SENTI-CHI-PARLA-3.jpg-radio

SENTI CHI PARLA ALLE RADIO – La rubrica di Romanews.eu “Senti chi parla… alle radio” è lo spazio quotidiano in cui potete leggere i commenti sul mondo Roma di speaker e opinionisti protagonisti dell’etere romano raccolti dalla nostra Redazione.

Ilario Di Giovambattista a Radio Radio Pomeriggio: “La Roma è arrivata a Napoli con 18 punti sul campo. Se avesse vinto si poteva considerare una candidata allo scudetto”.

Guido D’Ubaldo a Radio Radio Pomeriggio: “Pau Lopez ha dimostrato di aver superato le difficoltà, è andato bene in Europa League e potrebbe superare di nuovo Mirante nelle gerarchie”.

Gianluca Lengua a Radio Radio Pomeriggio: “La situazione finanziaria della Roma è preoccupante, i Friedkin hanno salvato il club. Si sta cercando di ristrutturare il debito, probabilmente non verrà fatto mercato a gennaio e a giugno si cercherà di fare delle plusvalenze. La Roma finora ha fatto il suo campionato onesto, senza miracoli. E sugli infortuni devono stare attenti a Trigoria, sono già a 30 stop e siamo solo a dicembre. Contro il Sassuolo non ci saranno Mancini e Veretout. Qualcosa da cambiare c’è”.

Franco Melli a Radio Radio Pomeriggio: “La partita col Sassuolo sarà delicata. Si deve cancellare la delusione di Napoli e si sfida una squadra che è la sorpresa del campionato. Servirà la Roma migliore”.

Alessandro Vocalelli a Radio Radio Pomeriggio: “Nonostante la politica di plusvalenze e cessioni fatta da Pallotta, l’ex presidente è riuscito a produrre quasi 400 milioni di debito. Ma come ha fatto? C’erano spese spropositate. La Roma ha due buoni portieri che si equivalgono, ma in Italia ce ne sono di meglio”.

Francesco Balzani a Centro Suono Sport: “Il colpevole principale del fallimento del progetto stadio è Baldissoni. Ovviamente la politica ha fatto la sua parte, ma l’ex vicepresidente ha le colpe maggiori. Io ora mi aspetto che ci sia un nuovo studio delle aree. Su Tor di Valle i Friedkin hanno frenato, mi aspetto delle sorprese. El Shaarawy a gennaio si può prendere, nonostante i conti”.

Antonio Felici a Centro Suono Sport: “La dichiarazione della Raggi mi sembra una mossa disperata per non farsi travolgere dalla notizia su Tor di Valle in vista delle elezioni. I conti? Fa impressione leggere certe cifre. Spero solo che qualcuno non dia la colpa a Friedkin, questi sono ancora i risultati della gestione Pallotta. Nonostante l’indebitamento qualche colpo di mercato me lo aspetto”.

Marione a Centro Suono Sport: “La storia di Pellegrini è molto importante secondo me per il prosieguo del campionato. Pellegrini non può essere così come lo vediamo. L’allenatore deve anche tirare fuori le caratteristiche di questi giocatori. Ma ancora si parla di Pallotta? Ma perchè? E’ il momento più indebitato della Roma. Ora che si legge delle macerie che ha lasciato, direi basta. Bisogna iniziare a dire che Friedkin ci ha salvato dal fallimento”.

Roberto Pruzzo a Radio Radio Mattino: “La prestazione è stata al di sotto di ogni possibile immaginazione, prestazione deludente di tutta la squadra. Se la vuoi far passare come una bocciatura negli scontri diretti ok, ma è talmente netta questa sconfitta che mi fa pensare possa trattarsi di un episodio”.

Sandro Sabatini a Radio Radio Mattino: “Sono sconcertato dalla prestazione della Roma di domenica sera. Non mi aspettavo una squadra così molle. Il suo rendimento dipende molto dal rendimento dei tre davanti. E’ stata travolta dal Napoli e questo non va bene, oppure va bene a patto che si tratti solo di un episodio. C’era tutta una congiunzione astrale che pendeva verso il Napoli. La Roma era lì in divisa a far presenza”.

Ilario Di Giovambattista a Radio Radio Mattino: “Il calcio romano è stato dimenticato dalle prime pagine dei quotidiani. Si deve dare importanza sulle testate nazionali, ma si vede che in questo momento il calcio romano non conta niente… Ora parliamo di campo, ma se non ci fosse stato il cambio di proprietà la Roma sarebbe andata a sbattere malamente. La Roma farà mercato, perchè è veramente importante tornare in Champions. Non vorrei però che questo faccia troppa pressione sulla squadra”.

Claudio Capuano a Centro Suono Sport:”La Roma non deve perdere di vista il suo obiettivo: arrivare tra le prime quattro. Secondo me Milik potrebbe servire nell’immediatezza, però bisognerebbe accordarsi ora con il Napoli. Vedo Pellegrini distante da quel che chiede Fonseca, infatti lo vedo molto meglio in nazionale. Ora, mancando Veretout, avrà una grossa opportunità.”

Roberta Pedrelli a Centro Suono Sport: “La Roma deve imparare dalla sconfitta a Napoli. Sono tutti colpevoli, nessuno escluso. Mi auguro che Dzeko non venga rimesso sul mercato invernale. L’auspicio, per la sessione invernale, è che possa tornare El Shaarawy. Tutti noi puntavamo molto su Pellegrini e ci aspettiamo che presto possa dimostrarci di cosa è capace”.

Print Friendly, PDF & Email

9 Commenti

  1. La Roma perde una partita (peraltro a Napoli dopo Maradona se sapeva) dopo numerose convincenti vittorie ed ecco che si scatena il circo. Arriva l’apocalisse, debiti, squadra de pippe, Fonseca non capisce na mazza, vendiamoli tutti….ecc. Ma basta! I giornalisti imparassero a fare notizie e i tifosi ritornassero a tifare normalmente. Forza Roma e basta!

  2. Lasciate certi commenti ,la Roma da anni e` questa una squadra normale che vince e perde ,sta nella media di sempre con tre eccezioni gli anno degli scudetti e di qualche secondo posto sul filo di lana con la prima.
    Poi qualche sprazzo ma piu per le crisi delle milanesi e qualche altra squadra e niente piu`.
    Una squadra competitiva ha una rosa equivalente e coperta in tutti i settori , la Roma non ha rimpiazzi di valore per cui sideve per forza mettere mano a lmercato ,serve un portiere come quello che avevano e hanno ceduto o lasciato andare ,parlo di Alison e Cesny , servono terzini ,serve un regista alla Pizarro e servono delle ali ,per dire in vecchi termini, veloci che puntino l’uomoe creino superiorita` numerica. Non e` semplice ma se si vuole uscire da grigiore i Friedkin devono osare. Ora lasciassero perdere lo stadio ,laRoma gli scudetti recenti <si fa per dire, li ha vinti all'olimpico , non e` lo stadio che fa la grande squadra , ma la squdra che riempie gli stadi.

    • uno stadio di proprietà aumenterebbe gli introiti, consentendo la roma di non dover fare salti mortali per far quadrare il bilancio.
      L’idea dello stadio venne per primo all’ingegner Viola che, da lungimirante quale era, aveva già previsto la necessità di un impianto proprio da poter sfruttare non solo per la partita.
      Comunque Forza Roma

    • HAHAHAHA A leggere certi commenti non so se mettermi a ridere o piangere, ho scelto la prima… Dunque la Roma con 400 milioni di indebitamente deve comprare un poritere, due terzini, un regista e due ali. Poi non deve costruire lo stadio che è l’unica possibilità futura di aumentare gli introiti. Ma tu dove vivi sulla Luna o tutti i giorni vedi asini che volano?

  3. Hanno fatto tutti schifo a Napoli, ma Dzeko in particolare era impresentabile. Se non era in forma dopo due settimane di virus perché tenerlo in campo? Questa débâcle non cancella quanto buono fatto finora però sottolinea il solito difetto: dopo 3-4 vittorie contro avversari nettamente inferiori ci si monta la testa. In tre scontri diretti (Juve, Milan, Napoli) 2 punti su 9. Questi i dati su cui riflettere.

  4. Per Federico:
    ma perchè contro Juve, Milan (a S.Siro), Napoli (al S.Paolo), le altre squadre fanno 9 punti???? Si sa che la Roma è inferiore a queste tre citate, (anche se sul Milan ho molti dubbi…vedremo…). Se è per questo è inferiore anche all’Inter, ma ciò non toglie che abbiamo il dovere di provare a tutti i costi di entrare in Champions.
    Sconfitta pesante, ma per favore adesso non sprofondiamo nell’abisso della disperazione!!!! FORZA ROMAAA.

Comments are closed.