SAMPDORIA ROMA SANTON THORSBY – E’ un ritorno al campionato amaro per la Roma, che in Europa League sperava di conquistare a Manchester un punteggio diverso. Come ha detto Fonseca in conferenza stampa, tuttavia, “bisogna rispettare il finale di stagione”. Si parte da domani, con la sfida contro la Samp dell’ex Claudio Ranieri in programma a Marassi alle 20.45. I capitolini, attualmente settimi in classifica, devono guardarsi le spalle dal Sassuolo e allo stesso tempo cercare di chiudere l’annata nel miglior modo possibile. Visti anche gli innumerevoli infortuni, come contro il Cagliari, anche nel match di Genova Davide Santon dovrebbe avere una chance dal 1’. Sul fronte opposto un altro numero 18, Morten Thorsby, che, al contrario, è uno dei più impiegati dal tecnico romano.

Leggi anche:
Sampdoria-Roma, le probabili formazioni

Roma, Davide Santon

Davide Santon esordisce a 18 anni tra i professionisti con la maglia dell’Inter nel match di Coppa Italia proprio contro la Roma. Ma non solo, alla stessa età fa il suo debutto in Champions League, sempre con i nerazzurri, nella gara contro il Manchester United. Chissà che non sia quello il motivo dietro la scelta del numero di maglia. Dal 2018 veste la maglia della Lupa, anche se quest’anno è stato poco utilizzato, anche a causa del Covid, di un infortunio al bicipite femorale e un problema muscolare. Ma quando Fonseca chiama, il terzino risponde. Il tecnico ha bisogno di più risorse possibili, e il numero 18 avrà altre opportunità per scendere in campo da titolare. Per l’ex nerazzurro sino ad ora 5 presenze in campionato (Verona, Juventus, Udinese, Benevento e Cagliari) in stagione, 4 da titolare. Il classe ’91 è ancora a secco di gol e assist, ma conta 2 tiri, il 100% di dribbling riusciti (3 su 3),  l’88,2% di passaggi completati (1 chiave) e 1 big chance creata. Per quanto riguarda il rendimento in fase difensiva, 4 palloni intercettati e 14 recuperati, inoltre 11 contrasti vinti (e 11 persi) e 3 duelli aerei vinti (e 1 perso). Non un’annata particolarmente fortunata per il giallorosso, che però avrà qualche chance da qui alla fine del campionato per incrementare il suo score personale.

Leggi anche:
Roma, domani c’è la Samp: quello che c’è da sapere sui blucerchiati

Sampdoria, Morten Thorsby

Se Santon non ha vestito spesso la maglia da titolare, lo stesso non si può dire per Morten Thorsby. Il centrocampista della Sampdoria vanta 30 presenze in campionato (saltando solo Lazio e Genoa per influenza e Verona per squalifica), di cui 26 da titolare. Il numero 18 non solo un calciatore professionista, ma anche ambientalista ed ecologista, e il suo stile di vita lo testimonia: “Uso l’auto elettrica, e quando la Sampdoria mi ha acquistato sono venuto in Italia dalla Norvegia in macchina”, ha dichiarato a Sky Sport. Tornando al campo, il norvegese è il giocatore blucerchiato che più ha fatto viaggiare il contachilometri (11,8km in media a partita). Non solo, tra i suoi punti di forza anche i duelli aerei (142 vinti a gara). Per il classe ’96 anche tre reti in questa Serie A, rifilate ad Atalanta, Bologna e Verona (al ritorno). In fase di copertura, 244 contrasti vinti (e 223 persi), 24 palloni intercettati e 132 recuperati. I due numeri 18 si troveranno avversari domani a Marassi, e, seppure in ruoli diversi, l’obiettivo sarà lo stesso: aiutare la propria squadra ad ottenere i tre punti. Per la Samp, nona, significherebbe provare a staccare il Verona; per i giallorossi sarebbe un primo passo per cercare di riemergere dalla serata buia di Old Trafford.

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicità