PAGELLE. Under incantevole, Florenzi da mal di pancia. Peres ed Alisson tengono in corsa la Roma

6

PAGELLE SHAKTAR-ROMA – Una Roma bella a metà non riesce ad evitare un ko in casa dello Shakhtar Donetsk. I giallorossi si arrendono per 2-1 nonostante un primo tempo brillante e la rete iniziale del solito Under. Nella ripresa qualche errore di troppo regala il pari di Ferreyra e il definitivo 2-1 di Fred. Le possibilità di qualificazione di Di Francesco e i suoi sono intatte, ma al ritorno la Roma dovrà giocarsela per 90′ e non solo per un tempo se vuol andare ai quarti.

Giulia Spiniello

ALISSON  6,5. Una parata difficilissima su Marlos al 55′ e un’altra miracolosa al’62 su Taison a togliere il pallone dall’incrocio dei pali come solo i grandissimi portieri sanno fare e poi l’intervento nel finale che toglie dalla porta il 3° gol ucraino praticamente già fatto. Non vede partire il pallone della punizione di Fred ma anche stasera è una saracinesca imperforabile (quasi)!

FLORENZI 4. Un errore clamoroso al 51′ concede il pari agli avversari: imperdonabile il liscio sul lancio in profondità di Rakitskiy. Il pasticcio lo manda in bambola

MANOLAS 5,5. Si fa superare in dribbling da Ferreyra che va a segnare l’1-1. Un errore che macchia la sua prestazione fino a quel momento positiva.

FAZIO 6,5. Gara intelligente, tiene bene la posizione: ci mette fisico e testa. Si fa trovare sempre presente in fase di impostazione.

KOLAROV 6. Tante fiammate sulla fascia destra, e quando spinge sono dolori. Dietro però è in difficoltà quando lo puntano gli avversari.

DE ROSSI  5. Bene nel primo tempo, quando smette di girare lui dietro arriva di tutto. Nella ripresa bada più a difendere (male) che a offendere e non riesce più a lanciare gli attaccanti, rimane troppo schiacciato nella propria metà campo.

STROOTMAN 6,5. La musichetta della Champions ha effetti benefici su Kevin che mette in campo una delle migliori prestazioni degli ultimi tempi. Bene sia fase di non possesso che in fase di possesso, giganteggia in mezzo al campo come non faceva da molto.

UNDER 7. L’uomo del destino della Roma decide la partita anche questa sera con il suo primo gol in Champions, il 5° consecutivo nelle ultime 4 partite: con una freddezza da vero bomber insacca un preciso sinistro alle spalle di Pyatov. Al di  là della rete, è in serata di grande ispirazione, come d’altronde da un mese a questa parte.

NAINGGOLAN 5,5.  Troppo frettoloso in fase di impostazione, non perfetto sull’ultimo passaggio e sulla conclusione personale. Manca il suo apporto in copertura e negli inserimenti.

PEROTTI 6,5. Idee e abnegazione, ci prova e ci riprova: si muove molto, serve assist e dà una mano anche in difesa. Nella ripresa centellina le iniziative e si spegne.

DZEKO 6. Offre un assist prezioso a Under che sbocca il match, dopo aver lui stesso sfiorato il vantaggio. Contributo generoso in aiuto alla squadra, avaro per presenza in area.

Dal 71′ GERSON 6.  Entra al posto di Under. L’impatto con la gara è buono ma non ha il tempo di incidere.

Dal 71′ PERES 6. Entra al posto di Florenzi e perde il filo del discorso dopo non averlo neanche inziato ma guadagna punti con un salvataggio al 90′ in condominio con Alisson che ha del miracoloso.

DI FRANCESCO 6. Nel primo tempo la vince tatticamente, la Roma soffre solo in avvio un paio di incursioni sulle fasce, poi prende le misure agli avversari. Il gol del pari fa perdere però certezze alla squadra che si scioglie come neve al sole. Prova a proteggerla con Gerson e Peres, ma i suoi sono stanchi e non riescono ad organizzare il forcing. Squadra belle a metà, tutto è rimandato all’Olimpico tra 15 giorni.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

6 Commenti

  1. Inutile, senza terzini non vai da nessuna parte. Kolarov ha bisogno di un cambio mentre a destra con Florenzi e Perez non ne facciamo uno, e non per colpa di Florenzi. Dzeko deve smetterla di fare il numero 10 e De Rossi forse è quasi il momento di pensionarlo. Appannati Strootman (anche se meglio di altre occasioni) e Naingolan mentre come al solito (dal mio punto di vista) Manolas è sempre presupponente. Ottimi Allison e Under unici due calciatori veramente forti attualmente in forza alla Roma. Quando giocherà il biondo azzoppato ? e l’altro malandato ?? Non era il caso di prendere un terzino dalla primavera ? Boh.

  2. @Leonardo: concordo con l’analisi su tutto. Su Manolas non penso che sia supponente, penso che, a parte l’insolito errore difensivo oggi, ci sia troppa differenza tra il suo valore quando difende (elevato) e quando ha il pallone fra i piedi (secondo me da serie C) e nel calcio moderno una grande squadra non se lo può permettere. Oggi anche il portiere se non sa giocare a pallone non è un grande portiere figuriamoci il centrale di difesa

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here