Foto Tedeschi

ROMA BELOTTI – Si complica Andrea Belotti, primo obiettivo della Roma in attacco per la prossima stagione. Nelle settimane scorse, come riporta Tuttosport, Tiago Pinto aveva presentato al Torino la prima offerta che si stanziava circa sui 15 milioni di euro più bonus. Secco no da parte di Cairo, che ha ritenuto la proposta “provocatoria” e troppo lontana dalla sua richiesta. D’altra parte però, il “Gallo” non ha nessuna intenzione di rinnovare il contratto con i granata, in scadenza nel 2022 e quindi nel breve tempo bisognerà trovare fra le parti un accordo.

Leggi anche:
Roma, tre sono i nomi per la porta

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicità

18 Commenti

  1. Non credo sia vero ma se lo fosse MENO MALE..,poi se belotti te lo prendi a 5 mil (per .dire una cifra conveniente) va bene se vogliono 20 ml o più sta bene dove sta …alla roma deve fare panchina con cristante ed altri se vogliamo crescere…i titolare devono essere altri di tutt altro spessore

  2. Cristante non e da serie A eccetto le ultime 4 o 5 squadre non sarebbe neanche la 1 a riserva,
    Belotti non e un fenomeno,ma giocherebbe titolare dapertutto eccetto le prime 4 o 5 squadre del campionato….

  3. povero Belotti allora, costretto a sprecare le sue indubbie qualità in una squadra che si salva dalla B per un rigore di Ciruzzo…

    fa tenerezza il gallo…resisti un anno a Torino poi vai dove ti offrono 5 milioni all’anno alla faccia di cairo

  4. Il problema è che se non lo prendi quest’anno per prenderlo il prossimo anno devi offrirgli il solito ingaggio fuori parametro (più magari la stecca da dare al procuratore)… se poi le cose dovessero andare male, lo renderà per 5 anni una zavorra invendibile. Vedi Borriello, Nzonzi, Pastore, ecc…
    Invece se lo paghi oggi, ce l’hai un anno prima, e probabilmente risparmi uno o due milioni netti l’anno di ingaggio. E se le cose vanno male, l’anno prossimo lo rivendi perdendoci solo qualcosa sulla cifra data a cairo, ma eviti di trovarti zavorre a lungo termine

  5. Dispiace per il ragazzo che si trova imprigionato dell’ego di Cairo che crede di avere una squadra da Champions ma che in realtà lotterà anche il prossimo anno per non retrocedere.La situazione Belotti dimostra che prima di firmare un contratto anche i giocatori ci devono pensare bene.

  6. Anche 5 anni fa Cairo chiedeva 100 milioni al Milan per Belotti, come al Sassuolo chiedevano sempre 50 milioni per Berardi, e chissà perchè entrambi non hanno mai cambiato squadra, divertiti a lottare per la salvezza Cairo

    • Sassuolo e Torino sono due squadre che non hanno necessità di vendere: il loro scopo non è quello di diventare sempre più forti, ma solo di restare in serie A. A quel punto arrivare ottavi o diciassettesimi conta zero.
      Viceversa, sanno benissimo che se arrivano per qualche motivo in coppa, dovranno allargare la rosa, fare investimenti, ecc…: perchè se non li fai, il rischio è che consumi i giocatori che hai, e in campionato vai in B. Ma se fai investimenti poi ti ritrovi a spendere i soldi che di fatto non hai… l’anno dopo che non hai le coppe avrai i debiti.
      Loro quindi non hanno interesse a cedere i giocatori di livello: a meno che veramente non arrivi un’offerta irrinunciabile, per loro è molto più importante tenersi chi gli garantisca un rendimento sicuro – per essere certi di rimanere in A. Squadra che vince non si cambia – e la vittoria di Torino e Sassuolo non è vincere il campionato di serie A, ma parteciparvi.

  7. Io non credo proprio a nessuno dei nomi che fanno i giornalisti. I proprietari della Roma non parlano mai ma agiscono e bene in silenzio vedi Mourinho

Comments are closed.