ROMA JUVENTUS – La prossima sfida di campionato sarà contro la Juventus. I giallorossi non si troveranno come avversario Edin Dzeko, che è stato a un passo dalla partenza, ma lo sarà comunque Cristiano Ronaldo. E il portoghese, di per sé, è una brutta spina nel fianco.

Capitolo difesa: arginare Ronaldo

Soprattutto perché la difesa della Roma non è ancora quella definitiva e sicuramente manca di esperienza. Come scrive Il Messaggero, all’Olimpico i tre centrali saranno Mancini, Kumbulla e Ibanez. Il primo è il veterano dei giallorossi, che però è orfano del suo compagno di reparto Smalling. Kumbulla è arrivato in questo calciomercato e non ha ancora avuto modo di far sue le idee di Fonseca, mentre Ibanez è esploso al termine dello scorso campionato ma, la dimostrazione c’è stata col Siviglia, ancora i suoi errori li fa. L’alternativa è la difesa a quattro, con cui ha sempre giocato prima del Covid. Il problema di quest’ultima opzione è la mancanza di un terzino destro con caratteristiche da difensore, l’unico in rosa è Santon. Gli altri hanno qualità offensive. Il protoghese deve scegliere, dei tre possibili titolari anti Juve, chi potrà giocare al centro. Per caratteristiche, Ibanez è quello più adatto, soprattutto perché il più veloce.

Kumbulla l’ha già fatto

L’esordio potrà impensierire Kumbulla, ma il difensore ha già fermato Cristiano Ronaldo in passato. Più precisamente lo scorso 8 febbraio, ricorda La Gazzetta dello Sport. Con il Verona non solo ha arginato il portoghese, ma ha anche battuto la Juventus da protagonista assoluto. Prima, segnando di testa il gol del vantaggio, gol annullato per un braccio in fuorigioco; e poi prendendo in pieno la traversa, azione che però ha portato al penalty decisivo per un tocco di mano di Bonucci.

Print Friendly, PDF & Email
Claudia Belli
"Non c’è un altro posto del mondo dove l’uomo è più felice che in uno stadio di calcio". Datemi, poi, anche carta e penna per poterlo raccontare e allora sì che sarà tutto perfetto. Laureata in Mediazione Linguistica e Interculturale a La Sapienza, mi piace viaggiare per il mondo parlando più lingue possibili. Per il momento ne conosco 4: italiano, inglese, spagnolo e portoghese (anche la variante brasiliana), ma spero di poter ampliare il mio bagaglio linguistico al più presto possibile.