Che tonfo! Una Roma inguardabile si consegna anche alla Spal. E sale lo spread con le big

22

EDITORIALE – Dopo quella di inizio stagione è arrivata anche la crisi della nona giornata! La Roma si ferma sul più bello. Sì, è vero, in mezzo c’è stata la sosta per le nazionali, ma gli ingredienti per poter vincere anche oggi battendo una squadra come la Spal, ampiamente alla portata dei giallorossi, e proseguire la striscia di 3 successi consecutivi, c’erano tutti. Una sconfitta a sorpresa per una Roma sciupona che dopo aver giocato un buon calcio per 30 minuti, inspiegabilmente sparisce dal campo e offre il fianco alle ripartenze ben congegnate dei ragazzi di Semplici.

TORNANO GLI INCUBI – Roma fischiata dal pubblico dell’Olimpico che non ha gradito assolutamente una squadra che Di Francesco nel post partita ha provato a spiegare come compiaciuta, perché qui l’ “ambiente porta ad appagarti con troppa facilità”. Ma appagati da cosa? Da tre vittorie dopo un inizio di stagione da film horror? Quello con la Spal è un contraccolpo che forse farà tornare con i piedi per terra chi sperava che i momenti cupi fossero alle spalle. Uno stop brusco, inaspettato e preoccupante, tanto da far tornare gli incubi di settembre.

E LE ALTRE SE NE VANNO – La Roma buca l’appuntamento con la vittoria e vede aumentare il differenziale con Juventus, Napoli e Inter, dirette concorrenti per le prime posizioni della classifica. In tempo di spread ben più importanti per le sorti degli italiani, anche i tifosi giallorossi hanno di che dolersi per la differenza di rendimento, questa volta però della loro squadra. Se Di Francesco non trova la formula giusta, i cambi non li azzecca, quelle di Coric e Pastore sono sembrate le mosse della disperazione, anche i senatori Dzeko e Fazio non gli danno certo una mano. Martedì c’è l’appuntamento con la Champions League, e subito dopo trasferta a Napoli e Firenze, a cui si aggiunge il ritorno in casa con il Cska di Mosca. Non c’è tempo per cedere ai rimpianti.

Giulia Spiniello

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

22 Commenti

  1. Si perde con Spal e Bologna e si pareggia col Chievo in casa e vogliono andare in Champions????
    I limiti di qualità e carattere sono molto evidenti.
    Speriamo di andare in Europa League.

  2. Di certo non può dire che pensavano alla gara di Mosca…
    Va esonerato subito…..è inutile continuare con lui…non serve..
    e tempo perso…i giocatori non lo seguono più!!..
    Via da subito… prima di compromettere l’intera stagione..

  3. Quest’anno finiremo a 30/40 punti dalla Juve.
    Ma i giocatori non si vergognano?
    Credo non entreremo tra le prime quattro in Champions League,
    speriamo di andare almeno in Europa League.

  4. Se continuiamo con Di Francesco arriviamo ottavi. Il resto sono chiacchiere. Meglio anche un traghettatore, uno che passa per sbaglio fuori trigoria. Lo diciamo da agosto ma ancora nulla. È si vede che dobbiamo proprio toccare il fondo prima di cambiare..si sono accontentati del derby e del Frosinone questo 4 pagliacci. E allora avanti così, siamo lo zimbello di questa campionato.

  5. oggi avevo portato i nipotini, 7 e 4 anni e mezzo, eravamo felici e contenti tutti e 3 in divisa giallorossa! che delusione, grazie a questa mediocre squadra fatta di mediocri e senza palle giocatori e non solo! ho dovuto spiegare ai bimbi cosa era la Rometta! deluso; andassero a lavorare! cmq io e i bimbi, stando insieme, abbiamo vinto lo stesso!

  6. Mi dicono “che colpa ha l’allenatore, gli hanno smantellato la squadra poveretto”, ora la società la conosciamo i giocatori anche quello che non si vuole riconoscere e il valore di di Francesco, sono partiti alisson naingollan e Strootmann ok, ma la nostra rosa scarsa che vuole essere, e lo è, non può mai essere presa a pallonate da Atalanta, Chievo Bologna e Spal li società e giocatore non c’entrano la colpa e tutta del tecnico, che se non verrà cambiato, si arriverà 8 °

    • Ma “a pallonate” in quale universo, che hanno fatto due gol con un’azione? Capisco che il risultato è brutto e, ahimè, condizionerà sempre i giudizi finali, ma paragonare la partita di oggi allo scempio delle partite tra il 3-3 con l’Atalanta e il 2-0 di Bologna mi pare a dir poco folle…fermo restando che i problemi ci sono, ed era evidente che non potessero essere spariti nel giro di due giorni di ritiro.

  7. Ieri si e’ confermata una regola del calcio: chi sbaglia troppo, paga. Tutti qua. Se avessimo fatto due gola nella prima mezz’ora sarebbero stati anche stretti. Chiaro quando le cose vanno male manca un giocatore di carisma che si carichi la squadra. L’allenatore che colpa ne ha? Lasciamoci alle spalle la spal. Martedì vedremo un’altra Roma. In campionato mancano le motivazioni, in Champions la squadra si trasforma.

  8. Bene tempo un mese ed inizierá il nuovo ennesimo ciclo…Via Eusebio dentro un traghettatore fino alla sofferenza del fine campionato e poi cessioni di qualche big alla Dzeko Manolas..ed il puzzle e´completato.

  9. Squadra tecnicamente scarsa. Chi salta l’uomo con costanza e chi è in grado di fare passaggi verticali?? I giocatori ceduti compensavano con l’esperienza e la grinta alle mancanze. Non credo sia un problema di allenatore ma, mio malgrado, di qualità della rosa. Paghiamo inesorabilmente il costante indebolimento della squadra per problemi di bilancio. Comunque, a mio avviso, meglio Sabatini che Monchi, almeno lui pescava qualcuno buono. Spero ovviamente che possa rimangiarmi tutte queste parole il prima possibile… Forza Roma!!!

  10. Non ascolto molto la radio ultimamente, ma quel ciarlatano di Mimmo Ferretti dice sempre che Dzeko il nostro unico top-player?
    Uno che ha le mestruazioni due volte al mese dall’inizio del campionato e vaga per il campo con l’aria di chi ti sta facendo un favore a giocare e in più litiga con chi non gli passa la palla (Elsha it’s you?) secondo me non è un top player.

  11. Purtroppo abbiamo parecchi giocatori senza carattere.Lo stesso Dzeko che io stimo purtroppo quando in campo non ci sono i giocatori con carattere va fuori di testa.In più Difra che si ostina con lo stesso modulo tanto è che hanno tenuto 30 minuti e poi lo sfacelo.Ora perdere in casa con lo Spal la dice lunga.La cessione di Strootman è stata sottovalutata sia dal Ds e soprattutto Difrancesco.In campo era un leader uno che anche se non stava al meglio si dannava e urlava ai compagni.Alcuni sono discontinui tipo Pellegrini Elsharawy.Cristante non pervenuto fino ad ora.Spero che trovino continuità abbiamo perso già un mare di punti.Ora hai la Champions e domenica il Napoli.

  12. Io ormai non mi Inc…. più ed è grave, prima mi avvelenavo, ormai più che disgusto c’è rassegnazione. Squadra svuotata di carisma, vagano per il campo senza sapere cosa fare, dopo un anno insieme non sanno oppure ormai non vogliono fare ciò che dice il mister. Campagna acquisti ridicola, presidente assente, milioni di persone allo staff, società allo sbando totale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here