzetta dello Sport, è intervenuto ai microfoni di Romanews Web Radio per parlare del momento della Roma, di Florenzi e dei possibili movimenti tra le fila giallorosse. Ecco le sue parole.

Roma su Kean…

E’ un nome da tenere in considerazione, i rapporti tra Raiola e la Roma sono buoni. L’idea che possa trasferirsi a gennaio è concreta. Attenzione al fatto che l’Everton l’ha pagato 30 milioni di euro, si potrebbe impostare l’operazione con la formula del prestito.

Il rinnovo di Pellegrini

Manda un segnale importante perché da quando è arrivato Petrachi i giocatori in scadenza sono stati blindati a partire da Under. Pellegrini rappresenta un giocatore importante perché è il vice capitano. Il rinnovo sino al 2024 porta Pellegrini ad essere un giocatore di prima fascia, se riesce a togliere la clausola rescissoria sarebbe importante perché era una clausola appetibile.

Florenzi in uscita?

E’ una situazione da monitorare perché Florenzi ha bisogno di giocare se vuole andare all’europeo. Il giocatore se dovesse lasciare la Roma dovrebbe farlo solo per un club italiano possibilmente in prestito. Ad oggi più di un sondaggio dalla Sampdoria, la Fiorentina ha solo sondato, c’è il Cagliari e l’Inter non è però una pista da seguire con grande interesse. Qualora dovesse andare via rimarrebbe in Italia. Fonseca nelle ultime 6 gare non l’ha mai fatto giocare né in campionato né in Europa League. Ha bisogno di giocare, è una situazione che ci porteremo avanti per diverse settimane.

Kessié?

Kessié è in uscita dal Milan, i rapporti con Pioli non sono dei migliori, è stato escluso per scelta tecnica e ha pagato qualche multa per dei ritardi in allenamenti. Ci sono delle sirene dalla Cina, l’Inghilterra è su di lui. Occhio a Hysaj come terzino destro che piace molto e poi servirebbe un attaccante perché Dzeko ha bisogno di un cambio. A centrocampo alla fine c’è stata grande emergenza finora ma stanno tutti rientrando, non vedo necessari investimenti in questo reparto.




Print Friendly, PDF & Email
Claudia Belli
"Non c’è un altro posto del mondo dove l’uomo è più felice che in uno stadio di calcio". Datemi, poi, anche carta e penna per poterlo raccontare e allora sì che sarà tutto perfetto. Laureanda in Mediazione Linguistica e Interculturale a La Sapienza, mi piace viaggiare per il mondo parlando più lingue possibili. Per il momento ne conosco 4: italiano, inglese, spagnolo e portoghese (anche la variante brasiliana), ma spero di poter ampliare il mio bagaglio linguistico il più presto possibile.