romanews-roma-pallotta
Foto Getty

ROMA BILANCIO – Il bilancio della Roma si è chiuso il 31 dicembre 2019 e oggi la società ha pubblicato i dati. Secondo quanto si evince dal comunicato del club giallorosso, la perdita del gruppo Roma dell’ultimo semestre è di 87 milioni di euro. I ricavi aumentano a 94 milioni, mentre i costi a quasi 124. L’indebitamento finanziario, invece, è di 264.

PROFONDO ROSSO

Consiglio di Amministrazione dell’As Roma Spa, riunitosi in data odierna, ha approvato la Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 31 dicembre 2019, relativa all’andamento gestionale del primo semestre dell’esercizio sociale 2019-2020. “La perdita di gruppo al 31 dicembre 2019 – si legge nel comunicato – è pari a 87 milioni di euro, rispetto all’utile di 1,7 milioni di euro del primo semestre del precedente esercizio. In particolare, il semestre è caratterizzato dalla partecipazione all’Europa League, che ha generato proventi significativamente inferiori rispetto a quelli ricevuti per la partecipazione alla Champions League nel primo semestre del precedente esercizio, da minori proventi per sponsorizzazioni, e minori plusvalenze realizzate nel corso della sessione estiva della campagna trasferimenti”. “I ricavi complessivi, tenuto conto dei proventi dei Ricavi netti da gestione diritti pluriennali prestazioni calciatori, sono stati pari a 118,5 milioni di euro, rispetto a 213,9 milioni di euro al 31 dicembre 2018, mentre i ricavi operativi sono stati pari a 94,6 milioni di euro, rispetto a 134,8 milioni di euro al 31 dicembre 2018,e l’Ebirda, calcolato tenendo conto dei Ricavi netti da gestione diritti pluriennali prestazioni calciatori, è negativo per 12,3 milioni di euro, rispetto al risultato positivo di 65,1 milioni di euro al 31 dicembre 2018″.

QUANTO PESA NON FARE LA CHAMPIONS

Riguardo il totale dei ricavi viene specificato che “al 31 dicembre 2019 è pari a 94,6 milioni di euro, rispetto a 134,8 milioni di euro al 31 dicembre 2018. La flessione registrata rispetto al primo semestre del precedente esercizio, pari a 40,2 milioni di euro, è dovuta principalmente alla partecipazione all’Europa League, in luogo della più redditizia Champions League”.

Print Friendly, PDF & Email
Claudia Belli
"Non c’è un altro posto del mondo dove l’uomo è più felice che in uno stadio di calcio". Datemi, poi, anche carta e penna per poterlo raccontare e allora sì che sarà tutto perfetto. Laureata in Mediazione Linguistica e Interculturale a La Sapienza, mi piace viaggiare per il mondo parlando più lingue possibili. Per il momento ne conosco 4: italiano, inglese, spagnolo e portoghese (anche la variante brasiliana), ma spero di poter ampliare il mio bagaglio linguistico il più presto possibile.

2 Commenti

  1. Ancora con la champions, la gestione è falliementare anche quando arrivi in semifinale… i pallottisti oggi tutti “muti” staranno su wikipedia a trovare la soluzione per tessere le lodi del loro grande presidente

Comments are closed.