SENTI-CHI-PARLA-3.jpg-radio

SENTI CHI PARLA ALLE RADIO – La rubrica di Romanews.eu “Senti chi parla… alle radio” è lo spazio quotidiano in cui potete leggere i commenti sul mondo Roma di speaker e opinionisti protagonisti dell’etere romano raccolti dalla nostra Redazione.

Furio Focolari a Radio Radio Pomeriggio: “In assoluto la Lazio può essere più forte della Roma, ma in questo momento non è al top. E la Roma forse sì. In questo momento che la Roma è più forte un pari può andare bene alla Lazio. Secondo me la Roma è una grande. Mkhitaryan è un carro armato, è il pericolo numero uno”

Gianluca Lengua a Radio Radio Pomeriggio: “Fonseca non si è sbilanciato sulla formazione, ha fatto una battuta. A me non piace che Fonseca metta tutto sulla questione di mentalità. Io non credo a questa cosa. Che vuol dire mentalità? È un discorso di condizione fisica, di una partita dietro l’altra, di questo bisognerebbe discutere. Dove il ritmo è più alto ci sono delle lacune a livello fisico secondo me. Anche a me è giunta la voce che Fonseca dovrebbe coccolare di più alcuni giocatori in panchine”

Roberto Pruzzo a Radio Radio Pomeriggio: “Il punto debole della Roma sono 15 minuti di una partita. I 15 minuti di Roma-Cagliari sono stati simili a Roma-Inter. La Roma non può avere contro la Lazio un quarto d’ora a quel livello. Dzeko è il giocatore più completo che abbiamo in Italia. Tra Immobile e Dzeko prendo Dzeko”

Roberto Maida a Radio Radio Pomeriggio: “Dzeko è un uomo squadra. La nuova versione di Dzeko è quella di un centravanti magari meno funzionale di prima ma più produttivo in zona gol.”

Luigi Ferrajolo a Radio Radio Pomeriggio: “E’ un derby come gli altr.. Non ci sono favorite. Credo che dipenderà molto anche dagli allenatori, nella loro capacità di non accumulare tensioni nei proprio giocatori. Di solito prevale chi riesce a giocare con la mente libera. Nel derby prevale l’aspetto mentale spesso. E’ una partita equilibrata con due squadre dello stesso valore”

Nando Orsi a Radio Radio Pomeriggio: “Per la Lazio partita della svolta. Se vince si rimette in corsa per il quarto posto. Juve e Inter perderanno punti,  quindi è un’occasione”

Fabrizio Patania a Radio Radio Pomeriggio: “La Roma in questo momento è superiore, sta giocando meglio.  Intanto la Lazio deve provare a vincere, e soprattutto non deve perderla.

Franco Melli a Radio Radio Pomeriggio: “E’ vero che la Roma sta giocando meglio. Ma la Lazio con i giocatori che vanno in campo credo che i cavalieri ci siano tutti. La Lazio al top è superiore alla Roma. Io penso che la Lazio è grande provvisoriamente”

Alessandro Vocalelli a Radio Radio Pomeriggio: “Banale dirlo,  chi lo perde ha un contraccolpo. Per la Roma sarebbe assorbibile, per la Lazio sarebbe una batosta, se c’è una che non può permettersi di perdere è la Lazio. Il pari può andare bene alla Roma, per la Lazio sarebbe una mezza sconfitta. Se perde la Roma è un problema, se perde la Lazio è un dramma sportivo per loro. Io penso che la Lazio non perda domani, ma un pari non servirebbe a niente alla Lazio. La Roma è stata una grande e si sta costruendo per tornare grande. Non mi sento di dire che la Roma di Pallotta sia stata grande. Sono due squadre perfezionabili, con i loro punti deboli. I punti deboli della Roma ora sono le corsie, Spinazzola non sta bene, Karsdorp va in difficoltà in fase difensiva”

Francesco Balzani a Centro Suono Sport: “Pinto ci ha tenuto a sottolineare che nessuno è una superstar. Secondo me ha rispettato le aspettative e ha fatto un passo in avanti verso un processo di normalizzazione. Ha promesso di mantenere i migliori, è una buona cosa, ma poi bisogna vedere se lo farà. Rispetto ad altre squadre la Roma ha una rosa giovane e un proprietario fresco. Secondo me nei prossimi anni si può provare a vincere qualcosa, viste anche le situazioni di altre squadre. Si può provare a vincere magari anche solo con 2-3 innesti. Secondo me Friedkin ha un interesse sulla città molto forte”

Antonio Felici a Centro Suono Sport: “Le difficoltà finanziarie le hanno tutte. Quindi non parti da una posizione di svantaggio troppo grande. Io trovo la conferenza stampa di Pinto con luci e ombre. Le luci sono dovute a come si pone questo nuovo dirigente che è chiaramente una persona seria e non racconta fesserie. Se sa di non poter promettere non promette. E apprezzo tantissimo. Devo però anche dire che su un paio di punti ha detto cose che speravo non dicesse. Primo, che si occuperà in prima persona lui di mercato. E la seconda è che ha detto progetto a medio-lungo termine. E mi fa pensare almeno a 5 anni. Già la notizia che si vogliono vendere i migliori talenti giovani è un ottimo punto di partenza. Già se riesce a prendere un terzino destro e a riportare El Shaarawy a zero, qualche carta da giocare ce l’ha”

Marione a Centro Suono Sport: “Non sono esaltato da quello che ha detto Tiago Pinto, ma mi sembra un gran lavoratore, una persona positiva per il lavoro che dovrà fare a Trigoria. Aspettative però non molte”.

Stefano Agresti a Radio Radio Mattino: “La Roma ha sempre avuto tanti italiani e romani, ora c’è solo Pellegrini. Il derby romano è sempre stato quello più fedele alle origini, adesso non è più così. Pronostico? 1-1”.

Guido D’Ubaldo a Radio Radio Mattino: “La formazione della Roma sarà quella che ha affrontato l’Inter, non ci saranno novità. Pedro torna in panchina. Non mi aspetto sorprese per il gioco, a volte Ibanez si sposta al posto di Mancini, ma non credo succederà contro la Lazio. Mi aspetto una grande partita di Pellegrini, investito del ruolo di leader anche da Tiago Pinto. E’ in grande forma e mi aspetto sia lui uno dei protagonisti, anche perchè è l’unico romano. Pronostico? 2-2”.

Furio Focolari a Radio Radio Mattino: “La Roma è favorita, non è questione di scaramanzia. Però lo scorso anno al derby di ritorno la Lazio era favorita e la Roma giocò tre volte meglio. Questa non è più una partita tanto particolare: non ci sono i tifosi e non ci sono né romani né italiani”.

Nando Orsi a Radio Radio Mattino: “Ci saranno due portieri in campo che nessuno si aspettava potessero giocare a inizio stagione. I 4 portieri di Roma e Lazio non mi convincono. Fonseca era contestato all’inizio, adesso invece sta facendo benissimo e quindi bisogna rivedere dei giudizi. Non so se vuole rinnovare, ma sta facendo bene nonostante i pensieri interni differenti. Pronostico? 1”.

Roberto Pruzzo a Radio Radio Mattino: “Ci sono tre giocatori della Lazio e tre della Roma che possono fare la differenza: Mkhitaryan, Pellegrini e Dzeko, Milinkovic, Luis Alberto e Immobile. Se una delle due squadre riesce a limitarli ha più possibilità di vincere. Mkhitaryan è in forma spettacolare, Pellegrini sta bene, ma Dzeko ancora non sta bene. Uno così non lo togli mai, ma a fine partite la prestazione è insufficiente e non è la prima volta. Se il tuo terminale offensivo non va, Mayoral ha dimostrato di poter essere una valida alternativa. Se giocavo come Dzeko mi davano 4. Davanti hai bisogno di qualcuno che ti risolva la situazione. Fonseca? Bisognerà vedere come saranno i prossimi mesi di campionato, non so se vogliono rinnovare con lui o se hanno altre idee. Il derby è una partita pericolosa”.

Sandro Sabatini a Radio Radio Mattino: “La Roma sta un po’ meglio, c’è voglia di novità. Certo nel derby sono dettagli, ma anche al livello tecnico vedo la Roma impostata abbastanza bene, quindi favorita. Villar me lo immagino che fa il pendolo tra Luis Alberto e Leiva. Lui e Veretout possono mettere in difficoltà i più bravi della Lazio. Dzeko? Nei minuti finali contro l’Inter avrei messo anche Mayoral. In questo derby Inzaghi si gioca di più perchè è dietro in classifica e non ha ancora rinnovato il contratto. Fonseca? La sua valutazione va fatta prima della fine della stagione, ha i suoi pro e i suoi contro. Pronostico? 2”.

Ilario Di Giovambattista a Radio Radio Mattino: “Veretout e Villar li vedo avvelenati e sono anche tecnici. Veretout è veramente forte e Villar altrettanto. Nella Lazio in questo momento in quel punto del campo Leiva fatica e Luis Alberto non è al meglio. Lì vedo in vantaggio la Roma. Sulla fascia invece Lazzari è devastante e Spinazzola non è al meglio”.

Alessandro Ferro a Centro Suono Sport: “La Lazio ha più bisogno di punti rispetto alla Roma per concludere al meglio questo girone d’andata. Però la vittoria sarebbe fondamentale per la Roma. Tiago Pinto occuperà più aree di gestione. Si tratta di un’europeizzazione della squadra. Bisognerà vedere se questo porterà dei risultati positivi. Fossi in Fonseca, schiererei Borja Mayoral anche se il mister ci sta facendo capire che non li vede in campo insieme”.

Roberta Pedrelli a Centro Suono Sport: “Oggi abbiamo perso il gusto dello sfottò. C’è troppo finto perbenismo. Stiamo andando verso un tipo di comunicazione diverso rispetto agli anni passati. Cosa ha detto Pinto di diverso rispetto a quanto disse Petrachi?Le dichiarazioni di Tiago Pinto non potevano essere diverse: è appena arrivato e il mercato è appena iniziato”.

Print Friendly, PDF & Email

12 Commenti

  1. Ieri conferenza stampa senza proclami roboanti da parte di Pinto, in linea con il profilo adottato dalla gestione Friedkin. Questo mi è piaciuto, meglio parlare poco e pedalare tanto. Niente promesse, è stato tutto come ci si aspettava, ma alcune cose sono state dette:
    1. si punterà sullo scouting con operazioni (auspicabilmente) alla Ibanez e Villar. Quindi niente cose alla compriamo Lewandowsky, che i soldi non ci stanno.
    2. inversione di rotta rispetto alla gestione Pallotta: si tengono i giocatori. Cosa che ti impedisce di fare plusvalenze (e quindi niente nomi roboanti) e ti costringe, appunto, allo scouting, ma favorisce l’affiatamento del gruppo.
    3. Fine delle assunzioni in area tecnico-sportiva (quindi niente ritorni di ex capitani). Significa un organigramma più snello e un coinvolgimento maggiore della proprietà, come ribadito chiaramente da Pinto stesso. I presidenti dovrebbero essere coinvolti di più rispetto al passato, e vedendo la frequenza con cui i Friedkin sono allo stadio si può pensare sia vero.

    Insomma, niente fuochi d’artificio, le risorse sono quelle che sono, vanno gestite bene. Vedremo come andrà.

  2. Lasciamo stare le vedove-contabili che ancora si affannano su numeri e calcoli, domani c’è il derby!! Ci vuole l’asfaltatura completa degli sbiaditi, rimandiamoli dove si meritano! Basta con la mentalità micragnosa pallottiana, speriamo in uno o due gol di Pellegrini così godiamo anche per la rosicata dei P-boys!

  3. Domani e’ previsto il gelo a Roma e c’e’ allerta neve/ghiaccio in tutto il lazio…la partita deve essere spostata….i famosi “piagnoncini” dei tortarelli arbitrali , perche’ non dicono nulla? Comunque sia Pinto non ha detto NULLA perche’ NULLA c’e’ da dire e da dover far dire . Conferenza stampa “pilotata” dalla societa’….finche’ c’e’ Fienga e la Banca non ci sara’ speranza!.

  4. Non sono d accordo con ferrajolo..e come me penso tanti altri…come lo scorso anno nel complesso la l🤮 si è dimostrata superiore alla Roma al momento la situazione è completamente inversa..la Roma è indiscutibilmente superiore come rosa come gioco come risultati..al momento ….è così ed è sotto gli occhi di tutti quindi affermare che le squadre si equivalgono è quantomeno errato …A FERRAJOLO vabbè che sei della lazio ma rimani pur sempre un giornalista ..ENNAMO NO

  5. Letti i commenti di questi giornalisti si può facilmente capire che quelli di fede l🤮ale non si preoccupano di dire fregnacce pur di difendere la propria squadra..tanto di cappello..ma fino ad un certo punto..” la 🤮 è una squadra top”..non si può sentire…”è più forte della Roma ” ..non si può sentire..ma non perché lo dico io ma perché li dicono i fatti..il campo. Poi se hanno espresso un parere personale allora è tutto un dire..

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here