ROMA NUMERI CHAMPIONS – La Roma riparte dopo la sosta così come si era fermata: con una vittoria netta e in scioltezza per 3-0 contro il Parma. Un risultato che, per certi versi, è anche stretto per gli uomini di Fonseca che per tutti i 90 minuti hanno assediato l’area di rigore del Parma, creando in continuazione occasioni da gol. Ancora sugli scudi Mkhitaryan, autore di una doppietta strepitosa, e ottimi segnali da parte di Borja Mayoral alla sua prima gioia in Serie A. E la classifica continua a sorridere: 17 punti in otto partite che valgono il terzo posto a -3 dal Milan capolista. Una partenza che in casa Roma mancava dalla stagione 2015/16.

Roma, la partenza è da Champions

Un inizio sprint, dunque, per gli uomini di Fonseca, lo stesso score dell’annata 15/16 quando la Roma, con un cambio di allenatore nel mezzo, concluse la stagione al terzo posto con 80 punti. Allora bastarono appena per giocare il preliminare di Champions, ora vorrebbe dire qualificazione automatica nel palcoscenico europeo più prestigioso. Per cercare una partenza migliore, invece, bisogna andare alla stagione 2014/15 con 19 punti in 8 giornate: la squadra giallorossa arrivò seconda ma con soli 70 punti. E’ vero, il cammino è ancora lungo e con tante insidie nel mezzo ma se il buongiorno si vede dal mattino, per la Roma di Fonseca i presupposti sembrano essere veramenti quelli giusti per poter tornare finalmente a disputare la Champions League.

La svolta dopo la sosta

La svolta c’è stata senza dubbio dopo la prima sosta del campionato. Nelle ultime 9 partite tra Serie A ed Europa League, infatti, la Roma ha raccolto ben 7 vittorie e solo due pareggi con 24 gol fatti e 7 subiti. Il miglioramento è apparso ancora più chiaro nelle ultime 4 uscite: al di là dei numeri sui gol fatti e subiti, sono impressionanti i numeri legati agli Expected Goals (xG, una misura della probabilità di un tiro di essere trasformato in gol). Contro Fiorentina, Cluj, Parma, e Genoa i giallorossi hanno prodotto tra i 2.34 e i 3.40 xG e concesso al massimo solo 0.66 xG a Marassi. Numeri che testimoniano sia la facilità di creare occasioni e far male agli avversari, ma anche una grande solidità difensiva.

Roma, l’obiettivo è la Champions: ma con questi numeri…

Quale può essere, dunque, l’obiettivo della Roma in questa Serie A? Prima di tutto sarà fondamentale puntare al quarto posto per tornare in Champions League, importante per il prestigio e per dare respiro ai conti. In un campionato strano come questo, però, sarebbe sbagliato porsi limiti: se la squadra di Fonseca dovesse arrivare vicino alla vetta alla pausa natalizia, si potrebbe pensare anche a qualcosa in più. Come vogliono Pedro e Mkhitaryan che di obiettivo quarto posto proprio non ne vogliono sentire parlare. Starà a loro, leader indiscussi di questo gruppo, dimostrare che la Roma può fare di più.

Alessandro Tagliaboschi

Print Friendly, PDF & Email

5 Commenti

  1. La parola scudetto vi fa sentire troppo male associata alla Roma vero? Meglio dire champions si dovrebbe risentire la suscettibilità di qualche laziale o juventini..

  2. La parola scudetto vi fa sentire troppo male associata alla Roma vero? Meglio dire champions si dovrebbe risentire la suscettibilità di qualche laziale o juventino..

    • Se parli de scudetto all’ottava giornata de campionato vor di che non ce capisci un ca**o de calcio, con tutto il rispetto. Manco il Milan può parlare di scudetto nonostante le abbia vinte quasi tutte e con Ibra che vince i campionati da solo. Te ricordo il primo anno di Garcia, 10 vittorie consecutive co Strootman, Totti, Gervinho, Benatia, poi arrivò Nainggolan a Gennaio. Alla fine non abbiamo vinto un ca**o manco quell’anno. Andiamoci cauti e riparliamone verso Marzo-Aprile. Forza Roma.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here