romanews-roma-de-rossi-vittoria-trasferta
Foto Getty

NUMERI E CURIOSITA’ ROMA-LAZIO –La 21esima giornata di Serie A è all’insegna del derby delle romane. Domenica alle 18 va in scena allo Stadio Olimpico la madre di tutte le sfide, con una Roma che si lecca le ferite di Coppa dopo l’eliminazione per mano della Juventus ai quarti, e una Lazio, reduce dal record di 11 vittorie consecutive ma anche lei dall’eliminazione in Coppa Italia con il Napoli. A dividere le due squadre capitoline questa volta ci sono 7 punti di differenza in classifica a danno dei giallorossi che, nelle ultime 4 apparizioni ufficiali, hanno raccolto ben tre sconfitte. Andiamo ad analizzare i numeri e le curiosità del big match.

DOVE ERAVAMO RIMASTI – Il derby di andata giocato alla seconda giornata di campionato, è finito 1-1. Una gara vibrante sin dai primi minuti, con il record di ben sei legni colpiti. E’ Kolarov a sbloccare il match su calcio di rigore al 17′, Luis Alberto pareggia al 14′ della ripresa. L’ultima volta in cui i biancocelesti sono rimasti imbattuti in entrambe le stracittadine stagionali di Serie A risale al torneo 2012/13, sotto la guida di Petkovic.

FEELING COL GOL – Le statistiche vedono la Lazio secondo miglior attacco del campionato con 46 reti, e la Roma sempre in gol tra le mura amiche, ad eccezione delle partite con Atalanta e Torino. I giallorossi però non hanno trovato il gol in ciascuna delle ultime due gare contro i cugini disputate nel girone di ritorno (finiti 0-0 e 3-0), di Daniele De Rossi l’ultima rete dagli 11 metri nell’aprile 2017. La formazione di Fonseca non resta a secco nel derby di ritorno per almeno tre gare di fila da febbraio 1996.

FONSECA NON VUOLE EMULARE DELNERI E CONTI – La Roma è reduce da due sconfitte interne di fila in campionato, con Torino e Juventus: i giallorossi non perdono almeno tre gare casalinghe consecutive in Serie A dall’aprile 2005. In quelle tre malaedette partite si avvicendarono in panchina prima Gigi Delneri (per una gara) e poi Bruno Conti (per tre incontri).

MURO GIALLOROSSO – La Roma è la squadra che ha subito in media meno tiri in questo campionato, 11.1. Nella Serie A 2018/19, la formazione allora allenata da Claudio Ranieri aveva chiuso la stagione al 13º posto in questa graduatoria, con 14.3 conclusioni subite a partita.

PROFONDO ROSSO – La sfida con i biancocelesti è quella che ha visto più espulsioni (24) nei cinque maggiori campionati europei negli anni 2000, almeno due in più di qualsiasi altra.

IL RECORD DEI DIFENSORI ROMANISTI – La truppa di Fonseca è la seconda della Serie A per palloni giocati nell’area di rigore avversaria con i propri difensori: sono stati 164. Solo l’Atalanta di Gasperini ne ha giocati di più (194). Al contrario, la Lazio è la penultima in questa particolare graduatoria: i suoi difensori ne hanno giocatori fino ad ora solo 44 di palloni nell’area avversaria. Peggio ha fatto soltanto il Cagliari (39).

IL FIUTO DELLA LAZIO PER I RIGORI – La Lazio è la squadra che ha segnato più calci di rigore (10) nelle prime 19 gare disputate di un singolo campionato di Serie A nell’era dei tre punti a vittoria, superando il record precedente che apparteneva proprio ai giallorossi, 9, e che risaliva al torneo 2016/17.

IMPEDIRE ALLA LAZIO LA 12ESIMA VITTORIA CONSECUTIVA – La compagine di Simone Inzaghi ha ottenuto 11 successi consecutivi in campinoato: le statistiche indicano che tutte le quattro precedenti squadre che hanno ottenuto almeno 12 vittorie di fila hanno poi vinto lo Scudetto, ovvero l’Inter nel 2006/07 e la Juventus nel 2013/14, 2015/16 e 2017/18. Se la Roma vuole evitare questa circostanza domenica deve assolutamente impedire la vittoria della Lazio.

DZEKO INSEGUE DA COSTAIl bomber bosniaco, rimasto a riposo in Coppa Italia contro la Juventua per squalifica, scenderà in campo al derby forte delle 70 marcature con la maglia giallorossa in campionato. Se dovesse andare a segno, raggiungerebbe Dino Da Costa (71 reti) e l’8° posto nella classifica di tutti i tempi per gol segnati con la Roma in Serie A.

Giulia Spiniello

Print Friendly, PDF & Email

1 commento

Comments are closed.