SENTI-CHI-PARLA-3.jpg-radio

SENTI CHI PARLA ALLE RADIO – La rubrica di Romanews.eu “Senti chi parla… alle radio” è lo spazio quotidiano in cui potete leggere i commenti sul mondo Roma di speaker e opinionisti protagonisti dell’etere romano raccolti dalla nostra Redazione.

Tony Damascelli a Radio Radio Pomeriggio: “ Tra Roma e Juve è una partita che non si presta ad un pronostico vero. Il clima che c’è intorno ai due allenatori. È una partita che non vede così spacciata la Roma. Sento aria di pareggio. Secondo me Dzeko farà una grande partita.”

Stefano Agresti a Radio Radio Pomeriggio: “Penso che la Juve sia favorita nella gara contro la Roma, perché è più completa. E la Roma gioca in un clima surreale e non semplice. Dzeko dopo tutto questo caos deve resettare la testa. Penso che sarà difficile per la Roma, ma paradossalmente in questa partita potrebbe ritrovarsi. La Roma ha valori tecnici come Pedro, se sta bene. Ha qualità ed è un vincente. Poi Pelelgrini, Veretout, Mkhitaryan. La Roma ha qualità, deve sistemarsi dietro”

Furio Focolari a Radio Radio Pomeriggio: “Fienga ha parlato di progetti, se Fonseca va via a breve lui fa una figura di m… la sua dichiarazione è forte, ha parlato di un progetto che va avanti”.

Franco Melli a Radio Radio Pomeriggio: “Un allenatore sfiduciato entra in campo e già perde. Fonseca è un allenatore scontento che probabilmente ha sentito dire che non c’è totale fiducia in lui. Un po’ se l’è cercata, non si può nemmeno dire che fa due o tre partite male e va via”.

Stefano Carina a Radio Radio Pomeriggio: “Fonseca? Mi ha ricordato le ultime conferenze di Garcia, mi è sembrato rassegnato. Dzeko non si è rifiutato di entrare, non ha partecipato alla riunione tecnica e si è autoescluso. Ho trovato Fonseca molto scosso e non poteva essere altrimenti. E’ una brava persona. Non l’ha saputo ufficialmente, ma avverte e capisce determinate dinamiche all’interno della società. Ha capito che c’è poco da fare, mai come stavolta faccio il tifo per lui. Ha commesso tanti errori ma non è stato messo nelle migliori condizioni per giocarsi questa seconda stagione. Ci sono tanti piccoli tasselli che fanno capire che sia un allenatore sfiduciato, in balia degli eventi”.

Gianluca Lengua a Radio Radio Pomeriggio: “A una domanda su Kumbulla, Fonseca ha rivelato tutta la formazione. Non è mai successo che desse la formazione in questo modo”.

Antonio Felici a Centro Suono Sport: “E’ tutto fermo, ma ci si muove in un contesto surreale ripensando a tutte le dichiarazioni stampa di ieri: Fienga e Calvo. Fienga dice che Dzeko è il capitano della Roma, mai stato in discussione, come se tutta la vicenda Milik non fosse mai esistita. Dice che Fonseca non è mai stato in discussione, dimenticando che nel frattempo c’è stato un cambio di proprietà. Le parole di Fienga mi fanno pensare che lui pensi che ci sia ancora Pallotta. Calvo parla di introiti, magliette, in questo periodo difficile: sta sulla luna. Pedro, abituato ad essere circondato da fuoriclasse, arriva a Roma e dice che è venuto per vincere tutto, come se non gli avessero detto che è alla Roma e non alla Juventus. Mi sembra di vivere nel teatro dell’assurdo mettendo insieme tutti questi elementi”.

Marione a Centro Suono Sport: “Sono molto preoccupato. Al di là della partita leggo cose che spero non siano vere… Fiducia a Fonseca? Già mi fa prendere un colpo. Store e spinta su internet per aumentare i ricavi? Mi prende un colpo. Se ne aprissimo tanti in tutto il mondo già è una cosa, ma così cosa vuol dire? Se lo avesse fatto Pallotta sarei stato qui fino a domani a parlare. Mayoral? Dicono che Fonseca rivuole Kalinic, c’è qualcosa che non va… È un società strana, forse Friedkin non ha ancora capito come stanno le cose. Pedro? È uno scarto di una grande società. Fienga avrà blindato Fonseca dopo essersi confrontato con Friedkin. El Shaarawy a Formello? Tutti dicono che vuole tornare a Roma e poi va da Lotito… ? Io non lo voglio più vedere”.

Furio Focolari a Radio Radio Mattino: “La Roma è senza ds, quindi Fienga o chi per lui avrà seguito la strada di Tare… a parte gli scherzi, sono questi i giocatori da poter acquistare. Stanno acquistando tutti i giocatori che ha lasciato la Lazio, non si sa per quale motivo. Mayoral era bravo nelle giovanili e poi si è un po’ perso, anche Kumbulla è un buon giocatore. Fienga mi ha convinto su Fonseca, perchè non è un uomo di calcio storico, è un dirigente di società e non è abituato a dire certe cose. Poteva dire ‘sono solo illazioni su Fonseca’, invece ha parlato di un progetto. Non sarebbe la sola sconfitta contro la Juve a determinare l’addio di Fonseca alla Roma”.

Franco Melli a Radio Radio Mattino: “Tare lavora per la Roma paradossalmente, lui indica la strada e la Roma la percorre. Fienga non poteva parlare diversamente, non puoi presentare Roma-Juve dicendo che se va male mandi via l’allenatore. Il problema è capire se la Roma migliorerà, ma contro la Juventus ne servono parecchi di passi avanti. Al livello di collettivo servirebbe una partita memorabile per batterla. Non so se Allegri accetterebbe la Roma e a quali condizioni, sicuramente onerose. Se sei insicuro o hai presentimenti sul fatto che le cose possano andare male, devi cambiare presto”.

Ilario Di Giovambattista a Radio Radio Mattino: “La Roma dopo aver preso Kumbulla ora prende anche Borja Mayoral, attaccante seguito dalla Lazio”.

Nando Orsi a Radio Radio Mattino: “Secondo me la Roma si è fatta male da sola, non si è capito se Fonseca lo volevano o meno. Fienga ha detto che non è in discussione, ma quando circolano voci vuol dire che qualcosa c’è. Non c’è chiarezza su certe decisioni e questo dà un senso di incertezza. Per ora domani non c’è partita. Hanno dato a Fonseca una squadra indebolita, ha dovuto far giocare Cristante in difesa”.

Roberto Pruzzo a Radio Radio Mattino: “Chissà che Dzeko avremo, la curiosità è quella, legata ad un atteggiamento tattico per farmi capire se Fonseca si gioca tutto. Si ipotizzava che se perde andrà a casa… Non conosco il valore assoluto di Mayoral, ma può essere un buon contorno. Però non ti puoi ritrovare di nuovo nella situazione di Verona senza Dzeko. La partita contro il Verona ha dato delle indicazioni, ma ci sono anche alcune attenuanti. Fienga ha dato fiducia all’allenatore, ma mi sembra che non sia così. Se dovesse vincere la Roma la posizione di Fonseca si rafforzerebbe molto, perdere contro la Juve in questa situazione è quasi normale. Mi sembra eccessivo affidarsi a questa partita per confermare o meno il tecnico“.

Sandro Sabatini a Radio Radio Mattino: “Roma-Juve? Sono molto curioso di rivedere Dzeko, la risposta della Roma, ma anche della Juve. La forza della Sampdoria era tutta da dimostrare… Mi chiedo se la squadra è con Fonseca: chi gioca bene domani starà con lui, altrimenti no. Dobbiamo vedere quanto corrono, perchè da quanto visto a Verona e da quanto mi dicono la squadra non sembra preparata benissimo”.

Print Friendly, PDF & Email

13 Commenti

  1. A tutti i fenomeni degli opinionisti, spero che chi segnerà della Roma domani sera vada in panchina ad abbracciare FONSECA, COSÌ VOGLIO VEDERE CHE CA. SPITA SCRIVETE!!! FORZA ROMA SEMPRE E COMUNQUE

  2. buongiorno e forza Roma! tutta sta caciara per Dzeko, ma ho una domanda: qualcuno lo ha visto sto like? io ho letto solo articoli che ne parlavano, ma di solito riportano una foto. stavolta la foto non l’ho mai vista..

  3. Dzeko idolatrato ma segna meno di Caputo in campionato, in 2 anni ha accettato prima l Inter e poi la Juve mah valli a capire certi tifosi..Poche direi quasi zero le speranze di vincere domani . Una volta almeno anche se sapevi che non vincevi niente perlomeno sognavi o ci speravi di vincere adesso negli ultimi tempi la Roma mi ha tolto anche quella speranza. Speriamo di rivedere al più presto una Roma vincente o almeno competitiva sia in campionato che in Europa ma per farlo purtroppo servirà tempo pazienza e tanti tanti soldi

  4. Non capisco i miei colleghi tifosi , Il problema Dzeko e` sempre esistito nella dirigenza Romana ,da tre anni stanno cercandogli una sistemazione ,prima perche all.inizio poteva fare plus valenza ,poi per liberarsi di un ingaggio lunare concesso in fretta dopo i rifiuti di Higuain ed Icardi che comunque avrebbero chiesto di piu`.
    Questo per parlare di un buon centravanti.Il resto chiacchere romane ,tante quanto se ne dicono su Fonseca e4 su chiunque del giro giallorosso.

  5. Diamo una botta al cerchio e una alla botte perchè sennò diamo ragione al vento dei Radiofonari laziali che calcano la mano sulle responsabilità SOLO ed esclusivamente al tecnico Zorro : che sia un allenatore non adatto ad una squadra che ambisce alla vittoria lo abbiamo scoperto lo scorso anno e un esempio su tutti è la disposizione in campo dei giocatori che ha : Diawara nella sua presentazione disse “sono più abituato al centrocampo a tre, ma mi adatto a tutti e due i moduli. L’importante è fare per bene quello che chiede il mister e aiutare la squadra” . Mentre Veretout disse : “a centrocampo ho giocato in molti ruoli e sono diventato più maturo quando sono stato impiegato davanti alla difesa, perché occorre una riflessione maggiore. In un reparto a tre la mezzala può avere maggiore propensione offensiva, quando si gioca a due bisogna garantire più sicurezza” . Quindi questi 2 giocatori , che di certo non hanno classe da essere considerati Campioni, sono stati presi senza nemmeno sapere che il centrocampo a 3 Fonseca nemmeno lo pensa e che Veretout si trova meglio comunque davanti alla difesa e Diawara più avanti…bene , invece Zorro li posiziona in maniera invertita. E sia lo scorso anno che quest’anno non si parla e non si è mai parlato di altri acquisti a centrocampo,anzi si è dato via anche Lazialarov che sicuramente era più di ruolo che Spinazzola (finchè corre per i 20 minuti iniziali va anche a difendere,poi sono dolori anche col Verona…) . Quindi le responsabilità vanno anche a chi fa le campagne acquisti dove sappiamo che conta più la Plusvalenza che la ricerca del Ruolo adatto. Ci sarebbero altre mille sbagliate del tecnico ma se nemmeno si parla di rinforzi a centrocampo è colpa della società. Domani la Rubentus,non serve dire che chiunque scende in campo deve dare il fritto e vincere contro i mai amati Rubentini,tanto nemmeno possiamo stare allo stadio per “sostenere” il nostro amoR e lanciare anche qualche fischiata o contestazione verso chi dovrebbe darci ben altro.

  6. Già fare un confronto tra Caputo e Dzeko è come paragonare Belen a mia nonna, anche se ha segnato tanto non mi pare sia cercato da club blasonati, anzi non se lo fila nessuno. Dzeko quest’anno voleva andarsene lui non era la società a volerlo cedere, se andava in porto Milik lo avrebbero accontentato. Sicuramente si è stancato del gioco testardo di Fonseca con palla a terra sempre anche quando è impossibile, cosa peraltro che ha stancato anche me come molti altri immagino, e si sarà stancato della società che non tenta mai un salto di qualità ma sta sempre a galleggiare per tenere i conti a posto, mentre le altre si rinforzano e se ne fregano del FPF, lentamente ci stanno superando tutte dopo tanti anni. Prima l’Inter, poi Lazio, Atalanta, ora pure il Milan, mentre noi facciamo mezzo passo indietro ogni anno, questo è triste. D’accordo sulle chiacchiere romane ma la situazione societaria è veramente imbarazzante, come si fa a non criticare?

    • la situazione societaria sa di stantio ,Pallotta ci ha provato ma non e` riuscito ,anzi la situazione e` peggiorata . Oggi mi sembra prematuro essere gia scontenti di quello che i nuovi proprietari stanno facendo ,hanno preso la Roma ma essendo stranieri devono capire il calcio italiano e soprattutto l’esigenze di una piazza che nonostante il blasone ha vinto poco ,anzi pochissimo rispetto alle squadre del Nord . La frustrazione del tifoso e` evidente ma rimediare in quattro e quattro otto non si puo , andare anche oltre certi limiti economici pure ,tutto e` legato ad una gestione e finanziaria che non e` rosea e che probabilmente migliorera a Dicembre con la ricapitalizzazione passaggio obbligatorio della nuova proprieta`. questo per sommi capi e senza pretese.
      I cambiamenti ci saranno ma l’effetto non potra` essere immediato. Ora affrontare le partite volta per volta cercando di far punti ,obiettivo migliorare ma senza sognare troppo ,piedi per terra .

    • giovannib .. con tutto il rispetto per belen ma , come persona, sicuramente io preferirei un pranzo di una festivita’ con te e tua nonna .. per tante ragioni .. la prima e’ che sicuramente potremmo discutere cordialmente della amata >Roma .. la seconda e’ che , sicuramente, tua nonna cucina assolutamente meglio di belen .. e magari prepara un pranzetto con fiocchi e controfiocchi .. io porto il vino .. mi accusano di bere ma loro sicuramente fumano .. nessuno e’ perfetto ..

  7. domani la Roma non credofara’ un risultato positivo .. sorry ma la penso cosi’ .. mancano ancora alcune figure professionali che riescano a contrastare la grande forza tecnica della Juve .. manca il gioco aggressivo stile Atletico, per esempio, o l’ attacco ad oltranza, a volte scellerato, che disorienta gli avversari ma basato su una poderosa preparazione atletica come faceva Zeman, manca Zaniolo in contropiede, manca un campione a centrocampo, manca l’ uomo guida in difesa, manca pure un terzino perche’ gioca Santon, riserva di Karsdorp che, a sua volta, e’ riserva di Bruno Peres .. ed e’ tutto dire .. manca infine un’ altra punta, a caso un salah ma anche uno Under, che dia una mano a Dzeko dalla morsa di 3 difensori, e tutti fortissimi, su di lui .. Peres c’ ha ancora da recuperare atleticamente, Kalinic poteva far comodo ma chissa’ chi prendono .. insomma .. per me la Roma domani sera e’ proprio SPACCIATA .. e mi dispiace .. e stavolta lo scrivo pure, salvo equivoci .. sempre e solo .. FORZA ROMA!

    • Non volevo dirlo nel mio post precedente ,ma sono pienamente daccordo con Papa Max ,a meno di miracoli ,se tanto ci da tanto la Roma e` proprio rimediata. Sono perplesso sulla tenuta ,davanti ci sono tre giocatori ( quasi 100 anni sommate le eta`) nessun giovane attaccante salvo Perez che non fa giocare quasi mai come Villar a centrocampo ,ovvio lui portoghese quelli spagnoli. Pellegrini finora non e` quel giocatore che si pensava e la difesa spaventa. Come si fa ad essere ottimisti ,oggi davanti ci sono Juve ,Inter, Atalanta,Lazio,Milan ,siamo per ora a livello da seconda colonna .I Friedkin hanno tanto lavoro da fare e direttamente ,non per interposte persone visto l’attuale caos della organizzazione e devono trovare persone giuste.

Comments are closed.