SENTI-CHI-PARLA-3.jpg-radio

SENTI CHI PARLA ALLE RADIO – La rubrica di Romanews.eu “Senti chi parla… alle radio” è lo spazio quotidiano in cui potete leggere i commenti sul mondo Roma di speaker e opinionisti protagonisti dell’etere romano raccolti dalla nostra Redazione.

Max Leggeri a 1927 On Air – la storia continua: “Siamo spettatori silenti e attoniti di un’opera del teatro dell’assurdo, che ha ad oggetto l’immagine e l’operatività della Roma, lesa dall’inettitudine e della scarsa professionalità dell’attuale dirigenza. Operazioni di mercato chiuse che saltano, giocatori come Karsdorp ceduti che vengono improvvisamente riqualificati come titolari, la rinuncia volontaria a Dzeko a Verona che produce un pareggio, poi tramutato in sconfitta a tavolino per la clamorosa svista sulle liste. Non si può gestire un club di calcio senza uomini di campo, senza direttori tecnici e sportivi. E’ anomalo che i Friedkin non si siano presentati ai tifosi romanisti, vorrei dare loro un consiglio: è fondamentale fare mercato dirigenziale prima di quello legato alla prima squadra. Servono alla svelta un direttore generale, un direttore sportivo e un direttore tecnico, gente come Boniek, Totti e Sabatini tanto per fare degli esempi. Serve una svolta vera e propria ad una dirigenza di incapaci, nel senso di gente non capace di trattare la materia calcistica. Altrimenti non se ne uscirà”.

Fabio Petruzzi a ReteSport: “Lavoro da anni nel mondo del calcio dilettante e quello che è avvenuto ieri fatico a ricordarlo anche a livelli lontani anni luce dalla Serie A. Il caso di Verona è il riflesso dell’attuale caos gestionale che c’è all’interno della Roma. Serve una sterzata, servono nomine di figure importanti, che vivono e sanno di calcio. Solo così si può risalire la china”.

Piero Torri a Teleradiostereo: “La vicenda di Diawara è oltre confini della realtà: 1) perché ti sei sbagliato, 2) perché non hai dato retta all’alert che ti è arrivato. Un errore che non si può giustificare o ridimensionare”.

Federico Nisii a Teleradiostereo: “Fienga non molto tempo fa disse ‘Io di calcio non capisco’. Non si parlava di schemi o moduli di gioco, ma si pretende che le dinamiche dell’area sportiva se le sia imparate. Ci sono zone d’ombra che stanno portando la Roma non so dove, così non si va lontano”.

Gianluca Lengua a Radio Radio Pomeriggio: “La Roma ha fatto una figuraccia con questa storia di Diawara. Ad alti livelli queste dovrebbero essere cose talmente tanto semplici da fare che non ci dovrebbero essere errori, sono situazioni banalissime. Diawara poi ha compiuto 23 anni a metà luglio… Per quanto riguarda Dzeko, l’affare è andato male con la Juve, ma lui rimane a Roma. Cosa deve recuperare psicologicamente? Lui è un giocatore di spessore, mica un ragazzino. Io vorrei capire il futuro di Fonseca piuttosto, che è in bilico e su cui la Roma sta facendo valutazioni. Il club comunque ora l’ha messo nel mirino. La cessione non ha concesso di studiare chiaramente il profilo dell’allenatore e del direttore sportivo. Bisogna assolutamente poi fare mercato, che finisce il cinque ottobre. La Roma cercherà di strappare qualche offerta in extremis, come ha fatto con Miki e Smalling lo scorso anno”.

Luigi Ferrajolo a Radio Radio Pomeriggio: “Sbandamento totale della società, col fatto che la proprietà è arrivata ad agosto. Ma quello che mi preoccupa di più è che dopo la prima partita Fonseca sia già in bilico. Non lo si può mettere in discussione dopo un match. Se si è convinto che nella partita con il Siviglia Fonseca abbia dimostrato i suoi limiti c’era tutto il tempo di mandarlo via. Non che lo cacci ora, dopo una partita pareggiata e poi persa a tavolino”.

Stefano Agresti a Radio Radio Pomeriggio: ”Uno dovrebbe prestare tanta attenzione in una situazione come quella di Diawara. Il fatto che Longo presenti le dimissioni mi sembra doveroso. L’operazione Dzeko si chiude se la Roma trova un centravanti: non è che il club non l’ha voluto cedere alla Juve. Non lo ha fatto perché non aveva un centravanti adeguato per sostituirlo. Se Friedkin decide di ripartire con Fonseca deve essere chiaro da subito: prima della stagione gli rinnovi il contratto, altrimenti lo mandi via. La cosa più rischiosa che può fare un club è quella di cominciare senza essere certi delle proprie scelte, senza sostenere l’allenatore in tutto e per tutto. Non si può cominciare con un allenatore traballante”.

Alessandro Vocalelli a Radio Radio Pomeriggio: ”Se si assume le responsabilità lui, mi sembra opportuno che si proceda con le dimissioni di Longo. Sono molto colpito da quello che sta succedendo alla Roma e da come tutta questa situazione venga giustificata: vi sembra normale che uno vada a comprare Milik e i suoi riferimenti non lo informino che il giocatore aveva avuto già due infortuni alle ginocchia?”.

Furio Focolari a Radio Radio Pomeriggio: “Nonostante la segnalazione della Lega, la Roma non ha ricontrollato le liste? Mi sembra veramente grave. In un momento in cui nella Roma c’è già tanto caos questa situazione non doveva verificarsi. Se Fonseca viene esonerato si uccide la stagione”.

Antonio Felici a Centro Suono Sport: “Nessuno di noi parte prevenuto con Friedkin, tutti quanti gli riconoscono le sue attenuanti. Dobbiamo però fotografare la realtà: nella prima partita di campionato ha fatto due figuracce, ossia la tarantella Dzeko-Milik e la situazione dilettantesca con Diawara. Dopo un inizio del genere mi aspetto che prenda provvedimenti importanti: riorganizzare lavoro e funzioni a Trigoria e anche operare sul progetto tecnico. Bisogna dare un segnale importante. Una società che paga i propri dipendenti così tanto non si può permettere un errore così grave come quello su Diawara. Se aspetti e speri, la stagione rischia di sfuggire di mano: se Fonseca non va bene va cambiato subito. Nella Roma si sono resi conto che uno come Diawara non può fare il play-maker di questa squadra? E pensare che dicevano fosse un ottimo giocatore”.

Francesco Balzani a Centro Suono Sport: “Questa volta non si è ceduto Dzeko e poi si è provato a prendere Milik: la Roma sembra che non lo ha voluto cedere, non essendo certa di poter contare su Milik. Sono contento che alla fine sia andata così: non posso dire che con Dzeko la Roma si sia indebolita. O si riesce a fare un lavoro di stimolo con il bosniaco verso questo progetto tecnico oppure si cambia l’allenatore. A volte Fonseca stesso non sembra convinto delle sue scelte. Entro il 5 ottobre la Roma deve prendere una decisione netta su questa situazione. Se c’è la possibilità di fare il colpo, bisogna farlo il prima possibile. Al momento l’unica pista è Allegri: è una candidatura più forte di quella che pensavamo”.

Marione a Centro Suono Sport: “I dirigenti devono prendere in mano la situazione, l’errore si poteva correggere. La Lega ha anche mandato un avviso e la Roma non ha corretto l’errore, perchè non ha dirigenti all’altezza di un campionato di Serie A. Questa è una cosa ridicola per una società di Serie A. E non è finita: c’è anche il caso Dzeko. La Roma è di Friedkin, se caccia i dirigenti entro stasera fa capire che lui non c’entra niente, altrimenti anche lui non è un presidente che vuole il bene della Roma. Meglio per noi che ci teniamo Dzeko, ma è una cosa ridicola. La Roma in questo momento ha comprato solo Kumbulla. Serve un altro attaccante e un altro centrale di difesa. Non se ne può veramente più di Fonseca”.

Furio Focolari a Radio Radio Mattino: “Mi chiedo perchè la Roma ad affare fatto chiede formule differenti per Milik. Se non lo avesse fatto probabilmente ora sarebbe fatta… “.

Stefano Agresti a Radio Radio Mattino: “Dzeko non ha chiesto di non giocare, è stata una scelta della società e dell’allenatore. Dzeko è saltato perchè mancava il centravanti per la Roma. La prima scelta della Juve era Dzeko, poi hanno puntato Suarez, tutti giocatori che giocano per gli altri e riempiono l’area. Morata non è un centravanti che sta in area, per me è un acquisto che ha poco senso. Milik? In questo momento la situazione è completamente bloccata, l’accordo tra Roma e Napoli finora non si è trovato e questo mi fa pensare che sia molto difficile trovarlo in futuro. Per lui più probabile una pista all’estero. Perchè è saltato tutto? La situazione si è bloccata per i problemi tra Milik e il Napoli. Probabilmente poi ci sarà anche altro sotto”.

Filippo Biafora a TeleRadioStereo: “Credo che il Giudice Sportivo non omologherà il risultato e la Roma farà ricorso. Il caso di Sassuolo è leggermente diverso. Non ci sono margini per vincere un ricorso, ma c’è una situazione particolare: nella lista over 23 c’erano 4 posti liberi. Potrebbe essere giudicato il fatto che la Roma non ha avuto nessun vantaggio ad inserirlo nella lista sbagliata. L’errore resta ed è gravissimo, ha portato Longo a dimettersi. Magari non sarà stato lui in prima persona a compilare la lista, ma essendo il responsabile dell’area ne paga le conseguenze. La Roma perderà eventualmente un solo punto, ma se avesse vinto sarebbe stato gravissimo. Resta un danno di immagine importante. Non credo che i Friedkin abbiano gradito, qualcuno ne doveva pagare le conseguenze. Vedo pochissimi margini per la Roma per vincere il ricorso. Qualche speranza c’è, ma è difficile. L’errore è doppio, perchè la Roma è stata avvertita dalla Lega, che però non è riuscita a spiegare da cosa derivasse l’allert”.

Nando Orsi a Radio Radio Mattino: “Morata? Penso che alla fine Dzeko arrivi, alla Juve servono due attaccanti. L’hanno preso per dare un centravanti a Pirlo per iniziare. Ma quale è il progetto della Roma? Milik è l’unico giocatore che perde solo il fatto che sta fermo un anno. La sbloccasse De Laurentiis la situazione. Secondo me Dzeko ha deciso di rimanere. Non è andato né all’Inter né al Chelsea, alla Roma sta bene. Che progetto ha la Roma? La nuova proprietà come ha operato? Non avrebbe senso cambiare allenatore ora. A Fonseca hanno dato anche delle responsabilità. Secondo me tanto per cominciare gli devi dare una squadra decente, un attaccante e un difensore, non quella vista contro il Verona”.

Sandro Sabatini a Radio Radio Mattino: “L’operazione Dzeko-Milik era un favore tecnico che la Roma faceva alla Juve e un favore economico che faceva al Napoli. Risolveva due problemi alla Juve e al Napoli, è chiaro che lo stipendio di Dzeko è un costo, ma Milik era un investimento che doveva rendere. Adesso non la sblocchi, Dzeko resta a Roma e Milik o resta a Napoli o si cerca un’altra sistemazione all’estero. Alla fine la Roma resta con un attaccante che ha problemi seri con Fonseca. Allegri alla Roma? E’ una squadra che non fa la Champions, sarebbe un po’ un passo indietro, ma c’è una nuova proprietà e una buona squadra. Non è un male come panchina la Roma, ma se Dzeko resta… ad Allegri lui piace tanto. Probabilmente anche a Dzeko piace più Allegri di Fonseca… ”.

Roberto Pruzzo a Radio Radio Mattino: “Quali progetti ha la Roma? La Roma un centravanti ce l’ha, lo stopper l’ha preso. Alla fine rimane Dzeko. Faranno quello che dovranno fare. E’ una situazione paradossale. Non dico che sia una buona gestione, ma è una questione intricata. Secondo me Dzeko poteva essere il migliore insieme a Dybala e Ronaldo. Pensando anche a Suarez, Morata è il terzo in lista. L’affare l’ha fatto l’Atletico. Allegri? Sto pensando più alla posizione di Fonseca con la proprietà. Le ultime dichiarazioni mi fanno pensare che Fonseca ora abbia più forza rispetto a qualche settimana fa. Non ho la percezione che la nuova proprietà stia pensando di cambiare allenatore in questo momento”.

Print Friendly, PDF & Email

19 Commenti

  1. Disastro Roma. Operazione Dzeko a dir poco ridicola, addirittura siamo diventati autolesionisti non facendolo giocare a Verona. La Juve ci ha “fregato” ancora una volta, ma tanto a noi sta bene questa subalternità. Sul pasticcio di Verona non è necessario infierire, è un tragico errore umano. Il mercato è fermo e si annaspa. A destra abbiamo “Ciccio” Karsdrop e ho detto tutto. Serviva forse un qualcosa di nuovo, di “fresco” tipo un cambio allenatore o qualche giovane da lanciare. E poi, diciamocelo: questo è un “non campionato”, il calcio e lo sport ai tempi del Covid sono abbastanza tristi. Bisogna ridare entusiasmo e credo solo la nuova proprietà possa farlo parlando e stimolando l’ambiente e la squadra: è arrivato il momento di parlare e di comunicare.

    • Pochi giorni fa ero quasi soddisfatto (soprattutto delle cessioni) ma adesso sono d’accordo sul disastro…
      Ma NON PUOI, dopo una trattativa durata oltre un anno, farti trovare così impreparato dopo il closing!
      Col senno del poi anche la cessione di Schick ora sembra avventata, ora che siamo rimasti con il solo demotivatissimo Dzeko, che se poi venisse fuori che la trattativa è saltata per colpa della Roma lo sarebbe ancora di più.
      La mancanza di un piano B sembra essere una prerogativa americana…
      Non credo invece che la juve ci abbia ‘fregato’ perchè loro, alla fine, hanno dovuto prendere la terza scelta tecnica (pagandola un botto) ed ora devono affrontare il problema delle intercettazioni (ma si saranno pure abituati…)
      Se avessero cambiato Fonseca avremmo potuto tenere Florenzi che in quel ruolo è il migliore che abbiamo, oltre a far tornare il sorriso a Dzeko…
      L’unica nota positiva è che per farsi perdonare queste figure di mxxda, ora dovranno spingere forte sull’accelleratore e presentarsi con un paio di botti veri.
      Forza Roma

      • Quello che dici è condivisibile, purtroppo più “scavi” più vengono fuori altri “disastri”. Tenere Schick e Florenzi forse era una buona idea vista la situazione, ma le cessioni credo abbiano seguito non una logica tecnica, ma siano state dettate dalla domanda: vendo o cedo chi mi chiedono e se ha mercato, poi mi preoccupo del sostituto. E qui si ritorna alla società, ma così non finiamo mai è un cane che si morde la coda….

  2. Nel 2020 ancora la Lega calcio non ha un sistema Informativo idoneo a verificare la correttezza o meno delle informazioni elesse dalle società anche ai fini della legittimità della lista da consegnare agli Ufficiali di gara?
    la Roma starà messa male, ma la FIGC non sta messa meglio, addirittura nel caso Sassuolo Pescara Ragusa non aveva ancora il transfert per il passaggio di società, la lista che era già completa è un problema secondario.

  3. buona sera e forza Roma. bona la prima! le abbiamo fatte tutte, toccato il fondo subito, ora si può solo risalire. se ci danno 0-3 a tavolino la situazione non cambia tanto, cambia per il Verona. quindi il mancato ingresso di Dzeko assume nuova luce: s’è riposato per la rube. l’incompetenza di altri potrà mascherare quella di Fonseca (e di chi l’ha voluto in panca). continuano a leggersi nomi ma non comunicati ufficiali, serve uno slancio. jj ti disprezzo

    • Che si è toccato il fondo e si puo solo risalire l’abbiamo detto tante, troppe volte.
      L’impressione però, è che ci troviamo sopra la Fossa delle Marianne con Schettino al timone…

      • c’è pure da considerare quello che dice Bruno Gaggi: questi a metà agosto stavano con Pallotta che li prendeva in giro, e una settimana dopo gli ha venduto, perchè sennò o cacciava i soldi veri, o ci faceva fallire. poi è strano sto caso di questo Longo che sbaglia, si licenzia, e pare debba firmare col Verona. già solo che se ne vociferi è una brutta cosa. intanto sconfitta a tavolino, e la rube che organizza gli esami di Suarez è l’unica che non c’entra in un’eventuale truffa.. tutti fenomeni ne sto paese..

  4. Se questo è Fienga:

    1) viene messo a gestire la Roma Pallottiana e fa un buco di 100 milioni di euro (euro più euro meno)

    2) da due anni la Roma non va in Coppa Campioni , e porta il monte ingaggi da secondo a terzo posto (quest’ anno vedremo…) , in discesa ulteriore quindi la qualità della rosa

    3) ricordiamoci di come ha gestito l’addio dei nostri Capitani,Simboli e Bandiere….

    4) prende Petrachi e lo paga 700 mila euro e due giovani Greco e Bucri (i giovani trattati come caramelle anzichè tesoro)

    5) fa finta di prendere Conte e ripiega sulla 4° scelta dopo i vari no dei vari allenatori ….e prende Fonseca,facendo così fare a Conte il proprio gioco che ottiene dall Inter ….un mega contratto e Campioni

    6) manda a casa Petrachi e dà la colpa a Pallotta ( tanto sa che a breve venderà la Roma) ma quando dopo la vendita viene nominato CEO non richiama Petrachi (sarebbe stato logico visto che era colpa di Pallotta e basta) e siamo senza DS…chissà forse non era colpa solo di Pallotta???

    7) la prima cosa che fa da CEO è dare fiducia a Zorro , ma non lo difende nenche mediaticamente (bhè i dubbi e le critiche su Zorro sono aumentati di partita in partita specie post-lockdown e Siviglia), non lo licenzia nemmeno visto che è anche attaccato dalla squadra (vedere screzi post lockdown) , così inizia la stagione con i tanti dubbi su Zorro che sono di attualità (addirittura voleva affiancargli un “tattico”….a proposito della “dichiarazione di fiducia” )

    8) gestisce lui il calciomercato con chissà quali intermediari (o meglio,sappiamo benissimo chi sono) e vengono fuori gli “spifferi” di mercato (il comunicato di Friedkin diceva invece che si agisce sottotraccia ) specie su alcune clausole del contratto di Milik , e quindi esce quell assurdo comunicato

    9) prima partita di campionato a Verona e Dzeko non vuole giocare perchè di fatto è un calciatore in promessa alla Rubentus…E DZEKO NON VIENE NEANCHE MULTATO DALLA SOCIETÀ, chissà perchè….

    10) siamo anche senza sostituto di Dzeko e ci avrebbe fatto comodo

    11) l’esposizione soprattutto mediatica della questione Dzeko (ne parla il mondo!) e non si espone a difesa della società e del tesserato, ma costringe Zorro a difenderlo con parole ridicole tra l’altro

    12) da luglio che ascoltiamo “Smalling domani torna” e a 2 giorni dalla partita col Verona prende un giovanotto di 20 anni (lasciamo stare come!!) e gioca Cristante al centro della difesa

    13) HA DICHIARATO DI NON CAPIRE NULLA DI CALCIO , SONO SUE PAROLE!!!! E FA IL CEO,IL DS E L’INTERMEDIARIO DI UNA SOCIETÀ DI CALCIO!!!

    La conclusione è una e una sola : o PAPÀ E FIGLIO  FRIEDKIN non sanno nulla e non gliene frega nemmeno nulla, oppure si devono dare una svegliata e CACCIARE via SUBITO questa sciagura! ….aggiungiamo la conclusione da BARZELLETTA del caso Diawara per completare l’opera. VOLEMO I FATTI DAN,SBRIGATE A FALLI PERÒ! E GUARDA NELLE MANI DI CHI AVETE MESSO LA NOSTRA ROMA E I VOSTRI SOLDI !

    Non sarà una stagione facile,ma non perchè ce lo ha detto il Texano. È in questi periodi che il Romanismo rinasce e diventa saldo perchè è la nostra storia che ce lo insegna e nessuno e niente potrà o ha mai potuto fermare il nostro amoR per Lei che siamo noi. Avanti Romanisti , DAJE ANCORA !

    • In genere non sono d’accordo con quello che scrivi (anzi quasi mai), ma stavolta tranne ll punto 3 che non mi appassiona, pure sforzandomi non riesco a non essere d’accordo…a differenza tua però concedo ancora ai nuovi arrivati il tempo di capire e porre rimedio

  5. Io metterei nel conto l’indecisione di Pallotta nel cedere la societa aspettando notizie dello stadio ,voleva piu` soldi ,ma poi e` stato obbligato da divergenze interne dei partners.
    Poco tempo e troppo covid per preparare un progetto ,poco per dare ad unnuovo allenatore una nuova rosa competitiva ,le cessioni andavano fatte e si ha molta difficolta anche per capricci dei giocatori .
    L’attuale management a Trigoria e`un disastro aggiornare le liste e` un compito che non richiede un master e stupidamente viene disatteso ,si fanno gli auguri qui su questo web che a Trigoria forse non guardano.
    Si comincia da zero a partire da Udine ,non penso come si possa battere laJuve (magari) , e qui si compira il destino diFonseca.

  6. i tifosi della Roma non meritano tutto ciò……. In qualsiasi altra azienda sarebbero andati tutti a casa ….figuriamoci in una società quotata……

  7. Mi riallaccio a quanto scritto da Mauro 59. La lega Calcio ha sicuramente un programma che segnala in tempi rapidissimi la posizione dei giocatori quando vengono inviate le liste pe la gara. Ora STENTO MOLTO a credere che una società come la ROMA NON abbia un programma sui P.C. che segnali le posizioni dei calciatori che si vanno a iscrivere in una gara di serie A!!! Molti negozi, sarà capitato a molti, ti inviano gli auguri di buon compleanno nel giorno preciso, perchè hanno un semplicissimo programma-clienti sul computer! Ora è mai possibile che una società come la nostra Roma abbia fatto un impiccio come questo che ci costa un punto (ed è il meno), ma ci fa fare una figuraccia scandalosa??? Si è dimesso il segretario Longo (e vorrei vedere…,) ma gli altri cosa aspettanooooo???? Forza Roma comunque.

  8. Non vorrei dire VE L’AVEVO DETTO ma lo farò, da Dicembre dissi che anche un cambio di proprietà non avrebbe portato niente, i problemi restano gli stessi, zero possibilità di spendere (secondo me zero VOGLIA ma diciamo possibilità) mercati sclerotici, assenza di dirigenti e di un allenatore vero, immobilismo su ogni fronte, i disastri di Monchi che pesano come macigni ecc non può essere un anno zero, sarà almeno un quinquennio zero, nella migliore delle ipotesi

  9. Se commetto errori simili nel mio lavoro mi cacciano e le credenziali buttate al cestino che Sara’ difficile es seré asunto con la stessa qualifica
    E una cosa imbarazante
    Se questa e’ la maniera di lavorare siamo Messi malissimo Altro che svolta di proprieta’

Comments are closed.