NAPOLI-ROMA,  LE INTERVISTE – Tutte le dichiarazioni dei protagonisti del Napoli nel pre e post partita della sfida del San Paolo. 

POST PARTITA

DE LAURENTIS IN ZONA MISTA 

“Non posso che essere soddisfatto dei miei giocatori, me ne vado sereno perchè i miei calciatori hanno giocato. Della gara ci sarebbe da analizzare ogni minuto. Noi giochiamo in Italia, e ne subiamo le conseguenze. Io sono uno che fotografa le situazioni e le immagazzina, ogni tanto poi tiro fuori delle cose che possono essere il ritorno di arrabbiature precedenti. Ma stasera me ne vado sereno perchè i miei giocatori hanno giocato”.

SARRI A SKY

Deluso?
Io sono contento di quello che ho visto: non siamo riusciti a sfruttare una supremazia evidente. Abbiamo fatto un assedio, nel secondo tempo abbiamo creato tantissimo. Qualcosa abbiamo sbagliato noi, un pizzico di sfortuna e un pizzico di bravura del portiere avversario e la partita è finita così. Le gare come oggi ci danno buone sensazioni: non concedere nulla alla Roma e creare sei-sette palle gol vuol dire aver fatto una prestazione importante. Abbiamo pareggiato con una squadra che ha un budget superiore al nostro chiudendoli nella loro area per lunghi tratti della partita: a volte queste partite non le vinci ma la sensazione di solidità che mi ha dato la squadra questa sera è stata una delle più importanti della stagione.

Determinanti gli inserimenti contro squadre così chiuse?
Hamsik ha fatto una partita straordinaria. Dovevamo muovere più i difensori centrali e dovevamo essere più pronti nell’attacco della porta sulle situazioni di cross veloci

Koulibaly?
La fiducia si dimostra non si dice: gli ho detto a inizio anno che aveva qualità enormi però dal punto di vista tattico staccava la spina e faceva errori clamorosi. Abbiamo messo a posto questo aspetto.

Gol annullato?
Dalle immagini non si vede ma la reazione del segnalinee è evidente: tira su la bandierina molto prima del colpo di testa di De Rossi. Dentro l’area c’è anche un fallo di Iturbe su Albiol quindi sarebbe stato comunque da annullare.

Prova di forza dell’Inter?
Non l’ho vista. Dal risultato penso che sia stata una partita semplice per l’Inter: è una super potenza, ha fatto un mercato stellare e di conseguenza sta facendo un campionato stellare. Sono sempre dell’idea che il campionato se lo giochino l’Inter e la Juventus.

SARRI A MEDIASET PREMIUM

Gol annullato, il pallone è uscito?
“Sembra uscire, ma non ho la certezza. C’è fallo di Iturbe ad Albiol, sarebbe stato da annullare lo stesso”.

Due partite un punto. Se questa partita fosse stata un incontro di pugilato sarebbe finito ai punti…
“Nel pugilato avremmo vinto col getto della spugna, la supremazia è stata talmente netta, con un predominio territoriale. E’ stata una partita a senso unico, siamo stati bravi a non concedere nulla alla Roma, che stasera ha fatto una prestazione difensiva superiore rispetto a quelle che fa di solito. Abbiamo sbagliato qualcosa nell’attacco della porta, questo non ci ha permesso di concretizzare una delle miglior prestazioni stagionali”.

Higuain stanco?
“Non ci sta molto, è da domenica che non gioca e poteva fare qualcosa di più. Nel primo tempo abbiamo sbagliato i movimenti, nella ripresa abbiamo creato di più e diciamo che la squadra non l’ha aiutato”.

La squadra sembra stanca.
“Vi sembrava stanca tra l’80° e il 95° a me sembrava di no. Forse a tratti nel primo tempo, un guardialinee ci ha tenuto fermi 4 minuti nel momento di maggiore spinta. Sono episodi che incidono sulla partita, in quel momento quella pausa era più utile alla Roma”.

Giro palla molto lento in fase di possesso...
“Sono rimasto soddisfatto della fase difensiva della squadra, dopo Bologna avevamo bisogno di ritrovare le nostre certezze. Sono riusciti a concedere pochissimo, soprattutto nel primo tempo, ci siamo fossilizzati ad attaccare per via esterne. Gli inserimenti di Hamsik sulla linea difensiva potevano essere pericolosi”.

Gli inserimenti dei centrocampisti sono mancati?
“Gli abbiamo mosso troppo poco i difensori centrali per attaccare la profondità. Nel secondo tempo abbiamo mosso qualcoa alla Roma, che era una squadra molto chiusa e molto bassa. Non era semplice, però poi dopo l’intervallo la squadra ha capito ciò di cui abbiamo parlato trovando  le occasioni per essere più pericolosi”.

Valdifiori avrà un’occasione?
“In Coppa l’ho visto abbastanza bene, è un giocatore che ci può dare qualcosa a livello di verticalizzazioni, ma Jorginho ci dà di più dal punto di vista dell’intensità La nostra stagione passa dall’avere una buona solidità difensiva. Siamo una squadra che non ha grandi problemi a trovare il gol”.

HAMSIK A SKY

Che valore dai a questo risultato?
Per il risultato mi dispiace, però per la prestazione dobbiamo essere soddisfatti. Peccato di non essere riusciti a segnare, però al di là di quello è stata una grande partita.

A parte il gol, cos’è mancato? Brillantezza o determinazione? È stato un altro Napoli, dal punto di vista dell’applicazione, rispetto a quello contro il Bologna…
Non penso determinazione, quando un giocatore è davanti alla porta vuole segnare, è sempre determinante. Purtroppo è mancata un po’ di fortuna, va bene così.

È un segnale importante la buona prestazione contro la Roma per continuare a pensare positivo?
Sicuramente sì, una grande prestazione contro una squadra che è fatta per lottare per lo scudetto, penso che l’abbiamo dominata. Dobbiamo abbassare la testa, dobbiamo continuare così e le vittorie arriveranno.

I quattro punti di distanza dall’Inter a cosa ti fanno pensare?
Niente (ride, ndr).

C’è tempo per recuperare…
Certo, più di venti partite.

HAMSIK A MEDIASET PREMIUM

E’ mancato il cinismo
“Abbiamo messo tutto, meritavamoo di vincere, la palla non è entrata dobbiamo essere soddisfatti andiamo avanti così”.

Sentite la pressione da prima in classifica
“Non pensiamo a questo, la palla non voleva entrare”.

Napoli Higuain dipendente?
“Siamo andati davanti anche con altri giocatori”

FINE PRIMO TEMPO

JORGINHO A MEDIASET PREMIUM

Primo tempo dominato.
“Dobbiamo restare tranquilli, stiamo facendo bene. Continuiamo così senza mollare una virgola”.

Avete dimenticato Bologna?

“Abbiamo una mentalità vincente ed eravamo sicuri che non ne avremmo risentito”.

PRE PARTITA 

REINA A MEDIASET PREMIUM

La Roma un grande avversario c’è pressione?
“Sappiamo che si tratta di un avversario di grande livello, una squadra di Champions che punta al campionato, ma al San Paolo tutto è più facile anche se sarà una partita difficile”.

Problema difesa?
“Non è normale stare otto partite di fila senza subire gol, per essere una squadra forte si deve subire pochissimo”.

La partita contro la Roma?
“Dobbiamo avere il controllo”.

REINA A SKY

Cinque gol subiti nelle ultime due gare sono un campanello d’allarme?
Ne abbiamo fatti sette, ma se si vogliono fare grandi cose la solidità difensiva deve essere straordinaria: nelle ultime due partite non è stato così ma speriamo di migliorare oggi.

Per Sarri oggi è la partita dell’anno, per Reina invece?
E’ una partita difficilissima contro un avversario che è uno dei favoriti per lo scudetto: hanno una potenzialità economica e sportiva eccellente. Per noi è una partita che vale più di tre punti.

Print Friendly, PDF & Email

3 Commenti

Comments are closed.