PAGELLE. Pastore illude, la difesa horror distrugge, Manolas ricuce. Florenzi il migliore

30

PAGELLE ROMA-ATALANTA – La Dea si conferma bestia nera della Roma. Un 3-3 spettacolare arrivato in rimonta per i giallorossi ma che lascia tanto amaro in bocca. Sotto 1-3 a fine primo tempo, gol lampo di Pastore, poi sorpasso orobico con Castagne e doppietta di Emiliano Rigoni, i giallorossi sono bravi  rimontato nella ripresa con le reti di Florenzi e Manolas.

Giulia Spiniello

OLSEN 5. Un errore di impostazione su una rimessa dal fondo ta tremare i 40.000 dell’Olimpic, poi i tre gol presi su cui non mancano le sue reponsabilità.

FLORENZI 7. Riscatta un primo tempo così e così con la percussione centrale palla al piede con cui si guadagna spazio e fulmina Gollini con un tiro potente dal limite dell’area. Il gol all’Olimpico in campionato gli mancava dal derby dell’aprile del 2016. Peccato per l’infortunio al polpaccio che lo costringe a uscire nel suo momento migliore. Bentornato!

MANOLAS 6. Tanti errori in una serata da dimenticare. E’ ancora negli occhi l’azione con cui si fa bruciare da Zapata sul secondo gol dell’Atalanta. Si fa perdonare però con la rete del 3-3 che ricorda, sotto nella stessa porta, il gol al Barcellona: bravo a buttarla dentro di destro sugli sviluppi di un calcio di punizione per un pareggio che evita la sconfitta.

FAZIO 5. Una delle più brutte partite da quando è alla Roma. Lo troviamo spesso a non coprire con attenzione sul marcatore, sul secondo gol rimane a guardare. Solo nel secondo tempo riesce a prendere le misure a Zapata e compagni, ma serata da cancellare.

KOLAROV 5,5. Soffre molto gli inserimenti dei trequartisti avversari alle spalle di Zapata. Sbaglia tanto anche lui in fase di impostazione con cambi di gioco spesso preda degli avversari. Quando si affaccia in avanti sbaglia il bersaglio.

CRISTANTE 5. Tenta qualche giocata ma senza fortuna. Si perde col passar dei minuti, mano mano che l’Atalanta diventa padrone del campo e del gioco lui scompare.

DE ROSSI 6,5. Mostruoso, salvataggi a raffica, se non ci fosse lui l’Atalanta avrebbe dilagato ancora più di quello che ha fatto. E’ lui a tenere viva una Roma a tratti irriconoscibile. Cala nel finale ma ha dato il fritto.

PELLEGRINI  5. Stecca il debutto in questa stagione. Non entra mai in partita, lui atteso come il vice Strootman volato in Francia, non dà le risposte che Di Francesco si attendeva e nella ripresa di accomodare, a ragione, in panchina.

UNDER 6,5. E’ lui a mettere in mezzo all’area il pallone d’oro per il tacco-gol di Pastore. E’ uno dei più pimpanti e voglioso tra i giallorossi,  uno dei pochi a portare pericoli e impegnare difensori avversari.

DZEKO 5,5. Dopo il gol spettacolare di Torino, all’Olimpico rimane spettatore. Si vede poc e punge ancora di meno. Il primo vero squillo lo suona al 69′ quando  dalle parti del secondo palo spara altissimo da buona posizione.

PASTORE 6,5.  Si presenta al pubblico dell’Olimpico con un gol incredibile: con esperienza e classe immensa sfrutta la prima palla buona per portare in vantaggio alla Roma con un tacco da Dio. Il suo primo gol in Serie A dopo 2675 giorni dall’ultimo ha aperto le marcature. Dopo la rete esce dai radar per poi rientrarci nella ripresa quando torna a fare la mezz’ala lasciando il suo posto a Kluivert. E’ più nel vivo del gioco sfiorando il suo secondo gol personale e servendo l’assist per il terzo gol.

DAL 46′ KLUIVERT 6. Entra al posto di Pellegrini. Al 93′ l’occasione più ghiotta con cui poteva far sognare l’Olimpico ma Castagne chiude tutto.

Dal 46′ NZONZI 6. Entra al posto di Cristante e becca subito un giallo (un po’ generoso) al suo esordio stagionale. Si presenta con un atteggiamento decisamente più propositivo rispetto ai compagni a cui è subentrato.

Dal 72′ SCHICK NG. Entra al posto di Florenzi e ah sui piedi la palla del 4-3 murata con i piedi da Gollin. Peccato!

DI FRANCESCO 6,5. Dopo il gol-lampo di Pastore, la Roma si consegna all’avversario e soccombe dal punto di vista del gioco e dell’intensità. Nel secondo tempo ridisegna la squadra che si presenta con uomini , atteggiamento e idee diverse e agguanta un pareggio insperato.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

30 Commenti

  1. Non so come si da al Mister 6,5. Approccio alla partita completamente sbagliato, giocatori ancora fuori forma (Fazio e Kolarov su tutti), e la necessita di cambiare due terzi del centrocampo all’intervallo. Non scordiamoci che giocavamo contro una Atalanta abbastanza rimaneggiata. E vero che sono i giocatori che scendono in campo ma se entrano cosi svogliati e pure colpa sua.

  2. 6,5 a Di Francesco significa non aver visto la partita, 4 sarebbe anche troppo.
    Cristante e Pellegrini sono scesi in campo? Loro sono stati i peggiori.
    De Rossi il migliore al primo tempo si sostituisce al portiere e salva almeno due gol.

    • Bocciato, come Cristante e Pellegrini, giocatori sopravvalutati per l’importanza che gli si dà, fortuna che a centrocampo ci sono pastore e nzonzi perché la panchina non ha molta esperienza e si vedrà nel lungo termine…

    • Hai ragione, se l’Atalanta avesse approfittato ci avrebbe fatto 3 gol e sarebbe finita 6-2 per loro. C’era Zapata che stava sempre 1 contro 1 con Fazio spostato a destra, l’Atalanta non ne ha approfittato di questa occasione: giocare con 4 attaccanti e solo 3 difensori è stato un azzardo, poi ha segnato un difensore centrale tra l’altro.

  3. Scusate, non sono un megaesperto, ma come fa Florenzi ad essere il migliore? Sul secondo gol non rientra in difesa costringendo Manolas ad inseguire Zapata e a lasciare spazio in mezzo. Sul terzo gol segna l’uomo che Florenzi si dimentica di seguire e marcare. Considerato il gol, gli darei 5, un voto in più rispetto alle cazzate che fa da terzino. Basta, a destra serve Karsdorp. Piuttosto, giochiamo a tre dietro.

    • Sacrosanto! Per tutto il primo tempo Florenzi ignora Zapata, senza mai nemmeno ritornare a coprirlo… Manolas sistematicamente deve scalare su Zapata, lasciando un buco grosso come una casa che Fazio non è in grado di chiudere (e ci stà, alto com’è non gli bastano due partite per entrare in condizione).
      Florenzi deve giocare vicino alla porta… ma NON LA NOSTRA!
      Il titolare è Karsdorp, Florenzi sarà il vero sostituto di Strootman (o il famoso esterno alto a destra “fantasma”)

  4. Deviazione di testa di manolas per il pareggio? Forse guardavi la replica della partita col barcellona.
    Manolas oltre il goal era da 2 in pagella mai visto così.

  5. Olsen 5, Kolarov 4, Fazio 4, Manolas 4, Florenzi 5, De Rossi 5,5, Pellegrini 4, Cristante 4, Pastore 5,5, Dzeko 4, Under 5,5, Nzonzi 6, Kluivert 5, Schick -. Di Francesco 3, non ci si può presentare ad inizio campionato con un’accozzaglia di scappati di casa invece che una squadra, poi si può vincere o perdere…

    • Concordo con questa pagella. Metterei qualcosa in più a de rossi che ha tenuto la baracca nel primo tempo con 2 figurine a fianco. Salvo lui, under e florenzi almeno per l’impegno.

  6. Difesa horror, incomprensibile che il peggior reparto che avevamo (i numeri non contano nulla faceva pena la nostra difesa) non sia stato migliorato praticamente per nulla. Con tutto il rispetto per i panchinari neo arrivati, ma se preferisci giocare con questi interpreti scandalosi vuol dire che i vari Marcano, Santon, Bianda non sono all’altezza…

  7. Oggi a Di Francesco do 3 in pagella….non per la formazione sbagliata e il primo tempo regalato all’Atalanta (come abbiamo regalato il primo tempo al Torino) ma perche sta diventando complice di Pallotta e Monchi, e chi difende questi due cialtroni è complice!!!!!

  8. 6,5 a di Francesco anche no. Ha regalato un tempo ad un’ottima atalanta per poi recuperare nel 2o tempo. La sostituzione dell’infortunato Florenzi con Schick è da denuncia penale. Va bene recuperare ma mettere 14 attaccanti non da equilibrio. Alla fine buono il punto

  9. Formazione sbagliata. Kluivert deve essere titolare e Pellegrini stia in panchina che è meglio. Karsdorp? Un mistero. Mah, Strootman oggi faceva comodo però ormai è andato. Unica cosa positiva della serata è il punto guadagnato con la più forte tra le “piccole”,l’Atalanta, che secondo me quest’anno darà del filo da torcere a tutti. Mi auguro che i 3 gol subiti servano a dare una svegliata alla difesa in vista del Milan.
    Forza Roma.

  10. 6 a Manolas e 5 a Fazio ?? Ma chi li fa’ i voti? Zapata sul primo e soprattutto sul secondo goal annienta letteralmente il greco(che ha scordato la cattiveria nello spogliatoio o era ancora scosso per strootman);San Daniele de Rossi ha ringraziato il cielo e abbracciato Zonzi , quando nel secondo tempo ha sostituito quelle due mezze figure irritanti (in realtà per essere irritanti bisogna almeno entrare in campo ), Difra fuori dal campo ha fatto il suo con i cambi giusti, che colpa ne ha se giocatori pluricelebrati lo tradiscono in quel modo

  11. 6, 5 a di Francesco manco la madre oggi glielo avrebbe dato. Presi a pallonate dalle riserve dell’Atalanta, incartato da un allenatore che ne sa un po più di lui. Ecco il nostro condottiero, grazie alla semifinale champions questo andrà avanti i prossimi 10 anni. La formazione del primo tempo era adatta a fargli togliere il patentino da allenatore, ci ha messo 50 minuti a capire come giocare. Finire la partita con 5 attaccanti la ciliegina sulla torta. Ma fatemi il piacere voi che lo difendete, manco Carlos Bianchi stava a questi livelli.

  12. Credo che vicenda strootman abbia frastornato tutto l’ambiente, tifosi delusi per l’affetto che si nutriva, compagni che si sentono un po’ più soli. Io non lo avrei ceduto ma trovo altrettanto inutile coprire di insulti e contumelie la dirigenza e allenatore. Vanno bene tutte le critiche, se ben poste, ma dire a Pallotta di andarsene è ridicolo e puerile

  13. Buongiorno ragazzi/e,
    Sin dal fischio finale cerco, con sforzo immane, di vedere il bicchiere mezzo pieno. Cosi’ come avevo fatto nel post Torino.
    Onestamente non si puo’, in nessun modo, su nessun aspetto.
    La Roma e’ stata letteralmente penosa.
    Allenatore e giocatori. Non salvo nessuno.
    Sembrava una di quelle squadre di parrocchia che quando giocano in campionati pari eta’ con squadre piu’ organizzate, ne prendono 10 a settimana.
    Diventa relativo parlare di giocatori, moduli, etc.
    La Roma cosi’ com’e’, purtroppo sara’ competitiva solo quando l’avversario di turno lo permettera’.
    Non riuscivamo a mettere 3 passaggi in fila, il centrocampo fino all ingresso di Nzonzi e’stato nullo in ogni sua funzione, mentre la difesa e’ stata uno spettacolo piu’ allucinante del peggior Zeman.
    Nei giorni scorsi pensavo positivo, cercando di mantenere un briciolo di fiducia nei confronti della societa’.E’ difficile mantenere quella fiducia dopo aver guardato la gara di ieri.
    Un abbraccio al popolo giallorosso e sempre forza Roma!

    • Jay,hai perfettamente ragione,ma per quanto possibile cerchiamo di dare ancora un po’ di credito a DiFra,in fondo è solo la seconda giornata,lo so,è dura,ma questo abbiamo e incoraggiamolo finche’ avremo pazienza.
      Un abbraccio anche a te

      • Ciao Fabiano,
        Certo, bisogna essere anche razionali e cercare di dare un po di fiducia in piu, non solo al mister ma anche ai nuovi interpreti. Il fatto e’ che un almagama da squadra, con piu’ di 3 passaggi buoni messi in fila, lo troviamo solo quando si cambia modulo e si passa al concetto di emergenza(vedi ieri sera) o miracolo (vedi barcellona)..
        Il mister deve accettare con umilta’ che con questi giocatori il 4 3 3 ci espone ad imbarcate clamorose.
        Un abbraccio fratello giallorosso

  14. La rivoluzione Monchiana ,almenoo fino adesso si sta rivelando negativa ,Portiere neanche l’ombra di Alisson, Cristante non paragonabile a Nainggolan, Pellegrini troppo deve correre per arrivare uno strootman che seppure all80% ha sempre corso e lottato in tutte le partite.
    Ma ormai siamo in balia di Monchi che bada solo all’aspetto soldi ed in testa ha solo la voglia di cedere tutti gli ex Sabatini.Ora e` chiaro il disegno ,ma si vendono top e si prendono giovanissimi o mezzi player ,Nzonzi fa il suo ma non e` sto grande giocatore e lasciamo perdere altri acquistati per fare i panchinari perenni incluso Schick il grande acquisto dello scorso anno. Prepariamoci all’ennesima sofferenza ,e rassegnamoci ,non e` ancora venuto il t3empo.

  15. DDR mostruoso è da matti parliamo anche dei 300 passaggi e lanci sbagliati in tutti i 90 minuti Di Francesco 6.5 è da reato allenatore presuntuoso e mediocre del resto non per niente ha allenato LANCIANO PESCARA SASSUOLO. Ad allenatori invertiti volevo vedè come finivaaa

    • Per quanto abbia fatto 3-4 interventi difensivi miracolosi, sono d’accordo nel dire che ieri come centrocampista De Rossi e’ stato letteralmente improponibile. In affanno costante, zero lucidita’ nei tempi e nei passaggi.
      Penso sia arrivato il momento che arretri il suo raggio d’azione e diventi un buon difensore centrale. Come regista abbiamo bisogno di ben altro

      • Ma cosa state dicendo? Ieri De Rossi da 7. Migliore in campo per distacco. È stato commovente, a fine partita si era persino messo a fare il terzino destro quando Under non ce la faceva più. Ha corso avanti e indietro per tutta la partita. Avete stancato a prendervela sempre col nostro Capitano.
        Andate a tifare Lazio

  16. Vedo che al primo (prevedibile) intoppo, vi accorgete della VERGOGNOSA campagna acquisti-cessioni del celebratissimo Monchi. C’è ancora chi vanta gli undici acquisti ? Bianda, Zaniolo, Coric, Santon, il terzo portiere….ma de che. A proposito di Olsen, arrivato tardi, non conosce la lingua ne i compagni, ne tantomeno gli avversari; non è meglio cominciare con Mirante e farlo ambientare?
    Comunque questo abbiamo, è solo per ribadire che un conto e tifare ROMA ed io lo faccio da quasi 60 anni, dalla finale di Coppa delle Fiere, mia prima partita allo stadio con mio padre, Testaccino DOC, e lo farei anche se retrocedesse, un conto è difendere l’indifendibile, ma che state sul libro paga de Pallotta?

  17. La cosa che mi lascia maggiormente deluso è che nonostante una campagna acquisti gigantesca (12 nuovi giocatori) non si sia pensato di investire una 30ina di milioni su un difensore vagamente più agile e veloce del pachiderma Fazio. Si è preferito prendere l’ennesima mezza figura (Marcano) tanto per fare numero. A quanto pare si insiste dopo il flop Moreno a prendere difensori low-cost, per giunta 30enni, sperando nella botta di culo.
    Ricordo che l’anno scorso, nonostante Alisson, avevamo comunque una delle peggiori difese del campionato, per non parlare della valanga di gol subiti in CL nonostante l’ingresso in semifinale.
    Io diffido sempre dei presunti fenomeni dell’Atalanta, vedi anche Gagliardini all’Inter che riuscita, ed a mio avviso 30 M per Cristante, seppur giovane, sono soldi buttati al cesso. L’unico giocatore che si doveva prendere dall’Atalanta era Gomez.

  18. Il vero «HORRORE» sono SOLO i suoi commenti faziosi, che “assolvono” SEMPRE e comunque questi due, il “suo” pupillo, piombo “barbetta” & “fra ciccio” da pescara. Uno perchè “romano” (?) e l’altro perchè ex (?). Cara Spiniello meno cortigianeria non guasterebbe.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here