ROMA MOURINHO FRIEDKIN – Dopo l’entusiamo delle prime ore post-annuncio, il dibattito sull’arrivo di Mourinho a Roma si è subito razionalizzato. Ma è ancora un grande allenatore o è piuttosto la rappresentazione dei suoi ultimi licenziamenti? Ma la società gli comprerà i calciatori giusti o, dopo aver acquistato una fuoriserie, risparmierà sulla benzina?

Leggi anche:
I piani di Friedkin tra soldi, silenzi e ambizione: ora lo stadio e aumento di capitale

Mourinho, un colpo ‘Special’ dei Friedkin

Una serie di interrogativi, secondo Alessandro Vocalelli su La Gazzetta dello Sport, un pizzico banali. Perché – e questo lo sanno benissimo anche i Friedkin – non basta il regista più famoso per girare un capolavoro, ma devi avere gli attori giusti e una storia convincente. Di straordinario, in tutto questo, c’è soprattutto la capacità dei Friedkin di andare oltre loro stessi, di superare certe logiche, di immaginare appunto. Il proprietario della Roma ha segnato un’inversione di tendenza clamorosa, scavalcando ogni ‘confine’ e muro che si era costruito negli ultimi anni attorno alle ambizioni del club capitolino. Mourinho è dunque la vittoria, il trionfo, della fantasia che ha avuto il presidente Friedkin, accompagnando la stessa immaginazione della gente.

Print Friendly, PDF & Email

8 Commenti

  1. A me sembra solo una scelta di marketing. Serve a far risuonare il nome della Roma in Europa.
    Sono molto scettico: avremo il non-calcio ma tanto teatrino. Spero solo che imposti un modo di lavorare piu’ professionale tra i calciatori ed in generale tra i dipendenti della AS Roma.

    • Perché quello che abbiamo avuto finora sarebbe calcio invece. Il calcio delle batoste e delle imbarcate, dei grandi filosofi

      • Ho visto del gran calcio con Zeman ed ho visto un buon calcio con Di Francesco.
        Non si parte tutti allo stesso livello. Per questo il concetto di meritocrazia e’ una coglionata.

  2. Per me è un bel calcio un calcio efficace, sinceramente non mi piace vedere una squadra poco solida con buchi a centrocampo solo per avere un calcio un po’ più offensivo. Poi la scusa quando perdi è la solita: gli avversari han fatto solo tre tiri in porta noi 10 siamo stati sfortunati… il problema è che le loro azioni erano molto più pericolose delle tue!

Comments are closed.