ROMA COSTANZO – E’ stata formalizzata da qualche giorno la carica di Maurizio Costanzo come nuovo responsabile delle strategie comunicative della Roma. Una notizia che, inevitabilmente, ha creato clamore e fatto discutere, con lo storico giornalista che ha deciso di scrivere sul Corriere dello Sport per spiegare ancora una volta al meglio il suo nuovo ruolo:

Leggi anche:
La Roma cerca la spina dorsale: da Aké a Daka, ecco i nomi

Roma, Costanzo: “Senza tifosi la squadra non sa cosa fare”

“Non credevo che dopo la mia nomina a Advisor per le strategie di comunicazione della A.S. Roma ci fossero ovunque insegnati di comunicazione. Pensare che il sottoscritto inutilmente per 17 anni ha insegnato alla Sapienza di Roma proprio alla Facoltà di Scienze della Comunicazione. Qualcuno scrive che mi occuperò di radio. Sì, è vero nel senso che cercherò di avere un rapporto con questa realtà indiscutibile che sono le radio che a Roma di occupano di calcio. Si scrive anche che la radio ufficiale potrebbe chiudere. Lo apprendo adesso. Mi auguro che non sia vero e mi auguro ugualmente che la Roma abbia una propria radio ufficiale. Ma quel che più m’interessa dire in questi primi Pensieri Giallorossi è che il mio pensiero riguardo la tifoseria e il rapporto con la medesima. Vorrei trovare il tifoso più anziano della Roma, vorrei trovare una famiglia tutta romanista e altre iniziative sempre rivolte alla tifoseria. Perché a mio parere la squadra è importante, è essenziale, ma lo è altrettanto la tifoseria. Senza squadra i tifosi non sanno cosa fare, ma senza tifosi anche la squadra non sa cosa fare.

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicità

8 Commenti

  1. Non abbiamo bisogno di te , vuoi lucrare pure su di noi. Sciò!

  2. Troppo facile criticare, troppi haters in giro per niente e ancora di più laziali, non sapendo che se poi andiamo bene osannate anche maurizio Costanzo show, come se scendesse lui in campo. Quanta gente contorta che c’è in giro, Yellow&Red laziale che più pigiamato non si può…

  3. Ma e’ mai possibile che in italia abbiamo la memoria sempre corta ma ci vuole spiegare cosa ci faceva nella P2 loggia con finalita’ eversive insieme a agenti dei servizi segreti generali e ufficiali che hanno depistato per anni le indagini sui mai risolti misteri e attentati in italia insieme ad agenti cia coinvolti nei golpe in Cile e Argentina insieme ai militari che hanno ucciso migliaia di oppositori in Argentina….insieme a Clay Shaw coivolto nell’attentato a Kennedy….perche’ uno cosi poi diventa il piu’ potente comunicatore del paese?

Comments are closed.