ROMA MILAN MKHITARYAN IBRAHIMOVIC – Altro big match in vista per la Roma, reduce dalla qualificazione agli ottavi di Champions League, dove affronterà lo Shakhtar Donetsk, ex squadra di Fonseca. I giallorossi domani all’Olimpico si troveranno di fronte il Milan, ultimo appello d’esame di febbraio. Il match di andata è finito con un avvincente 3-3, ma ora i capitolini vorrebbero sfatare il tabù ‘big’ e guadagnare tre punti proprio sui rossoneri secondi in classifica. E a proposito di tuffi nel passato, questa sarà una sfida che vedrà probabilmente affrontarsi Henrikh Mkhitaryan e Zlatan Ibrahimovic, ex compagni di squadra al Manchester United nelle stagioni 2016-2018.

Roma, Mkhitaryan

“È stato un onore conoscerti, ti auguro il meglio”, così scriveva Mkhitaryan il 22 marzo 2018 su Instagram, quando la sua strada e quella di Ibra si sono separate all’ombra dell’Old Trafford. Il palmares comune contiene 3 trofei ai tempi dei ‘Red Devils’: una coppa di Lega, un’Europa League e una Supercoppa. L’armeno nel Manchester United ha collezionato 63 presenze, con 13 gol e 11 assist. Dopo la parentesi londinese con l’Arsenal, “Miki” è approdato a Trigoria, dove giorno dopo giorno a suon di prestazioni si è cucito una maglia da titolare che ora difficilmente viene riposta nell’armadio. Il numero 77 è infatti l’attuale capocannoniere della Roma in Serie A quest’anno, con le sue 9 reti sul curriculum (più una in Europa League), e altrettanti assist. Il giocatore giallorosso di Yerevan vanta il 79.5% di passaggi riusciti, di cui 33 si sono poi rilevati chiave. In queste settimane per il classe ’89 si prospetta una camminata sul viale dei ricordi. Agli ottavi di Europa League la squadra capitolina ha infatti pescato lo Shakhtar Donetsk, sua vecchia conoscenza (2010-13). Ma prima, domenica, Mkhitaryan ritroverà l’ex compagno di squadra svedese.

Milan, Ibrahimovic

Tra le file del club inglese Ibra ha firmato 29 gol in 53 presenze nelle stagioni 2016-18, quando vestiva la stessa maglia di Mkhitaryan. Quest’anno Zlatan, oltre a far discutere per la sua partecipazione a Sanremo, è al momento capocannoniere del Milan con 14 reti, cifra che gli vale l’attuale terza posizione in Serie A, dietro a Cristiano Ronaldo (18) e Lukaku (17). Per lo svedese la Roma è la vittima preferita in Italia: in 20 match 12 gol, di cui 2 risalenti al match di andata, dove è stato autore di una doppietta. Più marcature rispetto all’armeno, vista anche la differenza di ruolo, ma meno preciso nei passaggi (70,4%) e con un numero di assist inferiore (1 contro 8). Non solo, l’ex Inter tira di più (4,8 contro 2,6) ma ‘Miki’ vanta una maggiore percentuale di dribbling riusciti (1,4 contro 0,4). Tutti numeri che potrebbero presto cambiare, da entrambe le parti. A Mkhitaryan e compagni il compito di sfatare il ‘tabù’ Ibra e invertire la tendenza contro le big. Domani un nuovo episodio, che stavolta potrebbe avere un finale a tinte giallorosse. Appuntamento allo Stadio Olimpico alle 20.45.

Print Friendly, PDF & Email