PAGELLE Stecca Manolas, rende inutile il risveglio di Cristante e vanifica la prova egregia di Kolarov. Schick nota stonata

19

PAGELLE CAGLIARI ROMA –   Roma beffata nel recupero. I giallorossi pareggiano 2-2 in trasferta a Cagliari. Alla Sardegna Arena, dopo le reti firmate da Cristante e Kolarov arrivano i gol dei sardi siglati da Ionita e Sau, quest’ultimo nel recupero e in 9 dopo il doppio rosso a Ceppitelli e Srna.

Giulia Spiniello

OLSEN 6.  Impegnato con il contagocce dai sardiè reattivo alla prima vera parata arrivata al 45′ su una chance di Faria. Nel finale si becca una pedata da Faragò da cui scaturisce la doppia espulsione di Ceppitelli e Srna: quando si riprende il gioco, la Roma si fa sorprendere in 11 contro 9, e Sau lo punisce in contropiede.

FLORENZI  6,5. Dopo la parentesi con l’Inter, torna nel ruolo di terzino. Da un suo cross basso nasce la rete del vantaggio romanista. E’ sempre nel vivo delle azioni, tocca decine di palloni. Lascia il campo incredulo per ‘incredibile harakiri con cui la Roma si fa raggiungere nel finale.

MANOLAS 5,5. In dubbio fino all’ultimo, stringe i denti e risponde presente. Si mette in evidenza al 35′ quando devia in angolo una giocata pericolosa di Faragò. E’ il solito muro e quando far la guardia non gli basta più, prova  soffiare a Kolarov una punizione dai 25 metri ma il serbo gli risponde picche. Sbaglia però l’intervento sull’azione che porta al pari del Cagliari.

FAZIO 5.5. Non fila proprio tutto liscio dalle sue parti.  Sbaglia più di un disimpegno, mettendo in difficoltà i compagni che devono metterci una toppa. Per fortuna i suoi errori non incidono sul risultato.

KOLAROV 7,5. Fa malissimo il suo sinistro su punzione che si stampa sulla spalla di Cerri e poi finisce in porta: quarto gol per lui, record di segnature in carriera, in una stagione. E’ scatenato, crossa con una facilità impressionante, fa assist, nel primo tempo è quello che tocca più palloni di tutti, 51. Inarrestabile nella corsa, spinge, prende falli ed ‘ decisivo anche nella propria area di rigore. E’ il migliore.

NZONZI 6,5. In scioltezza in fase di palleggio, padrone in mezzo al campo, oggi gioca una delle sue migliori partite da quando è alla Roma. Ne giova anche la prestazione di Cristante. Nel finale arriva però l’errore difensivo su Ionita che regala il gol ai rossoblu.

CRISTANTE 7 Decisivo, sblocca il match con un sinistro violento da fuori area che non lascia scampo a Cragno. Non solo gol: oggi è sicuro in mezzo al campo, smista il gioco con sapienza. Non tira dietro la gamba per fermare gli avversari e si guadagna l’ammonizione. Cala nella seconda parte.

ZANIOLO 7. Altra prova maiuscola. Sempre nel vivo del gioco, è decisivo in finale di primo tempo quando si procura il fallo di punizione da cui nasce il gol del raddoppio. Instancabile nel pressing, meriterebbe di vedere la palla in rete al 50′ quando il suo sinistro viene parato dal reattivo Cragno, che gli nega l’esultanza anche al 60′ su un’altra bella iniziativa del trequartista. Non è un caso che quando esce lui, la Roma si fa raggiungere.

KLUIVERT 6. Bravo a coprire l’anticipo di Faragò e servire l’assist gol a Cristante. Dopo questa azione continua a essere protagonista, scombinando i piani dei sardi con la sua velocità. Cala nella ripresa dopo essersi battuto con voglia.

UNDER 6. Nel giorno in cui raggiunge le 50 presenze con la maglia della Roma in tutte le competizioni, innesca il gol dello 0-1 con una bella giocata in combinazione con Florenzi. Si crea situazioni interessanti ma non arriva la rete.

SCHICK 5,5. L’atteggiamento è propositivo, si muove molto cercando di entrare in sintonia con i compagnia. Si mangia però l’occasione del 2-0 al 28′, poco convinto su un bellissimo crosso al volo messo in area da Kolarov. Manca la stoccata anche oggi.

Dal 75′ LUCA PELLEGRINI SV. Entra al posto di Kluivert.

Dall’83 PASTORE SV.  Entra al posto di Schick. Sfortunato perchè al suo ingresso la Roma prende subito il gol del 2-1. sull’azione il Flaco non è perfetto.

Dall’88 JUSUS SV. Entra al posto di Zaniolo.

DI FRANCESCO 5,5.  Rispetto al 2-2 casalingo contro l’Inter, mette fuori Santon e Juan Jesus, e ripropone Florenzi sulla linea dei difensori dove ritrova Fazio. Nel 4-2-3-1 di partenza è Schick l’unica punta sostenuto da Under, Zaniolo e Kluivert. Roma in palla, vogliosa e determinata. Gestisce bene il vantaggio salvo calare nel finale e ricadere nelle solite distrazioni che regalano l’impresa al Cagliari. Anticipare i cambi poteva tornare utile, e sopratutto arretrare il baricentro ha dato il la al suicido romanista che in 11  contro 9 prende il più incredibile dei gol.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

19 Commenti

    • Questa pagellista è sempre così: Kolarov a parte, che oggi ha stranamente fornito una prova fatta anche di assist più controllati e meno irruenti del solito (ma non dimentichiamo che alla giornalista basta molto meno per gonfiare il voto ad Aleksandar anche quando sfoggia le classiche prestazioni da cavernicolo tutto corsa e bombe -a caso- nel mezzo), ci sono sempre e comunque voti poco condivisibili, compreso quello dato a Di Francesco e alla coppia difensiva. Non discuto che ognuno voglia vedere quello che gli pare, ma 5,5 numericamente vuol dire che avrebbero fornito una prova quasi sufficiente…vabbe’…più che altro c’è grossa fatica nell’associare il voto alle descrizioni, il che mi fa pensare che si vedono delle cose ma non si sa tradurle: a volte nel voto, altre volte nel commento, spesso in entrambi i casi (unici episodi di coerenza con la propria, perversa logica). Fantastico.

  1. via tutti. pensiamo alla salvezza. ennesima rifondazione speriamo senza il curatore fallimentare spagnolo e il frate di francesco allenatore da operetta. societa’ ridicola.

  2. Non ho visto la partita, quest’anno non ne sto vedendo quasi più, anche stando a casa. Televisione spenta. Avevo uno strano presagio, anzi, un film visto troppe volte, sempre con lo stesso finale. Poi leggo il risultato e… ci risiamo. Devo dire che sto cominciando ad essere indifferente, mi sto anestetizzando a questo fallimento senza fine. Voglio rivolgere un ringraziamento particolare al signor Monchi. Avrà fatto quadrare i conti, ma la Roma non esiste, è l’ombra della squadra di una volta. Ma lui non è il solo responsabile di questo sfacelo.

      • Anche io, cerco sempre un pretesto per avere qualcos’altro da fare. Squadra da rifondare per l’ennesima volta, via Di Francesco, colpevole prima di tutto di non saper infondere cattiveria e di non essere duro con giocatori mollaccioni. Roma è un’ambiente micidiale, ci vuole un allenatore sergente di ferro, ma, secondo me, almeno anche un giocatore forte per reparto e un giocatore leader dello spogliatoio. E ritiri punitivi.

    • Io ho recesso il contratto di Sky già qualche partita fa, tanto l’andazzo si era capito e non mi andava di pagare un abbonamento per vedere la Roma, che nelle migliori delle ipotesi fa partite noiose, nelle peggiori delle ipotesi fa venire l’orticaria. Considerando poi le ultime partite non sono per niente pentito della mia scelta.

  3. E siccome tutte le domeniche DI FRANCESCO dice che lui si prende tutte le responsabilità….allora se ne prendesse una definitiva che è l’ultima nella Roma …..VATTENE….sbaglia diverse cose , ma una non gliela perdona nessuno….ANCORA NON HA INSEGNATO AI SUOI GIOCATORI IL CARATTERE , LA VOLONTA’ LA VOGLIA LA CATTIVERIA ECC.. CHE DEBBONO METTERCI TUTTI ANCHE SE MANCANO 2 SECONDI ALLA FINE E IN 9 CONTRO 11……E’ UNA SCHIFEZZA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!NON E’ UN ALLENATORE!!!! Perchè oltre l’aspetto tecnico – attitudinale deve deve deve entrare nella capoccia di quelli che sono DEBOLI MENTALMENTE !!!! Questo è il più grande insegnamento e lui non è capace!QUINDI VIAAAAA!

  4. Io probabilmente devo aver visto una partita diversa, ma era Cagliari Roma??? oppure è Giulia Spinello (se è stata lei a scrivere il pezzo) ad aver visto una partita diversa. Di Francesco 5,5? per cosa? per aver azzeccato i cambi? per aver dato un gioco alla squadra? per aver infuso il carattere nei giocatori? per cercare di portare la Roma in serie B? Schick 5,5 per essere rimasto negli spogliatoi e aver fatto giocare sua sorella? Fazio 5,5 per aver toppato una serie incredibile di passaggi senza neanche essere pressato? Kluivert 6 per non essere riuscito neanche una volta a dare una palla decente, e non essersi smarcato mai, dico mai?
    Ma credono che noi spettatori non vediamo bene cosa succede in campo?

  5. Maledetti bastardi, indegni, mercenari, non se ne può più, fate veramente schifo, vergognatevi, avete rotto il c…o.
    Allenatore da serie C, cacciamolo via subito, ci vuole uno che li prende a calci ste femminucce senza palle.

  6. Scusate mi sono dimenticato una cosa FONDAMENTALE….a SCICK gli è stata data l’ennesima possibilità e non c’è verso , grazie sig.Monchi dei milioni buttati al vento per questo catorcio di giocatore. Quindi insieme a DI FRANCESCO …PARTISSE COL PRIMO TRENO ..A GENNAIO PURE IL SIG SCHICK….BASTAAAAAA!!!!
    E a questo punto ho pure forti dubbi sia su PALLOTTA che del sig.MONCHI…mi sbaglierò!!!!

  7. A Fazio, Kluivert e Schick hai dato mezzo voto di troppo, ad Olsen mezzo in meno. Kolarov 7 sarebbe stato un riconoscimento obiettivo, ma con Aleksandar è ormai evidente ci sia gente che si masturba.

  8. Olsen 6,5 kolarov 6,5 Fazio 5 Manolas 5 Florenzi 6 Cristante 6 Nzonzi 5 Zaniolo 6
    Under 5 kluivert 5 Schick 4,5
    Per me …
    Per me ci vuole una punta e una punta che faccia gol …. Non le piroette …

  9. Il campionato di solito finiva a dicembre…. quest’anno già ad ottobre. L’aver battuto il Barcellona e la seconda squadra della capitale ha avuto un prezzo troppo alto da pagare. Siamo primi nei proclami, vinciamo lo scudetto prima dell’inizio della stagione. Ogni volta studiamo i nostri errori ma ogni volta finisce così! Il progetto …. il progetto … il progetto … non ne azzecchiamo una!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here