Savelli: “Pjanic non ha la continuità da grande campione”

23

SENTI CHI PARLA A… RETE SPORT – La rubrica di ROMANEWS.EU “Senti chi parla a… Rete Sport”. Ogni giorno, in questo spazio, potete leggere i commenti sul mondo Roma di speaker e opinionisti protagonisti sui 104.2 e raccolti dalla nostra redazione.

Iacopo Savelli (Ore 18.00-18.30): “Secondo me il tifoso della Roma ha acquisito una mentalità da grande squadra negli ultimi vent’anni. la globalizzazione ha fatto si che il tifoso non sia più solo quello, sa se un giocatore è stato pagato troppo, non si esalta come prima. Tutti hanno internet, vanno sui siti, ma per prendere un calciatore non si fa questo, ci sono operazioni più approfondite. Vainqueur al posto di Pjanic? Sono due ruoli diversi, Pjanic è la qualità, è il trequartista che deve mettere in porta i compagni, ma non riesce ad avere la continuità che dovrebbe avere un grande campione. Quando la Roma è andata in difficoltà lui non ha dato nulla di più. E’ lui che deve prendere per mano la squadra, perché giocare bene quando tutto funziona è più facile. Quante partite Totti ha risolto da solo? Faceva un assist e un gol, giocavi male ma la partita la portavi a casa lo stesso. Real o Barcellona? Prima di cedere il bosniaco devi trovare un sostituto e capire quale giocatore abbia le stesse caratteristiche”. (CLICCA QUI PER L’AUDIO)

Paolo Franci (Ore 16.05-16.35): “Se dovessi dare un voto all’anno solare di Garcia e della squadra direi 6,5: il francese, paradossalmente, ha gestito bene i momenti di crisi, mentre i calciatori lo meritano per la disponibilità mostrata e per l’attaccamento all’allenatore. Io, però, il tecnico lo cambierei: ha finito il suo tempo alla Roma. Pallotta non mi piace: mi auspico il cambio di proprietà.” (CLICCA QUI PER L’AUDIO)

Paola Di Caro (Ore 15.15- 15.30) : “Voti di fine anno? Alla squadra e al tecnico do un sei mentre alla società un 4. Momenti da ricordare? La vittoria nel derby alla penultima di campionato ma anche l’arrivo di Dzeko. L’acquisto del bosniaco ci aveva fatto tornare a sognare.” (CLICCA QUI PER L’AUDIO)

Ugo Trani (Ore 12.50-13.20): “Perotti? A me piace, però viene espulso troppo spesso. De Maio, invece lo lascerei stare. Spero che Sabatini prenda almeno Kolasinac, ma l’ideale sarebbe acquistare Juan Jesus, che è da tanto che non gioca più all’Inter. Se la Roma perde a Verona, Garcia va via. Totti? Il capitano sta alla grande, ma non penso giocherà dal primo minuto con il Chievo. Spalletti? Ha un mercato molto ricco, può rientrare anche nella corsa per essere il prossimo ct della nazionale: il toscano non aspetterà a vita la Roma. “ (CLICCA QUI PER L’AUDIO)

Alessandro Angeloni (Ore 12.00-12.30): “Non può essere visto come positivo il fatto che ora sono programmate doppie sedute di allenamento. Perchè non è stato fatto prima? Mi sembrano solo buoni propositi. Se Garcia rimane, a giugno la Roma avrebbe più scelta, non ci sarebbe solo Spalletti come ipotesi.” (CLICCA QUI PER L’AUDIO)

Gabriele Gravina (Ore 11.45-12.00): “Io nuovo presidente Figc? Stiamo correndo troppo. Ho delle responsabilità adesso in Lega Pro. C’è tanto lavoro da fare, tante cose da cambiare, la Lega Pro deve tornare a brillare di luce propria. Entro giugno bisogna dare un segno di discontinuità e tornare ad autodeterminarsi contro le arroganze. Pretenderò il rispetto delle norme e la lega a 60 squadre. Puntare sui giovani talenti italiani è la principale vocazione della Lega Pro. L’utilizzo dei giovani deve essere non un obbligo, ma appunto una vocazione. Lavorare con i giovani può avere un grande valore economico, ma anche sociale. Alcune modifiche legislative sotto questo punto di vista sarebbero utili, ad esempio il contratto di apprendistato per le società che tesserano giovani”.

Maurizio Catalani (Ore 11.00-13.00): “La Roma di Spalletti volava e come preparatore atletico aveva Bertelli. Perchè è stato messo alla porta? Era una risorsa eccezionale. Se fosse per Sabatini e Baldissoni, Totti già non sarebbe più alla Roma. Pallotta è invece dalla parte del capitano, che è l’unico che fa ancora vendere maglie alla Roma.”

Massimo Cecchini (Ore 10.20-10.50): “Roma e Napoli avrebbero bisogno di un ottimo mercato. La Roma in particolare ha bisogno di 2-3 giocatori ed è attrezzata per farlo. Tutta la squadra è convinta di poter lottare per lo scudetto.”

Luca Valdiserri (Ore 09.50-10.20): “Garcia è partito col piede giusto tornando un giorno prima, così come Manolas. Col Chievo sarà una partita difficile. Bisogna intervenire sul mercato a gennaio, ma bisogna capire se conviene fare una campagna acquisti per Garcia. La situazione dell’allenatore francese è così traballante che ci sta che venga sostenuto. Bisogna capire però se ha ancora credito con Pallotta. Non gli sarà più perdonata una sconfitta clamorosa.” (CLICCA QUI PER L’AUDIO)

Daniele Lo Monaco (Ore 09.00-09.30): “L’aspetto psicologico è da considerare nel calcio, è uno degli aspetti più importanti e vale pure per la Roma. I dirigenti hanno deciso di non esonerare Garcia prendendosi una bella responsabilità perchè in caso di fallimento la colpa ricadrebbe su di loro. Lo scenario peggiore sarebbe un pareggio col Chievo e una vittoria per 1-0 col Milan giocando male, perchè si continuerebbe ad andare avanti così, con poche certezze.” (CLICCA QUI PER L’AUDIO)

Guido Zappavigna (Ore 08.00-08.20): “Oggi è il giorno dell’amarcord, spero che per una volta si possano mettere da parte le polemiche e ritrovare senso di appartenenza. Senza i rigori subiti all’ultimo con Bologna e Torino questa squadra sarebbe prima in classifica. Certo i problemi ci sono, ma fino a novembre questa squadra aveva raccolto molti consensi.”

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

23 Commenti

  1. Bruno Peres, Criscito, Banega, Soriano e El Sharawy per gennaio se la Roma vuol dare una svolta a questa stagione deludente. Via subito Cole, Maicon e Pjanic. Forza Roma

    • Soriano e Banega sarebbero il massimo, poi se arrivassero Criscito e Bruno Peres la Roma si che arriverebbe anche ai quarti di champions. Rimarrebbe il problema Rudi Garcia eterno mediocre sulla materia gioco calcio. P.S. Anch’io rimpiazzerei Iturbe con la voglia di riscatto e la classe di El Sharawy. Mi auguro che Pallotta e Walter Sabatini si rendano veramente conto che in estate è stato fatto un mercato ridicolo. Forza Roma a tutti!

    • Sczcezny, Bruno Peres, Manolas, Castan, Criscito, Banega, Soriano, Nainggolan, El sharawy, Salah, Dzeko. All. Spalletti o Conte non sarebbe affatto male…., ma purtroppo a Roma si fanno solo plusvalenze e favori ai procuratori.

  2. Caro Zappavigna, senza i rigori di Bologna e Torino, la Roma sarebbe prima, SENZA GIOCO. Ciò significa che ha la squadra più forte del campionato e oggi è QUINTA. Se come dice Ciski, si vuole dare una svolta al campionato, OCCORRONO URGENTEMENTE DUE TERZINI TITOLARI. tipo PERES e CRISCITO, andrebbero benissimo. Il resto a giugno

  3. I dirigenti non hanno preso alcuna decisione e se ne sono lavati le mani. Questo unito ad un mercato meno che mediocre che si stà approntando, senza acquistare un terzino dx assolutamente indispensabile.

  4. Deve andare via portandosi dietro anche Rudi Garcia, Gyomber, Palmieri, Cole, Maicon, Pjanic e Rudiger. Riconsegnando però i soldi dati in giro per commissioni extra. Subito alla Roma Montali, Tommasi Dirigenti e Antonio Conte allenatore!!!!!

  5. Avete tutti ragione, ognuno con la sua ricetta, Banega o Soriano ecc, qua resta solo da capire perche’ concordiamo tutti sul mercato fatto da c…o su Garcia che va cambiato, i giornalisti la pensano ormai tutti cosi’, anche i non romanisti ecc ma pare che in tutta Italia solo i dirigenti della Roma non lo capiscano, gli storditi siamo noi o loro?

  6. perchè non sono state fatte prima le doppie sedute ? semplice .. perchè si giocava ogni tre giorni e quindi non era possibile farlo. Ma uno che dice di essere un giornalista, non ci arriva da solo ? oppure lo dice appositamente per seminare zizzania ? a voi la risposta …

  7. Catalani, sei il solito, con la scusa di dire la verità sputi veleno sulla società. Ed avrebbero fatto bene a togliersi dai piedi il capitano, per due magliette che fa vendere (senza lui ne venderebbero altre) sta facendo vergognare la squadra col suo passo a rallentatore come il compare barbetta.

    • In effetti se la squadra vincesse qualcosa si venderebbero molte più magliette a prescindere da Totti….Ma si preferisce puntare su Totti e non sulle vittorie…e un motivo ci sarà, misterioso, ma ci sarà….

      • Agli americani interessa il”business” con plusvalenze, vendita magliette, marchio, introiti da uno stadio che non si farà mai, ecc , dei risultati sportivi interessa poco. La Roma è destinata alla sua storia calcistica. Gli unici che hanno vinto come Viola e Sensi ci hanno rimesso i propri soldi per amore della Roma, solo per Amore.. Forza Roma!!!!!!!!!!!

      • Totti non gioca da 3 mesi e ancora che voi laziali provate a seminare zizzania sui portali romanisti?
        NESSUN ROMANISTA dà colpa a Totti se la Roma sta giocando male. Perchè Totti in tutta la sua carriera non ha mai fatto altro che mettersi a disposizione. Se serve (e sta in piedi), va in campo: Se non perde va in panchina senza la minima polemica. AVERNE ALTRI 11 di giocatori come Totti!

  8. Scusate ma tutti questi Paredes, Ucan, ljajc, Sanabria e compagnia bella che tanto rimpiangere chi li ha portati a Roma? Forse il cattivone Sabatini alla fine il suo l’ha fatto, se poi chi dovrebbe valorizzarli sta scrivere poesie non certo colpa del Walter. Buon anno a tutti

  9. sono pienamente d’accordo con Franci,il problema è che per vendere devi trovare chi compra e non mi sembra che ci sia la fila per acquistare la Roma,se e quando si fara’ lo stadio,la Roma sara’ appetibile e gli Americans venderanno facendo il grande affare,l’unica ragione per cui hanno comprato la Roma.Sabatini è il migliore talent-scout che ci sia e quindi colui che gli permette di fare le plusvalenze,se non andra’ via da se’ non credo che Pallotta lo mandera’ via’

  10. A me invece non piace Paolo Franci, ma proprio per niente. Tutto quello che dice non fa senso ed e’ sballato, come qundo proclamo’ ai quattro venti che lui si sentiva sicuro che la Roma avrebbe vinto a Barcellona giocando una grande partita. Di tutti quei ciarlatani nelle radio Romane, costui e’ di gran lunga il peggiore e ridicolo da leggere.

  11. Giusto !! Via Pallotta .. ‘sti americani che vogliono fare il business. La Roma ai romani. Ora, Andreotti non c’è più a favorire Ciarrapico. Che facciamo ? Ranucci è un pò inguaiato … ma un altro palazzinaro lo troviamo. Dimenticavo … qualche amico di Carminati è disponibile ?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here