romanews-roma-aleksandar-kolarov-edin-dzeko-abbraccio-esultanza
Foto Getty

ROMANEWS WEB RADIO CALABRESI – “Con il Wolfsberger la Roma non ne esce benissimo, forse troppo turnover. C’era la sensazione che i giallorossi potessero non vincere la partita”, queste le parole della voce di DAZN Marco Calabresi, intervenuto ai microfoni di Romanews Web Radio, per commentare la gara della Roma contro il Wolfsberger e la prossima sfida con il Cagliari.

WOLFSBERGER – Sono due punti persi, la Roma deve giocare con la bava alla bocca ogni gara. Si è specchiata un po’ troppo, queste cose le paghi perché le squadre sulla carta inferiori ti fanno gol e ti complicano la vita in serate che dovrebbero essere tranquille. Ora deve lottare per la qualificazione, ha pagato il sentirsi troppo superiore. E’ scesa in campo una squadra con troppa consapevolezza di vincere.

KALINIC – Ancora lontano dalla forma migliore, Dzeko è imprescindibile. La partenza di De Rossi poteva lasciare un vuoto incolmabile sentimentalmente parlando mentre l’assenza di Dzeko lascia un vuoto tecnico. E’ essenziale anche per i movimenti. Kalinic non pervenuto ma non necessita di un periodo di ambientamento in Italia ma bensì di una riatletizzazione.

SPINAZZOLA – E’ stato molto autocritico nel post partita. E’ inspiegabile la sua gara: 37 palle perse, un dato incredibile. Fa rumore che un giocatore come Spinazzola che è stato pagato anche tanto… non te lo aspetti. A proposito di giocatori imprescindibili, Kolarov è il secondo della lista dopo Dzeko: entrambi sono usurati dal punto di vista fisico e dell’età e quindi bisogna dare loro modo di riposare.

IL MOMENTO – E’ una squadra che non è consapevole dei propri mezzi. Prendendo i giocatori singolarmente, la Roma è forte: deve prendere consapevolezza che è una buona squadra e sa giocare bene. Si rischia di avere condizionamenti mentali al primo errore o alla prima difficoltà. Dopo il primo gol con l’Atalanta si è sbriciolata. A Lecce è stata una via di mezzo: una Roma che forse avrebbe potuto vincerla 2-0 o pareggiarla. Seguendo quello che sta facendo Fonseca nel suo lavoro può disputare una stagione interessante. Più che l’errore individuale c’è la sensazione che faccia fatica ancora a rialzarsi da eventuali batoste come è successo con l’Atalanta.

CAGLIARI – Va tenuto d’occhio il Cagliari, che insieme al Bologna sono le squadre di fascia media che stanno facendo meglio e che hanno fatto meglio nel calciomercato. Il Cagliari si tiene a galla ed è molto alto in classifica nonostante abbia perso Pavoletti per infortunio a inizio stagione. Di conseguenza ha anche dovuto cambiare modo di giocare. Hanno però dei giocatori forti, al netto di Nainggolan che però è stata una scelta per motivi, purtroppo, extra calcistici. Con la cessione di Barella il Cagliari si è rifatta il look: ha preso Nandez, Rog e la difesa ha comunque Pisacane e Ceppitelli che è diventato un bomber. Torna all’Olimpico Olsen e sono curioso dell’accoglienza. Lui è un portiere buono, non da Roma e non da Champions, ma tutto questo scarso che si è visto in alcuni momenti dello scorso anno non credo che sia.

Belli – Matera

Print Friendly, PDF & Email