PAGELLE Buio Olsen, Fazio in media stagionale. Nzonzi più pericoloso di Dzeko

23

PAGELLE ROMA NAPOLI – Il Napoli si aggiudica il ‘derby del sud’ contro la Roma battendo all’Olimpico 4-1 i giallorossi. Partenopei subito avanti grazie a Milik al 2′, nei minuti di recupero il pari dei capitolini con Perotti su rigore. Nella ripresa la squadra di Ancelotti trova subito il nuovo vantaggio al 49′ con Mertens, terza rete di Verdi al 54′, all’80’
Younes serve il poker. In classifica la Roma rimane ferma a 47 punti e spreca un’altra chance per avvicinare il quarto posto che vale la Champions.

Giulia Spiniello

OLSEN 4,5. Se era imparabile il colpo a mezza altezza di Milik, la responsabilità del secondo vantaggio azzurro è tutta colpa sua: buca l’intervento in presa bassa e consente a Mertens di insaccare a porta vuota.

SANTON 5. Uno dei più attivi della squadra, ma sbaglia tanto in fase di costruzione e difensiva. Errori i sui che spesso suscitano i fischi dell’Olimpico giallorosso.

MANOLAS 5,5. Uno dei migliori per quando sia possibile parlare di migliori in casa giallorossa: è tra quelli che commettono meno errori ma serve solo a non peggiorare il passnon serve a salvare il risultato. Ammonito, era diffidato e salterà la prossima.

FAZIO 4. Non impeccabile nell’azione che porta al gol repentino dell’1-0 del Napoli. Rimane in difficoltà per tutto il match e soffre le incursioni di Mertens e compagni.

KOLAROV 4,5. Non una prestazione da incorniciare la sua: diversi gli errori di impostazione e posizionamento. Ritmi bassi e disordinato, si becca anche il cartellino giallo.

DE ROSSI 5,5. Schierato dal primo minuto un po’ a sorpresa, dà il suo contributo di solidità e personalità nonostante una Roma a tratti inerme. La condizione atletica non è delle migliori e sarebbe ingeneroso chiedergli più di quanto ha dato.

NZONZI 5,5. il primo tentativo verso la porta azzurra arriva dalla sua testa al 18′, ma il pallone finisce fuori. Entra con una sponda di testa nell’azione che porta al rigore giallorosso ed è tra i più propositivi dopo il nuovo svantaggio, sfiorando anche il 2-3. E’ troppo poco però per uno arrivato come il crack di mercato dell’estate.

SCHICK 5. Torna a fare l’esterno destro, ma combina davvero poco se non procurarsi il fallo da rigore all’ultimo giro di orologio del primo tempo: nell’occasione è bravo ad anticipare Meret che non può che franargli addosso per impedirgli il gol. Il resto del match è però un’agonia, mai pericoloso. Esce al 62′ fischiato da gran parte dei tifosi.

CRISTANTE 5. Con il forfait dell’ultimo minuto di Zaniolo, viene schierato nel ruolo di trequartista. Prova il tiro verso la porta in un paio di occasioni, ma non riesce mai a impensierire Meret.

PEROTTI 6.Per lui un’occasione e un gol nel primo tempo: decisivo dal dischetto con un morbido rasoterra che spiazza il portiere avversario, per il suo terzo gol stagionale tutti segnati dagli 11 metri. L’unico in avanti che cerca di far qualcosa.

DZEKO 4,5. Dopo una partenza incoraggiante, perde la bussola. Gli arrivano pochi palloni, completamente abbandonato a sè stesso. Si becca anche il giallo.

Dal 62′ ZANIOLO 5. Entra al posto di Schick ma non riesce a incidere su una partita avviata su un binario morto.

Dall’80’ KLUIVERT SV. Entra al posto di De Rossi.

Dall’80’ UNDER SV. Entra al posto di Perotti.

RANIERI 4. Abbandona il 4-4-2 per il 4-2-3-1 per poi tornare al 4-3-3. La confusione tattica dà la partenità a una gara sostanzialmente mai giocata dai suoi. La mancata reazione dopo il gol lampo del Napoli prefigura un pomeriggio di sofferenza che si concretizza con ben 4 gol presi, 10 tiri per gli ospiti contro i 3 della Roma, 60% di possesso palla contro il 30% dei padroni di casa. I cambi in corsa non danno alcun tipo di scossa.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

23 Commenti

    • Hai proprio ragione e che dire degli scarti dell’Inter Santon e Juan Jesus, dei lenti Perotti&Fazio, dell’elementare Nzonzì, degli scoppiati Kolarov e Dzeko, del nullo Schik, dall’incapacità di Ranieri di incidere, dalla Società che quando ha un buon giocatore lo vende, e dirigenti che paiono inesistenti: tutta roba da buttare via! ma sempre Forza ROMA!

  1. Spiniello perché continui a fare queste pagelle? De Rossi migliore in campo ? 5,5? Ha sbagliato passaggi, ha fatto un giro lisciando e mandando la palla in curva, cammina in campo. Non salire su quel carro, perché dopo sarà difficile riprenderti i tifosi veri e onesti. Forza Roma. Spero che la redazione questa volta esponga il mio pensiero.

    • Ma infatti io non capisco perchè non fanno giocare quel ragazzo, capisco che i centrocampisti che abbiamo sono dei fuoriclasse per cui non ha spazio.
      Mi fanno veramente schifo, questi non sono uomini sono unuchi senza un briciolo di vergogna.
      La prossima partita dentro i ragazzi della primavera con qualche fuoriclasse titolare e a fine anno tutti via a calci in culo.

    • Voi pensate che difra e Ranieri siano cretini? Evidentemente se coric non gioca vuol dire che al momento è peggio di nzonzi cristante de Rossi e compagnia cantando. Altro grande acquisto del vostro idolo spagnolo

  2. Ma inutile fare le pagelle sono uno peggio dell’altro è una squadra che gioca senza avere un minimo di ritmo partita.
    Questi questo anno non si sono mai allenati seriamente e qui entrano in gioco responsabilità enormi di tutta la struttura Roma.Perché questi giocatori non si allenano?
    Però una cosa sul portiere bisogna dirla è uno dei peggiori portieri che abbia mai difeso la porta giallorossa, non dovrebbe più scendere in campo.

    • @tina, chi metteva in guardia era il vero tifoso, attento amante della Roma e del gioco del calcio. Gli altri? Persone di poco spessore e di tanta cattiveria, accecati dalle favole americane.

  3. Cristante 5? Uno che gioca da trequartista (a detta di molti qua dentro rendeva poco perche non giocava nel suo ruolo naturale, appunto di trequartista) e non è mai presente sulle seconde palle, non porta il pressing ed arretra lasciando che sia invece DDR a spingersi nella trequarti a pressare i portatori di palla dalla difesa, non azzecca un passaggio nemmeno a cinque metri, non sa inserirsi, non sa tirare in porta se non in bocca al portiere, non sa portare palla, non fa interdizione nè altro.
    Questo ragazzo è profondamente deleterio, è il nulla calcistico in maglia giallorossa.
    Possibile che Coric sia addirittura peggio di lui?
    Ma la cosa piu sconcertante sapete qual’è? Che Fazio venga ancora considerato un calciatore.
    Il futuro è oscuro.
    Oscuro e preoccupante.

    • Texber daje, che dopo l’esonero di di Grancesco arriviamo almeno terzi, avevi ragione anche tu come me esperto di calcio, TUTTA COLPA DI DI FRANCESCO!!!
      adesso dritti in champions!!!

  4. Il mio commento di ieri, l’altro ieri, alcuni giorni fa, una settimana fa

    sara ancora in attesa di approvazione. o identificato un commento duplicato; sembra che tu abbia già scritto questo commento!… rallenta stai scrivendo troppo in fretta…
    Dunque… invece di capire che la roma per la sua cresita ha/aveva bisogno di continuita, di gente che vuole costruire e portare avanti un lavoro (facendolo pur sbagliando pero mettendo la faccia e con la voglia di lavorare e migliorare e di affrontare le difficolta e di rispettare i tempi in un processo di crescita).
    EDF e Monchi erano persone disposti di lavorare e di andare incontro a delle difficolta, pero non abbiamo apprezzato questo atteggiamento, anzi «a settembre abbiamo gia giudicato il loro lavoro un fallimento, chiesto le loro dimissioni alle prime difficolta, insulti nei loro confronti «per il non gioco, per gli infortuni e di tutto che non andava bene» e sopratutto dicendo le stupidaggini oscene «se amerebbero la roma, se sarebbero dei uomini veri » si dimetterebbero…. Non ho mai sentito EDF negare le difficolta ne le sue ne quelle della squadra, ne di cercare delle scuse, ne di non accetare le critiche… EDF era molto cosciente che questa Roma ha bisogno di uno che sa resistere e di certo non di uno che scappa
    Al di la della dedicazione al lavoro, per costruire ci vuole TEMPO, pazienza, amore, passione e sopratutto un idea… (dopo ranieri, luis enrique, zeman, garcia, spalletti2… nessuno ha fatto due stagioni)… Adesso abbiamo cacciato un allenatore giovane, moderno e di prospettiva… che davvero vuole bene alla nostra Roma….l’abbiamo cacciato senza rendendoci conto in che momento delicato l’ho abbiamo fatto. Adesso rischiamo « il tutti contro tutti – il ognuno per il conto suo »…
    Leggere adesso che cosa serve alla roma e chi dovrebbe arrivare a roma, mi fa ridere, piangere e mi lascia perplesso. Quale sarebbe la idea, il programma della Roma, che certezze ci sono… ahh mi sono scordato di quella idea geniale… « via tutti… rivoluzione… » si rivoluzione=ennesima pasticciata-bricolage… siamo arrivati ad essere la barzalletta d’italia… (il progetto sportivo viene abbattuto sistematicamente come il progetto stadio…)
    Adesso stiamo con il povero Ranieri che fa il Ranieri…
    Ranieri da vero uomo, romano e sopratutto allenatore, deve convincere la societa di chiedere scusa a EDF e di riportalo a roma, ma subito e adesso…
    Tifoso schifato e frustrato
    Forza Roma Quo vadis?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here