SENTI-CHI-PARLA-3.jpg-radio

SENTI CHI PARLA ALLE RADIO – La rubrica di Romanews.eu “Senti chi parla… alle radio” è lo spazio quotidiano in cui potete leggere i commenti sul mondo Roma di speaker e opinionisti protagonisti dell’etere romano raccolti dalla nostra Redazione.

Max Leggeri a Rete Sport: “Ritengo ingeneroso l’accanimento mediatico che ascolto e leggo nei confronti di Fonseca: questo allenatore si è ritrovato nel mezzo di una tempesta societaria e attualmente ha a disposizione una squadra indebolita rispetto allo scorso anno. Ha avuto il coraggio di chiedere pubblicamente l’arrivo di Smalling e i nostri illuminati dirigenti per tutta risposta gli prendono, forse, Marcao Meravigliao… Vicenda Suarez? Una storia meschina, vergognosa. Qualora si dovesse dimostrare un coinvolgimento diretto della Juventus e si prefigurasse un tentativo di illecito sportivo, i bianconeri meritano, da regolamento, la Serie B…”

Gianluca Lengua a Radio Radio Pomeriggio: “La Roma non ha più fiducia in Fonseca. Non da oggi ma dalla partita persa contro il Siviglia in cui la squadra ha fatto una figuraccia: quella prestazione non è piaciuta alla dirigenza. Friedkin vuole cambiare tutto nella Roma, è rimasto molto deluso dal caso Diawara. Ora però bisognerà pensare al mercato, perché ad oggi la squadra impresentabile, al tecnico si penserà dopo. Tutto sta nel progetto che vuole portare avanti Friedkin: se vorrà una Roma in Champions League e competitiva per lo Scudetto allora prenderà Allegri facendo un mercato importante, che però al momento non può fare”.

Ilario Di Giovambattista a Radio Radio Pomeriggio: “La Juventus sta spingendo Sarri ad accettare la Roma”

Alessandro Vocalelli a Radio Radio Pomeriggio: “Negli ultimi anni la forbice tra Roma e Juve si è allargata a dismisura, soprattutto per le colpe dei giallorossi. Se la Roma dovesse perdere male, da lunedì si discuterà seriamente la posizione di Fonseca. Alla Roma non c’è stato un segnale di cambiamento. Non ha una logica far dipendere il tecnico dal risultato della partita con la Juventus”.

Stefano Agresti a Radio Radio Pomeriggio: “Bisogna trovare un responsabile, Fonseca è già in discussione e lo trovo molto ingiusto. Mi dicono che il discorso tra Allegri e la Roma non può avere alcuno sviluppo. Stanno cercando di dare dei segnali, che a mio avviso servivano prima: hanno aspettato tutta la preparazione, dovevano cambiare prima. Si stanno scaricando su Fonseca colpe che lui non ha. Per la Roma quella con la Juve sarà una partita molto malinconica”.

Tony Damascelli a Radio Radio Pomeriggio: “Roma-Juventus la aspettiamo tutti, ha ancora il suo perché. Arriva troppo presto, ma entra comunque nei titoli per tanti motivi, tra cui il caso di Perugia e la permanenza di Dzeko. Calvo dalla Roma tornerà alla Juventus: bisognerebbe chiedersi come mai”.

Furio Focolari a Radio Radio Mattino: “Allegri è abituato a vincere gli scudetti, o Friedkin gli promette mari e monti o non mi pare credibile. Dzeko è capitano, la fascia non gliel’hanno tolta. Per Kumbulla toglierei Ibanez e confermerei Cristante”

Roberto Renga a Radio Radio Mattino: “Rudiger non è Smalling ma non sarebbe male. Allegri? Gli obiettivi nella vita cambiano, vuole tornare ad allenare e al momento in Italia solo Fonseca è a rischio: per lui la soluzione Roma sarebbe perfetta. La Roma doveva risolvere prima il caso Fonseca. Pellegrini affianco a Veretout permetterebbe a Fonseca di schierare un bel trio d’attacco, con Pedro, Mkhitaryan e Dzeko“.

Nando Orsi a Radio Radio Mattino: “Stanno trattando male Fonseca. Senza Zaniolo, non gli hanno dato un mercato all’altezza e poi il pasticcio della lista lo fa restare anche a zero punti. Anche il tecnico ha le sue colpe, ma il club non lo fa stare tranquillo. Non è possibile parlare già parlare del sostituto dopo una giornata di campionato”.

Sandro Sabatini a Radio Radio Mattino: “Allegri aveva già firmato con la Roma nel suo ultimo anno al Milan. L’accordo con Walter Sabatini e Massara era stato trovato, ma Berlusconi non lo lasciò andar via. Nella Roma di oggi c’è qualcosa che non va anche nella condizione atletica”.

Print Friendly, PDF & Email

39 Commenti

  1. Sarebbe un gran colpo!

    da Wikipedia:
    “Massimiliano Allegri
    Dopo aver guidato diverse squadre, nella stagione 2007-2008 ottiene con il Sassuolo la prima promozione in Serie B nella storia del club, vincendo nella medesima annata campionato e Supercoppa di Serie C1. Dal 2008 al 2010 allena il Cagliari in Serie A, cominciando a segnalarsi tra i tecnici italiani più promettenti della sua generazione. Dal 2010 al 2014 allena il Milan, con cui conquista uno scudetto e una Supercoppa italiana (2011). Dal 2014 al 2019 è alla guida della Juventus, con cui vince undici trofei: cinque campionati italiani consecutivi (dal 2015 al 2019), quattro Coppe Italia di fila (dal 2015 al 2018) e due Supercoppe italiane (2015 e 2018); raggiunge inoltre due finali di UEFA Champions League (2015 e 2017).
    A livello individuale è stato eletto Panchina d’oro di Prima Divisione (2008), quattro volte Panchina d’oro (2009, 2015, 2017 e 2018) e quattro volte migliore allenatore AIC (2011, 2015 e 2016, 2018), oltreché insignito del Premio Nazionale Enzo Bearzot (2015) e introdotto nella Hall of Fame del calcio italiano (2018). È inoltre l’unico tecnico nella storia del calcio italiano ad aver vinto cinque scudetti e quattro Coppe Italia consecutivamente, e il solo nelle maggiori leghe europee ad aver conquistato un double nazionale per quattro stagioni di fila. ”

    Riassumendo, negli ultimi nove anni ha vinto 6 scudetti, 4 coppe Italia e 3 Supercoppe italiane oltre ad aver conquistato 2 finali in Champions League (senza Ronaldo).
    E’ ancora giovane (Livorno, 11 agosto 1967) e magari ce casca…

    • invece l’ambiente incide e come: tutti igiocatori della Roma so pippe, De Rossi compreso; tutti gli allenatori so seghe, Spalletti compreso ( l’allenatore che ha fatto meglio a Roma con la Roma). E tutto questo è dovuto perché l’unica informazione che le “pecore” ascoltano è quella di questi gruppi di interesse. Quindi: lo Stadio diventa speculazione edilizia (perché un noto costruttore con il suo giornale e le sue radio sputa veleno) e le “pecore” siii, e così via co tutto quello che riguarda la Roma.

  2. A Roma potrebbe diventare una sega. Giocatori definiti kebbabari fanno le fortune di altre squadre, centravanti con cane per ciechi, allenatori che fuori da Roma vincono tutto, presidenti imprenditori definiti straccioni……. e mi raccomando mai parlare di ambiente……si offendono.

    • O ti piace soffrire o, visto che non ti piace l’ambiente, cambia squadra.
      O sei na quaglia che se diverte a passare il tempo su sto sito?

    • Eh si, è l’ambiente che ha sbagliato a fare la lista e ci ha fatto perdere a tavolino. E poi queste radio romane che non ci comprano una punta di riserva e ci fanno fare un campionato con un solo attaccante di 35 anni che non potrà giocarle tutte vista l’età…Quei tifosi cattivi poi che non accontentano l’allenatore che richiede Smalling e lo lasciano con solo 3 difensori in rosa, tanto che ci deve mettere un centrocampista lì, Cristante. Non parliamo poi della stampa romana, che a destra ci ha lasciato con un terzino non proprio affidabile, Peres, e con uno che si rompe spesso, Karsdorp. Secondo me poi è sempre l’ambiente che non compra un portiere affidabile tanto che dobbiamo mettere in porta la riserva, che però ha 37 anni e si fa spesso male, quindi il problema portiere purtroppo si presenterà. E potrei proseguire con il centrocampo che ha poche alternative e qualità, con un ragazzino che dovrà sostituire spesso Spinazzola (che anche lui ne salta sempre parecchie), ma per amor di patria mi fermo…Marco non ce l’ho con te, siamo sicuramente tutti e due romanisti, ma viste le delusioni che da un bel po’ di anni devo ingoiare, sentirmi dire che non è colpa di chi le causa con le sue scelte sbagliate, ma mia che invece ci sto male per questo…beh mi sembra troppo. Comunque un abbraccio e forza Roma

  3. Al tizio che detesta Totti,De Rossi e il Romanismo e a cui piace Wikipedia , parliamo di Ancelotti allora e sono sicuro che dirà che Allegri è migliore perchè “balla sotto le stelle” e gli piace la Carlucci il sabato sera.

    Da Wikipedia:

    Ancelotti nella sua carriera ha vinto la Coppa dei Campioni/Champions League due volte da calciatore (con il Milan) e tre volte da allenatore (due con il Milan e una con il Real Madrid), stabilendo in questo caso un record condiviso solo con Bob Paisley e Zinédine Zidane. La conquista della coppa con la stessa squadra sia in campo che in panchina è riuscita anche a Miguel Muñoz, Josep Guardiola e Zinédine Zidane, mentre con squadre diverse è riuscita anche a Giovanni Trapattoni, Johan Cruijff, Frank Rijkaard.[3][4] Considerato uno dei migliori allenatori al mondo[5][6][7][8] e soprannominato Carlo Magno dalla stampa spagnola,[9][10] nel 2014 entra a far parte della Hall of Fame del calcio italiano. È l’allenatore ad aver vinto più competizioni UEFA per club, ben 7 (a pari merito con Giovanni Trapattoni e Alex Ferguson), vinte con Milan, Real Madrid e Juventus.

    Allegri sta bene dove sta , un allenatore che sono anni che non lo cerca nessuno, e Roma non lo vogliamo.

    • al di là che ognuno qui esprime proprie opinioni .. e quindi tu non rappresenti niente e nessuno, ti faccio notare che:
      – ultimo campionato vinto da Allegri a giugno 2019. Poi fermo da un anno.
      – ultimo campionato vinto da Ancelotti a giugno 2017. Poi, 2 esoneri (Bayern e Napoli) intervallata da una buona annata (sempre a Napoli).

      E te lo dice uno che non stravede per Allegri, anzi. Ma se citi le statistiche, citale bene ….

  4. Tolto il fatto che tutti i trofei li ha vinti con la Juve, cosa non molto difficile, sarei contento se arrivasse per vedere finalmente una squadra che gioca come bisogna giocare in serie A, invece dei soliti sognatori tipo Enrique, Zeman, Di Francesco, Fonseca che pretendono un tipo di calcio senza avere gli interpreti adatti ma sopratutto non adatto alla Serie A. L’unico vero allenatore avuto ultimamente è stato Spalletti e lo “avete” fatto scappare criticando e fischiando mentre faceva il record di punti e prendendo una squadra al 7° posto a Gennaio e portandola al 3°, ad un solo punto dalla seconda, con una squadra che a volte barcollava ma non cadeva mai, raggiungendo sempre gli obiettivi possibili con la rosa che aveva a disposizione

    • Condivido pienamente. Allegri lo vorrei solo per il nome e per il fatto che, se venisse, sarebbe solo perchè la proprietà ha accettato di rinforzare la squadra. Sa come si gioca in italia….certo non fa un bel gioco, ma me ne frego. VOGLIO I RISULTATI, altro che “mai schiavi del risultato” (cit.). Alla juve, forse, vincerei pure io 5 scudetti di fila….con o senza cr7. Dovesse vincere pure quest’anno con Pirlo ne sarebbe l’ennesima prova..o volete dirmi che Pirlo è il miglior allenatore italiano?

      • Assolutamente vero……non fa un bel gioco, ma è quello che al momento servirebbe alla Roma fare comunque risultato visto anche il nostro inizio da record……..
        una nota: a Torino, quest’anno, più di qualcuno lo ha rimpianto.
        Forza Roma

    • Veramente il miglior tecnico avuto è stato quello che ci ha dato il massimo traguardo della presidenza Pallotta: semifinale Champions e cioè Di Francesco. Di Spalletti ricordiamo solo che ha avuto un certo Totti nella sua prima esperienza e un cetto Totti nella sua seconda esperienza dove ha tentato addirittura di escluderlo finchè a furor di popolo con i suoi gol e assist ha fatto diventare Dzeko capocannoniere e punti preziosi in classifica.

      • Veramente quando Dzeko è diventato capocannoniere era l’ultimo anno di Totti. A Dzeko fece un assist con la Samp, uno col Crotone e poi non ha giocato quasi più. Entrava a 5 minuti dalla fine e spesso era distrutto dopo un paio di minuti. Non facciamo ulteriore mitologia su Totti. Non ne ha bisogno. Casomai il titolo di capocannoniere glie lo ha fatto vincere Salah. Il penultimo anno di Totti quest’ultimo Spalletti lo faceva entrare a 20 minuti dalla fine con le squadre lunghe e stanche e conseguentemente Totti poteva incidere, giocando di prima e con ampi spazi. Totti invece voleva giocare titolare, e quell’anno tutte le volte che è stato titolare ha avuto un rendimento modesto poiché non reggeva i 90 minuti, cosa normale vista l’età.

      • Finalmente qualcuno che non dimentica il grande DiFra. Quasi in finale di Champions!!! Ci fosse stata la VAR all’olimpico quella sera… Insieme a Garcia il migliore degli ultimi 10 anni. Poi c’è Spalletti.

  5. Grande dzeko resta con noi. via fonseca incapace e quei dirigenti che vendono un terzino che fa 10 gol e 15 assist a campionato per 1,5 ml.
    si parla di ringiovanire la rosa, ma con i giovani i risultati non arriveranno mai.
    Visto che non abbiamo soldi studiamo, per far tornare giocatori che danno l’anima per la maglia, tipo nainggolan (magari in prestito), elsharawi (laterale da 15 gol a campionato). prendiamo smalling e un terzino destro decente.
    Iniziamo a costruire una squadra degna di questa città.
    FORZA ROMA

    formazione tipo: MIRANTE SMALLING KUMBULLA IBANEZ SPINAZZOLA VERETOUT NAINGOLAN Mkhitaryan PEDRO ELSHARAWI DZEKO (valida panchina per fazio, cristante, mancini, pellegrini, kluivert, diawara). cedere subito giocatori tipo kardrop, peres, olsen, juan jesus

  6. Parlando invece di “cessioni”,
    si sta facendo qualcosa per piazzare i vari:
    Fazio,
    Juan Jesus,
    Olsen,
    Coric,
    Perotti,
    Santon,
    Pastore,
    e chi più ne ha più ne metta?

  7. Allegri subito.
    Allenatore solido, credibile e capace.
    Non mi piace sparare sulla croce rossa ma Fonseca non mi ha mai entusiasmato.
    Vero che la Roma non è il Napoli.
    Ma non è da meno ne’ della Atalanta ne’ della formellese.
    Io la roma con fonseca l’ho vista giocare poche poche volte bene.

    E poi sarebbe la prima volta che dopo 10 anni prendiamo in allenatore che non è una scommessa. Ma uno che ha vinto e pure parecchio.
    Guardate che l’unico allenatore che ha vinto qualcosa in 10 anni e’ stato Spalletti che ha vi to in Russia.
    Il resto tutte scommesse

    • Spalletti con la ROMA due coppe Italia e Una Supercoppa … co la Roma che ha differenza de quello che pensate, perché voi ve credete er Real, è sempre stata una buona squadra, anche in questo periodo in cui il calcio è impazzito e vincono solo le solite squadre.

      • Si, però “a” preposizione semplice (quella della tua frase) senza H che invece indica la 3a persona singolare del verbo avere. Almeno le basi….

  8. Puoi prendere l’allenatore che vuoi, ma è il vecchio discorso della 500 e della Ferrari. Quest’anno il discorso è solo fumo negli occhi, è chiaro che sarà un anno di transizione senza grandi colpi. I Friedkin investono solo se ci vedono un ritorno, e quest’anno tra Covid stadi vuoti e sponsor in fuga, oltre alla penosa situazione dello stadio non c’è da stare allegri (con la a minuscola…).
    Prima dell’allenatore bisogna cambiare molte altre cose, un pò più in alto.

  9. Siamo giunti alle risate! Adesso vogliono Allegri….non c’è fine all’allegoria degli orfani Pallottiani. Un allenatore caduto nel dimenticatoio del calcio,che si è buttato in TV per cercare un pò di visibilità mediatica ecco che diventa il salvatore della Patria…addirittura proposto da Friedkin in persona,che il calcio lo ha iniziato a conoscere da agosto!!!

    • …..orfani pallottiani ??
      ….caduto nel dimenticatoio ?
      Guarda che puoi cambiare tutti i nick che vuoi, ma si capisce che è la stessa testa che partorisce ‘ste idee.
      Stenditi sul divano e ripetiti .. Pallotta non c’è più, Pallotta non c’è più.
      Fai un bel respiro e vedrai che ti sentirai meglio.
      Nun ce fa preoccupà …

  10. Purtroppo, siamo in alto mare sotto quasi tutti i punti di vista. La dirigenza è di nuovo totalmente assente e lascia un allenatore in balia di un ambiente devastante come quello di ROMA. Vero fonseca è insufficiente nella preparazione delle partite e non riesce a incidere in corso di gara visto che peraltro fa i cambi dopo il triplice fischio, però la squadra è estremamente incompleta. Questa continua attesa della dirigenza della ROMA in ogni occasione è inammissibile. Si è andati a giocare una final 8 senza smalling prolungando una trattativa che ancora oggi pende sulla testa della rosa, l’impianto della ROMA è in attesa di un atto forte della società, come un’azione legale, che latita da dieci anni in attesa di godot, si è confermato un allenatore in cui non di credeva, si è lasciato dzeko in panchina per una trattativa poi neanche conclusa, ecc.. Così oggettivamente non può andare. Serve gente preparata, che agisce e soprattutto PRAGMATICA. Basta utopie baldiniane e riflessioni introspettive. Si pensi al concreto, visto che senza i giocatori e le plusvalenze di Sabatini la ROMA sta diventando una squadra di seconda fascia, dopo che per anni è stata l’autentica alternativa alla juve insieme con il napoli. Si intervenga intanto con un comportamento della rosa, non chi vuole un genio. Questa è la mia. FORZA ROMA.

  11. non capisco perchè la rivoluzione debba farsi a mercato chiuso. se i nomi son quelli, si occupino delle ultime trattative, e se va cambiato allenatore meglio subito che dopo la rube (anche se capisco che preferisca un esordio più soft se è Allegri, che contro la sua ex). Borja Majoral a 23 anni deve decere che farà da grande: la buona riserva o il titolare, a seconda del prezzo potrebbe essere un affare comunque metterlo in rosa. sempre se. è giovedi, da sabato non è risuccesso niente. per fortuna ci teniamo Dzeko. forza Roma

    • pienamente d’accordo. é iniziato il campionato e tra una decina di gg finisce il mercato. Alla dirigenza, allo stadio, a Totti, ci pensi poi, ora devi completare la rosa, con il difensore centrale e la punta. Per il primo se non riescono a prendere Smalling è davvero drammatico. Per il secondo, va bene anche un prestito (con diritto di riscatto però, perchè sennò poi finisce come per l’inglese).

  12. Discutere lo spessore tecnico e l’esperienza di Allegri mi sembra da presuntuosi e volere essere critici a tutti i costi.
    detto questo, certo parliamo di gente strapagata, ma umanamente mi dispiacerebbe per Fonseca che si è ritrovato a governare situazioni non proprio tranquille in un campionato che non conosceva neanche e nessuno gli ha dato mai fiducia completa.

  13. Ma sul serio ? Davvero ? La soluzione è vendere Pastore, Karsdorp, Juan Jesus, Fazio e compagnia ?
    Ma meno male che glielo avete ricordato, perchè non ci avevano pensato.
    C’è un problemino .. ma voi che siete bravi lo risolvete subito: come si fa che non li vuole più nessuno ?
    O meglio … li vogliono, come il Celtic con Olsen: noi lo prendiamo in prestito, ma l’80% dello stipendio glielo pagate voi … ahahahahaha. E infatti Olsen sta ancora qua.
    Pastore … quasi quasi avevano trovato l’amatore che se lo prendeva .. operazione all’anca e adios.
    Ora, sarcasmo a parte, tutti sono criticabili .. ma chi critica dovrebbe anche provare a mettersi nei panni del criticato. Qua a Roma non si fa: è sempre un problema dell’altro .. è sempre colpa dell’altro, mica mia.
    C’è già chi dice che i Friedkin sono peggio di Pallotta … cioè un imprenditore compra la Roma..si accolla i debiti … per MESI (speriamo) non potrà contare sugli introiti dello stadio … ma siccome non spende altri milioni di euro per “…comprà i campioni”, è un pezzente.
    Io mi arrendo, fate voi. Ma ora capisco come ha fatto a diventà sindaco la Raggi …

    • Ma come Pallotta non era un bravo e “famolo lavorà”? E ancora poi su Petrachi e Monchi e Baldissoni etc etc….adesso poi il botteghino è l’ago della bilancia?? Professò capisco la cattedra che impone di non sbilanciarsi più di tanto,ma non si può lanciare sempre il sasso e nascondere sempre la mano. Ai ben edulcorati spoiler di Nick anche un messaggio: ma chiamare Fonseca come Zorro era problematico perchè era il “nostro” mister….ora che è sempre il “nostro” mister e abbiamo la partita con gli “amatissimi” Gobbi….W ALLEGRI VENGA SUBITO??? Queste sò le cose strane,Prof.

  14. Quest’anno purtroppo e transizione allora prenderei Allegri subito e un DS preferibilmente italiano e li che spenderei, cosi almeno si possono gettare le basi per il prossimo anno. Se ce possibilita il difensore mancino, concentrarsi in vendere la miriade di giocatori inutili che abbiamo.
    D’accordo che Dzeko si spompa ma se gli organizzi la squadra intorno che non deve stare a scendere sempre e fare a sportellate con tutta la difesa e centrocampo ti dura e poi magari se Zaniolo rientra verso il finale ai anche un cambio in piu in attacco, gli interpreti ci sono per organizargli la squadra intorno.

Comments are closed.