romanews-roma-dan-friedkin-fiorentina-olimpico-scaled
Foto Tedeschi

ROMA FRIEDKIN – C’è un punto di contatto tra Dan Friedkin e Roma ben più lontano nel tempo rispetto a quando il texano ha prelevato il club in estate. Si tratta dell’anno 2001, che il presidente della società capitolina identifica col momento in cui suo padre Thomas gli passò le redini dell’impero di famiglia, mentre per il popolo giallorosso significa la festa senza limiti del terzo scudetto. E ora vuole impegnarsi per far sì che la sua squadra possa tornare ad alti livelli, come nel lontano 2001.

Leggi anche:
Sabatini: “Mourinho è un terremoto che serviva a Roma. Dzeko? Credo che se lo terrà stretto”

Già 350 milioni per la Roma: ora lo stadio e il sogno Totti

A Roma la riservatezza di Dan e di suo figlio Ryan è divenuta leggendaria (caso Leotta a parte). Come scrive La Gazzetta dello Sport, quello che appare molto bene, però, sono gli investimenti che i Friedkin hanno fatto per la Roma in soli dieci mesi. Al netto della valutazione data al club, pari a 591 milioni – che però comprendeva l’enorme esposizione debitoria, tuttora esistente come zavorra –, la nuova proprietà americana ha messo mano al portafoglio in modo concreto in due modi: liquidando Pallotta e i suoi soci con 199 milioni e, nel corso dei mesi, versando circa 150 milioni per una ricapitalizzazione da 210, che può essere completata entro il 31 dicembre ma con tutta probabilità sarà chiusa entro giugno. Totale: praticamente 350 milioni già spesi. Considerando che il fatturato del bilancio in chiusura oscillerà intorno a soli 150 malinconici milioni circa, causa pandemia, una volta che gli acquisti e (si spera) le cessioni avranno disegnato le nuove esigenze di cassa, nella seconda metà dell’anno è assai probabile che arrivi un nuovo aumento di capitale. Con la speranza che l’effetto Mourinho aiuti anche ad avviare al più presto l’iter per il nuovo stadio. E con l’arrivo dello ‘Special One’ la tifoseria sogna il ritorno di Totti. Se c’è da sperarci è difficile dirlo, ma il colpo Mou ha insegnato che con i Friedkin non bisogna dare nulla per scontato. E allora, a sorpresa, chissà che presto non arrivi il tanto atteso caffè tra i due.

Print Friendly, PDF & Email

6 Commenti

  1. Bè se viene pure Totti lo scudetto è assicurato! Che poi Conte e Allegri in primis allenino le squadre tra le più blasonate della serie A è solo un dettaglio trascurabile per certa tifoseria farlocca. Se andiamo avanti così, non cìè speranza!

  2. Mourinho in che modo potrebbe accelerare l iter per lo stadio? E Totti che verrebbe a fare? Manca solo che scrivano che la Roma porterà la pace nel mondo, che guarisca dal covid e che Dan friedkin conceda Diletta Leotta come passatempo per i tifosi ad ogni intervallo nelle partite in casa. Ma andate a puli’ le spiagge invece di scrivere ste boiate

Comments are closed.