romanews-roma-gent-europa-league
Foto Getty

GENT APPROFONDIMENTO ROMA – L’urna di Nyon ha dato il suo verdetto: sarà il Gent la prossima avversaria della Roma nei sedicesimi di finale di Europa League. La gara di andata, allo Stadio Olimpico, è in programma giovedì 20 febbraio, mentre il ritorno, esattamente una settimana dopo, alla Ghelamco Arena il 27. Un sorteggio senz’altro benevolo, considerando i rischi evitati: tra i possibili avversari c’erano squadre del calibro di Manchester United, Ajax, Arsenal, Siviglia e Benfica.

La storia del Gent

Il Gent è una squadra da una lunga e ricca tradizione – è nata nel 1864 -, ma con pochi successi. In bacheca, infatti, si contano solamente 3 coppe del Belgio (1963-63, 83-84, 2009-10), 1 Supercoppa e 1 campionato vinto nella stagione 2014-2015 sotto la guida dell’allenatore Hein Vanhaezebrouck. Nella stagione 2015-2016 partecipò per la prima volta ad una competizione europea, la UEFA Champions League, facendo dunque l’esordio nella fase a eliminazione diretta della massima competizione europea di calcio. Qui superò il girone, guadagnando così l’accesso agli ottavi di finale, terza belga a riuscire nell’impresa, sedici anni dopo l’Anderlecht. L’eliminazione giunse per mano dei tedeschi del Wolfsburg.

Che squadra è oggi il Gent

La squadra oggi è allenata da Jess Thorup, tecnico a cui piace giocare con i moduli: quest’anno il Gent è sceso in campo con il 4-3-3, il 4-3-1-2 e con il 4-4-2. Gli elementi di maggiore qualità li troviamo in attacco: Roman Yaremchuk e Laurent Depoitre. Il primo in sedici partite disputate fino a questo momento ha realizzato 10 gol e fornito un assist; il secondo in 17 partite ha messo a segno 7 gol e fornito due assist per i compagni. Senza dimenticare il classe 2000 Jonathan David, già finito nelle mire di alcuni top club europei. Ad oggi la squadra belga sta brillando in campionato ed in Europa League: terza posizione nel torneo nazionale a 35 punti (-10 dalla vetta) e primo posto indiscusso nel girone I con Wolfsburg, St. Etienne, Oleksandriya.

La curiosità

La Roma affronterà il Gent, al ritorno il 27 febbraio, alla Ghelamco Arena. E’ un impianto dalla capienza di 20 000 posti a sedere inaugurato nel 2013. La prima partita in questo stadio si giocò tra Gent e Stoccarda e si concluse con il risultato finale di 2-0 per i padroni di casa: in quella partita andò a segno Ervin Zukanovic, un ex giocatore giallorosso nella stagione 2015-16.

I precedenti

Tra la Roma e il Gent si conta un solo precedente, nella stagione 2009/2010. Proprio in Europa League, precisamente nel terzo turno preliminare, i giallorossi hanno affrontato la squadra belga, imponendosi all’andata per 3-1, con doppietta di Totti e Vucinic. Nel ritorno la Roma dilagò vincendo per 7-1, con tripletta di Totti, doppietta di De Rossi, e i gol di Menez e Okaka.

La formazione tipo del Gent

GENT (4-3-1-2): 1 Kaminski; 14 Castro-Montes, 32 Plastun, 5 Ngadeu-Ngadjui, 15 Mohammadi; 8 Odjidja-Ofoe, 24 Kums, 6 Owusu; 16 David; 29 Depoitre, 7 Yaremchuk.

Alessandro Tagliaboschi

Print Friendly, PDF & Email

4 Commenti

Comments are closed.