romanews-roma-petrachi-difensore
Foto Getty

ROMA DISCIPLINA ORDINE – La nuova gestione PetrachiFonseca non si è fatta sentire solo dal punto di vista della tattica o del mercato, ma anche grazie all’aiuto di Fienga e De Sanctis. L’intenzione è quella di porre come base per calciatori e società la disciplina, la serietà e l’ordine prima di ogni cosa.

TUTTE LE RIVOLUZIONI – Innanzi tutto, comportamenti alla “Nainggolan” non saranno più tollerati e saranno severamente puniti. Come riporta il Corriere dello Sport, chi verrà a Roma deve considerarlo un vanto e impegnarsi senza sosta. Particolare attenzione anche alla dieta degli atleti. La società infatti vuole concentrarsi su questo aspetto poiché spera che investendo su questo fronte la quantità degli infortuni si possa ridurre. Particolare cautela anche per l’uso dei social: i calciatori non potranno più esporsi troppo. Infine gli stipendi della Primavera. Gli ingaggi verranno notevolmente ritoccati in modo da poter permettere ai giovani di fare esperienza anche in prestito tra le squadre di Serie A.

Print Friendly, PDF & Email

20 Commenti

  1. X PV : ti sei dimenticato di chiudere il tuo intervento con il solito ritornello….. a già lo scrivi quando ti firmi andrea, plusvalenza, asr … o altri nickname… ahahhahahahahhaha sicuramente non bevendo alcolici e non mangiando male forse i giocatori saranno più in forma… ma certo sicuramente è una cazzata meglio avere i giocatori ubriachi alla Zebina che colgono una fila de bidoni della mondezza o alla Naingolan che poi sbagliano a passa la palla e prendi un gol (guarda il primo gol del liverpool a roma)… FORZA ROMA

  2. Fatti aiutare; lo psicologo; celebroleso; povera famiglia; che brutta vita….etc etc.
    Caro chiuaua grigio ma tutte ste belle cose non pensi che ne abbia bisogno il tuo padroncino dopo 10 anni di sole bilanci in rosso e follie varie?
    Io credo di si siamo arrivati al punto che ogni iniziativa dell’As Supermarket fa ridere tutti, siete la barzelletta della serie A.

  3. Multinick qui tifiamo la Roma indipendentemente che ci possa piacere o no la proprietà.Tu sei il laziese sfigato che scrive qui cambiando nome per far vedere che sei più di uno ma si sente puzza di pecorino.Forza Roma lazio merda

  4. era ora … speriamo vada in porto
    c’è chi chiacchera e chi mette i soldi ..sbaglio o Pallotta ha rimesso dei bei soldi per ricapitalizzare..
    fatti non slogan…
    con gli ultimi acquisti direi che è una Roma interessante..e diamo tempo a sto allenatore..
    io tifo Roma..la gente e le chiacchere passano …la ROMA RESTA

  5. Facciamo un piccolo bilancio: la Roma compra anche bidoni e li paga tanto. In parte è vero (in parte no Manolas, Dzeko, Kolarov, Pellegrini, lo stesso Under solo per fare nomi recenti). Critica: “basta co sti bidoni” Giusto però senza mercato poi non prendi nessuno ne i bidoni ne quelli forti.
    La Roma decide per una politica che come nel caso di altre formazioni di A è di disciplina e di professionalità. Io direi “giusto e basta” ma anche qui qualcuno non è contento. Domanda: allora che facciamo prendiamo i giocatori e gli diciamo fate come vi pare? In fondo abbiamo sempre detto che ci voleva presenza societaria, oridine e principi oltre i quali non si deroga. Adesso che cominciano a darseli non ci va bene manco questo?
    Onestamente trovo affascianate il tifoso medio che da quando ero ragazzino è proprio antropologicamente cambiato. Negli anni 70 era un tifoso solido: tifava e basta. Anche a quei tempi abbiamo preso varie sole ma appunto il tifoso soprattutto tifava. Adesso la nuova versione del tifoso è borghese nella mentalità, non vuole più tifare e quindi anche patire se è il caso. Vuole che gli compri i campioni ma non uno o due, meglio sette o otto e vuole vincere e vuole il trofeo. Molte delle critiche che si leggono qui hanno questo sfondo “e che io soffro e basta? fammi vincere… dai un senso al mio patire”.
    Non sono un nostalgico ma una Roma con un capitano come Di Bartolomei che si suicidò proprio nella data in cui ricorreva la sconfitta della Coppa dei Campioni non c’è più e non tornerà. Ci resteranno questi calciatori: qualcuno un pò più serio come De Rossi, qualcuno molto pieno di se come Totti, qualcuno abbastanza bravo ragazzo (o bello de nonna) come Florenzi qualcuno persino un po accigliato come Kolarov. Molti giocatori che ormai postano anche se hanno dormito male per via delle zanzare e poco altro. Ripeto non sono nostalgico…

    • Ma secondo te “ordine e disciplina” li sbandieri in giro?
      Sai quante volte in 10 anni hanno detto da oggi si cambia?
      Poi puntualmente se rimagnano tutto….
      Servono i fatti quelli veri….vendere la Roma.

    • Angelo, il tuo commento mi commuove.
      La maggior parte delle critiche sono a prescindere, perciò tranquillo che i soliti noti troveranno sempre un appiglio per criticare qualsiasi cosa provenga da questa proprietà. Vogliono vincere i trofei, ma poi fa niente che l’unico trofeo alla portata fosse la Coppa Italia che non hai vinto in finale con la Lazio giocando con Marquinhos, Burdisso, Castan, Balzaretti, Osvaldo, De Rossi, Bradley, Lamela, Totti, Destro e con in panchina Romagnoli, Florenzi, Perrotta e Pjanic. Fa niente anche che sei uscito in casa con lo Spezia con rigori sbagliati da Dzeko e Pjanic e nell’anno in cui avresti trovato l’Alessandria al turno successivo (Alessandria che si è fatta la semifinale col Milan).
      Poi dicono che la semifinale di Champions non finisce in bacheca, ma non dicono che se in 5 anni di Champions League la Roma fosse uscita SEMPRE ai gironi e scesa in Europa League, magari avrebbe potuto provare a vincere un trofeo più alla sua portata visto che nello stesso periodo il Siviglia di Monchi ne ha vinti 3 di fila.
      Ormai sono totalmente assuefatti alla contestazione a senso unico e finirà soltanto quando questa società passerà di mano. E sarà questo il trofeo che finalmente metteranno in bacheca.

      • Bravo Rudi, punto primo eliminare la metastasi, poi tornare ad una parvenza di normalità, tanto perso per perso preferisco che la Roma sia in mano a qualcuno che abbia rispetto dei tifosi di Roma e dell’ambiente senza cercare di “comprare radio e usare i burattini come te” per martellare con tanta fuffa la gente e vendere il nulla.
        L’obiettivo dell’As azienda è un’immensa speculazione che non ha nulla di romanista di calcio e di sportivo.

  6. Regole che puoi e devi adottare nel Real City Barcellona Juventus oi il Milan di Berlusconi ossia chi ti riempie d’oro e ti fa vincere trofei…noi neanche a pari e dispari vinciamo e adottiamo la linea dura…ma per favore… già non viene un giocatore degno dai tempi di Batistuta …. penoso

Comments are closed.