SASSUOLO ROMA TIKI TATTICA – Si riparte con la Serie A e per la Roma l’impegno non è certamente tra i più semplici: alle 15, al Mapei Stadium, gli uomini di Fonseca sfidano il Sassuolo, nel match valido per la 29° giornata di campionato. Entrambe le squadre arrivano al match in emergenza: i giallorossi devono fare a meno di Mkhitaryan, Villar, Smalling, Ibanez, mentre i neroverdi di Caputo, Berardi, Locatelli, Ferrari, Defrel, Ayhan e Muldur.

Leggi anche:
Sassuolo-Roma, le probabili formazioni

Gli schieramenti

Come già detto, le formazioni di entrambe le squadre saranno fortemente influenzate dalle tante assenze. De Zerbi è pronto a confermare il 4-2-3-1: in porta ci sarà Consigli, poi difesa a quattro con Toljan, Chiriches, Marlon e Rogerio. A centrocampo invece dovrebbe esserci la coppia formata da Lopez e Obiang. Sulla trequarti spazio a Traorè, pronto a sostituire Berardi, Djuricic e Boga. Raspadori dovrebbe invece prendere il posto dell’infortunato Defrel.

Poca possibilità di scelta anche per Fonseca. In difesa recupera Cristante, insieme a lui ci sarà Mancini e uno tra Spinazzola e Karsdorp abbassato con Peres a destra. A centrocampo è sicuro del posto Diawara, al suo fianco favorito Pellegrini su Veretout, che potrebbe giocare uno spezzone di partita. Davanti El Shaarawy e Pedro sostengono l’unica punta Mayoral.

La chiave

Lo stile di gioco e l’identità del Sassuolo sono ben definiti e riconoscibili. Quella di De Zerbi è una squadra che cerca costantemente il controllo del pallone, giocando a terra e senza mai buttare il possesso del gioco. Cercano la costruzione di continui triangoli per dare costanti soluzioni di passaggio e il pressing è sempre molto alto per cercare un pronto recupero del pallone. La Roma tende a trovarsi meglio contro squadra che giocano e che lasciano spazi, proprio come il Sassuolo. Una volta superata la prima linea di pressione, i giallorossi potranno trovare tanti spazi per sfruttare la qualità dei propri interpreti: per questo sarà fondamentale rispondere ai neroverdi con le stesse armi e quindi con il controllo del gioco e del pallone, cercando i tempi e i ritmi giusti per scavalcare il pressing avversario e colpire.

Print Friendly, PDF & Email