romanews-roma-antonio-mirante-roma-udinese-bryan-cristante-federico-fazio
Foto Tedeschi

ROMA UDINESE LA CRONACA – Ottava sconfitta in questo 2020 per la Roma, che esce perdendo dallo Stadio Olimpico nella sfida contro l’Udinese di Gotti. Dopo il ko subito a San Siro, la squadra di Paulo Fonseca ha perso nuovamente senza siglare una rete e subendo due gol. Decisiva in tal senso l’espulsione di Perotti, che alla mezz’ora del primo tempo ha lasciato la sua squadra in dieci uomini per aver dato un pestone a Becao, un intervento giudicato da rosso diretto dall’arbitro Guida. Nonostante l’uomo in meno, la Roma ha comunque provato a reagire con delle buone occasioni create soprattutto da Carles Pérez. Lo spagnolo, apparso in gran forma grazie a una serie di iniziative personali, ha però trovato un ottimo Musso di fronte a sé. Il gol di Nestorovski al secondo tempo ha poi definitivamente spento la squadra di Fonseca, che ha staccato la corrente ed è psicologicamente uscita dal campo. L’Udinese festeggia i tre punti e tira un sospiro di sollievo guardando verso la zona retrocessione. Per i giallorossi, invece, si prospetta una lunga notte di riflessione, dato che stanno vivendo una crisi di risultati e di prestazioni. La Roma, che con la vittoria dell’Atalanta sul Napoli dovrà definitivamente abbandonare il sogno Champions League, adesso dovrà ritrovare una quadratura per evitare di scivolare più in basso in classifica. Ora, con questi risultati, può essere a rischio anche l’Europa League.  

Cronaca testuale
Daniele Furii

Roma-Udinese: le formazioni ufficiali

UFFICIALE ROMA (4-2-3-1): 83 Mirante; 33 Bruno Peres (62′ Zappacosta), 20 Fazio (73′ Ibanez), 6 Smalling, 11 Kolarov; 42 Diawara (62′ Villar), 4 Cristante; 31 Carles Perez, 8 Perotti, 17 Under (46′ Mkhitaryan), 19 Kalinic (73′ Dzeko).
A disp.: 63 Fuzato, 45 Cardinali, 37 Spinazzola, 18 Santon, 2 Zappacosta, 41 Ibanez, 14 Villar, 27 Pastore, 77 Mkhitaryan, 99 Kluivert, 9 Dzeko.
All.: Paulo Fonseca.

INDISPONIBILI: Zaniolo (rottura del legamento crociato del ginocchio destro), Pau Lopez (microfrattura al polso), Mancini (gastroenterite), Jesus.
SQUALIFICATI: Veretout, Pellegrini.
DIFFIDATI: Dzeko, Kluivert, Santon.

UFFICIALE UDINESE (3-5-2): 1 Musso; 87 De Maio, 17 Nuytinck, 50 Becao; 19 Larsen (81′ Samir), 10 De Paul, 11 Walace (57′ Fofana), 8 Jajalo, 77 Zeegelar (65′ ter Avest); 7 Okaka (65′ Nestorovski), 15 Lasagna (46′ Teodorczyk).
A disp.: 88 Nicolas, 27 Perisan, 5 Ekong, 3 Samir, 18 Ter Avest, 6 Fofana, 12 Sema, 61 Ballarini, 30 Nestorovski, 91 Teodorczyk.
All.: Luca Gotti.

INDISPONIBILI: Prodl, Mandragora.
SQUALIFICATI: –
DIFFIDATI: Sema, Nestorovski, Ekong.

Arbitro: Guida della sezione di Torre Annunziata.
Assistenti: Manganelli – Villa
IV: Dionisi
VAR: Di Paolo
AVAR: De Meo

Ammoniti: 8′ Zeegelaar (U), 46′ Okaka (U), 46′ Mkhitaryan (R), 69′ Villar (R), 88′ Ibanez (R).
Espulsi: 29′ Perotti (R).
Marcatori: 12′ Lasagna (U), 78′ Nestorovski (U).

Note:

La cronaca

SECONDO TEMPO

90+5′ – Triplice fischio, la partita è finita.

90+5′ – Ancora gol annullato per l’Udinese. Teodorczyk è stato pescato nuovamente in fuorigioco.

90+2′ – Continua ad attaccare l’Udinese che fraseggia in mezzo al campo indisturbata. Ci ha provato con una conclusione Nestorovski, ma il tiro è stato deviato da Smalling.

90′ – Cinque minuti di recupero.

88′ – Ammonito Ibanez per un’ entrata dura.

84′ – Ancora pericolosa l’Udinese con De Paul, che prova dal limite dell’area di rigore un tiro forte rasoterra. La palla finisce fuori, ma la Roma ha smesso di giocare, ha subito il contraccolpo psicologico del secondo gol.

81′ – Altro cambio per l’Udinese: entra Samir ed esce Stryger Larsen.

77′Gol dell’Udinese! Ilja Nestorovski raddoppia per i friulani. La rete arriva da un contropiede rapido della squadra di Gotti condotto principalmente da De Paul che controlla bene un pallone e serve perfettamente il macedone che deve metterla solo in rete.

73′ – Smalling si divora il gol del pareggio. Da un calcio d’angolo l’inglese riesce a colpire il pallone di testa ma schiaccia troppo e fa uscire la palla sopra la traversa.

72′ – Ultimi due cambi per la Roma. Entrano Dzeko e Ibanez per Kalinic e Fazio. L’argentino è uscito per un problema fisico.

70′ – L’Udinese trova il gol del 2-0 ma l’arbitro Guida ferma tutto per fuorigioco. Teodorczyk ha potuto calciare da solo davanti a mirante, ma è stato pescato in offside.

69′ – Ammonito Gonzalo Villar. Lo spagnolo controlla male un pallone, scivola e si fa soffiare via il pallone da De Paul. L’argentino viene messo a terra e Guida estrae il giallo per Villar.

66′ – Doppio cambio anche per l’Udinese. Escono Okaka e Zeegelaar per ter Avest e Nestorovski.

62′ – Doppio cambio per la Roma. Entrano Villar e Zappacosta al posto di Bruno Peres e Diawara.

59′ – Sfrutta un contropiede l’Udinese, che con De Paul riesce ad avanzare. L’argentino trova con un bel cross Okaka che però spreca l’occasione calciando male a lato.

57′ – Cambio per l’Udinese. Esce Walace ed entra Fofana.

57′ – Incontenibile Carles Pérez. Lo spagnolo punta l’uomo avversario, entra in area di rigore e si mette la palla sul mancino. Deviata dalla difesa la conclusione.

55′ – Ancora occasione per la Roma, che in dieci uomini sta creando più problemi alla difesa avversaria. Un’altra conclusione di Carles Pérez deviata da Musso. Sulla ripartenza dell’Udinese poi Teodorczyk si fa ipnotizzare da Smalling che gli sfila il pallone.

48′ – Carles Pérez vicinissimo al gol del pareggio. Calcia in corsa entrando dentro l’area di rigore ma Musso para. Brividi per il portiere friulano, perché dopo la parata la palla gli è sfuggita sotto le gambe.

46′ – Un cambio a testa per Roma e Atalanta. Entra Mkhitaryan per Kluivert nei giallorossi, mentre esce Lasagna per un problema fisico tra i friulani. Al suo posto Teodorczyk.

46′ – Inizia il secondo tempo.

PRIMO TEMPO

45+1′ – Termina il primo tempo.

46′ – Okaka spinge Diawara in corsa e commette un fallo. Ammonito l’ex Roma Primavera. Cartellino giallo anche per Mkhitaryan, che dalla panchina ha protestato nei confronti dell’arbitro Guida.

45′ – Un minuto di recupero.

42′ – La Roma, nonostante l’uomo in meno, sembra più brillante. La formazione giallorossa sta cercando il gol del pareggio sfruttando manovre più precise e con un ritmo più alto.

35′ – Under prova un tiro da fuori area ma Musso si supera. Il turco, dopo aver ricevuto il pallone da Carles Pérez, con il piede debole ha tentato una conclusione a giro dove però è arrivato miracolosamente il portiere avversario.

33′ – La Roma sfiora il gol con l’uomo in meno. Prima ci prova Carles Pérez con una percussione per vie centrali, poi Cristante raccoglie la conclusione deviata dello spagnolo e con un gran tiro dalla distanza colpisce la traversa. Giallorossi sfortunati in questa occasione.

29′ – Cartellino rosso per Perotti. L’argentino commette un grave errore e lascia in 10 uomini la squadra. L’arbitro Guida lo ha espulso per un brutto pestone ai danni di Becao. Si mette in salita la partita per gli uomini di Fonseca.

27′ – Squillo della Roma con Carles Pérez. Lo spagnolo raccoglie un pallone vicino al vertice destro dell’area di rigore e tenta un tiro dalla distanza. Palla di poco a lato.

23′ – Ancora pericolosa l’Udinese. Azione dei friulani molto veloce e con rapidi scambi in mezzo al campo. Chiude l’azione con il tiro Lasagna, ma è decisivo l’intervento di Mirante.

21′ – La Roma batte un calcio d’angolo direzionando la palla fuori dall’area di rigore. Arriva in corsa Kolarov che calcia al volo con potenza ma con poca precisione. Palla fuori.

16′ – La Roma si affaccia in attacco con un calcio d’angolo. Corner di Perotti in direzione di Smalling, ma Musso esce e anticipa l’inglese.

12′ Gol dell’Udinese! De Paul calcia male su cross di Kevin Lasagna, la palla finisce proprio sui piedi dell’attaccante italiano che batte a rete e porta in vantaggio i friulani.

10′ – La Roma riparte in contropiede con Carles Pérez che viene steso da Zeegelaar. Ammonito l’olandese.

8′ – Si accende Under: con una finta di tacco effettua un dribbling e conquista un calcio d’angolo.

5′ – Bruno Peres cerca Under con un cross, ma Musso blocca in uscita.

1′ – Subito pericolosa l’Udinese: Stryger Larsen dalla destra mette in mezzo un pallone pericoloso colpito male da Okaka.

1′ – Inizia il match

IL PRE PARTITA

Ore 21.31 – Riscaldamento terminato, le squadre rientrano negli spogliatoi.

Ore 21.15 – La squadra è scesa in campo per il riscaldamento.

Ore 20.46 – La Roma tramite il proprio account Twitter ufficializza l’undici di partenza.

Ore 20.24 – Angelo Mangiante, giornalista di Sky Sport, rende note le formazioni ufficiali della Roma. Parte titolare Kalinic, che sostituirà il capitano giallorosso Dzeko.

Ore 20.22 – La Roma è arrivata allo Stadio Olimpico, come si vede dal profilo ufficiale del club.

I precedenti

Sono 91 i precedenti complessivi tra le due squadre, con 47 successi giallorossi, 23 pareggi e 21 vittorie dell’Udinese; in casa giallorossa il bilancio è di 27 vittorie interne, 12 pareggi e 6 successi degli ospiti, uno solo negli ultimi 10 precedenti con 9 vittorie giallorosse. L’ultima sfida all’Olimpico tra le due squadre è stato deciso da Edin Dzeko su assist di Stephan El Shaarawy. Paulo Fonseca non ha mai incontrato in carriera il tecnico avversario Luca Gotti, mentre il suo unico precedente con l’Udinese è quello della gara di andata vinta per 4-0.

Print Friendly, PDF & Email

38 Commenti

  1. con la formazione prevista a centrocampo mancherebbe un uomo di peso tipo Cristante .. se si volesse far riposare Cristante magari metterei Mancini a mediano (con Fazio al posto di Mancini al centro della difesa ..) di centrocampo con Villar o Diawara’ .. Pastore e Mhkitaryian dietro Dzeko mi piacciono .. Under c’ ha una faccia ingrossata .. ma che gli e’ successo ? ha allergie ? beve ? meglio Kluivert ultimamente .. l’ unico che ha corso a Milano ..

  2. Dalla parte di Bruno Ceres e Carlos Perez chi fa le coperture difensive? Nessuno. A centrocampo Villar e Cristante sono soli pastore è nullo. Perotti o Kluivert giocano con loro Kolarov non si regge in piedi. Lasagna è molto meglio di kalinic. Sono preoccupato Fonseca sembra ci voglia affossare. Speriamo bene.

  3. Ad un allenatore che mette Bruno Peres in campo, non resta che sospendere il patentino. Penso francamente che la Roma sia la squadra che gioca peggio in serie A.

  4. Non mi ricordo una Roma così brutta da decenni (e di anni comincio ad averne ahimè)… inguardabili… non capisco Fonseca… formazione senza capo né coda… boh?….

  5. non capisco l’atteggiamento dell’Udinese, di solito quando vieni invitato ad una partita come l’addio al calcio di un giocatore dek calibro di Kalinic, lasci al giocatore qualche spazio per ammirare le ultime giocate del campione. evidentemente hanno paura di prenderne troppi. peccato per Perotti, tradito dal campo da terza serie, non riesce ad infortunarsi ma esce prima, avremmo tutti voluto assistere alla faccia stufa di fisioterapia, a soli 2,8 milioni l’anno mica vorrete anche impegno? ottima la prestazione di Mhkitarian, anche se l’ammonizione è forse un po’ eccessiva

  6. Dopo il primo tempo:
    Mirante 6
    Peres 5
    Kolarov 5
    Fazio 6
    Smalling 5
    Cristante 5
    Diavarà È più veloce una lumaca 4
    Peres 6
    Under 5
    Kalinic impresentabile 0
    Perotti 4

  7. Se non non ricordo male il CIRCO DU SOLEIL e’ fallito…guardare le partite e’ diventata una pena…siamo diventati la barzelletta d’italia, ma ancora peggio della capitale! Bruno Ceres, il comandante Fazio senza nave, il kebabbaro Under, lo scarto napoletano Diawara e per finire il non concludente di Kalinic! Ma che ci fanno in campo? Meglio un film di Fantozzi!

  8. Penosi ! Falliti ! Da lega pro ! Preparate pomodori ed uova, assedio a Trigoria, BRUNO CONTI allenatore, cacciate fonseca. SENZA ZANIOLO E PELLEGRINI questa squadra e’ da B. E qualcuno da bar dello sport parlava di E.-L..

  9. Io vi invidio perchè trovate ancora la forza di guardare e commentare le partite di questa “squadra”.
    Quando il calcio giocato non rientra nella mission di questa società, meno che mai in questo momento.
    State parlando del NULLA, di qualcosa di cui nella Roma nessuno si interessa, nessuno si occupa.
    Smettetela di farvi del male da soli…

  10. Da settimane dicevo che questo sarebbe stato il finale di stagione tra campionato ed Europa League….ma quello che mi preoccupa di più è il prossimo…se sbagliamo le plusvalenze e gli acquisti rischiamo la retrocessione…..e credo in quello che dico…siamo allo sfascio totale..Godo solo per Pallotta che neanche due noccioline rimedierà da questa polveriera di Società

  11. Me bocciano pure il commento, per altro sobrio, vedemo un po’ questo! Propongo una rimpatriata…dopo sta’ vittoria, me aspetto na’ bella cena a trastevere e poi tutti in discoteca! Figuramose poi domenica a Napoli! Da multipla…1 over 3,5! Spero solo sia una tecnica per abbassare il valore dell’asset pallottiano cosi da accontentarse de 4 spiccioli e per svendere sti 4 calciatori strapagati! Me vergogno pe’ loro!

  12. Mi dispiace ma al di là della pochezza dei giocatori per questa sconfitta vergognosa la colpa maggiore è di Fonseca secondo me. La squadra messa in campo nel primo tempo è una cosa che non si poteva vedere… per me è incomprensibile continuare a giocare ancora con questo 4-2-3-1 con i giocatori che ha la Roma… specialmente a centrocampo… non capisco l’ostinarsi in questa maniera. Ci sono squadre che in non possesso di palla difendono a 5 e pronte a ripartire… a questo punto vorrei essere già al prossimo campionato anche perché non vedo assolutamente nessuna possibilità di qualche progresso nel gioco ma specialmente per la classifica… una grande delusione…

  13. Vorrei aggiungere solamente che non ci sono scuse o alibi… è una squadra senza convinzione in ciò che fa. Senza mordente e grinta… manca totalmente la voglia di portare in alto i colori di questa squadra e di questa città… Serve una rivoluzione tecnica e societaria che spero venga al più presto…

  14. In ultimo noi tifosi non meritiamo queste prestazioni. Non meritiamo di assistere a figuracce come stasera. Io della società mi interessa poco nel senso che allenatore e giocatori sono (dovrebbero essere) dei professionisti lautamente stipendiati e come tale dovrebbero scendere in campo con una voglia di vincere da far paura… Mangiarsi l’erba dell’Olimpico ed invece ogni partita ormai da troppo tempo a questa parte sembra essere presa per un allenamento a porte chiuse. E a proposito, meno male che il pubblico è stato interdetto allo stadio per le ben note ragioni di prevenzione perché altrimenti stasera ci sarebbero state delle bordate di fischi che avrebbero tirato giù lo stadio… Tutti dovrebbero chiederci scusa… società, tecnico e giocatori per lo scempio a cui stiamo assistendo verso la nostra Roma…
    Vergognatevi…

  15. e se lo stile detta gli obiettivi/gli obiettivi dettano lo stile…
    sofismi socratici o leggi di natura dettati dalla sponda di appartenenza o dal colore del mattino…
    quel che siamo è quel che pensiamo e si traduce in quel che operiamo… JP

    21/6 – 24/6 – 28/6 – 3/7
    squadra di Bergamo cambia 3 giocatori a partita sempre gli stessi 1 difensore 1 centrocampista o esterno 1 attaccante

    quelli di stasera con l’udinese media 5 cambi a partita (con picchi di 7) e una partita in meno (3) di Bergamo (il 21/6)

    JP puoi togliere il ragazzo dal ghetto, ma non puoi togliere il ghetto dal ragazzo…

    stop

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here