RN WEB RADIO, Macedonio: “Zaniolo ha l’umiltà che serve per essere grande. Roma favorita per il quarto posto”

0

RN WEB RADIO MACEDONOIO – “La Roma è favorita per il quarto posto, ha più qualità di Milan e Lazio” ,queste le parole di Mauro Macedonio intervenuto ai microfoni di Romanews Web Radio. Il giornalista ha analizzato la situazione attuale della Roma partendo da i propositi per il 2019 passando per Zaniolo e concludendo con la futura sfida di Coppa Italia.

QUARTO POSTO – “La Roma è in corsa su tutti e tre gli obiettivi e va riconosciuto. La Coppa Italia è conquistabile e può essere un buon obiettivo. Sarebbe importante vincerlo per conquistare qualcosa. La Champions: il sorteggio è stato buono, non facile , ma tra le avversarie possibili il porto era la più abbordabile. Arrivare ai quarti sarebbe obiettivamente buono e più che decoroso. Il quarto posto: è prioritario per la società per motivi economico-sportivi, sarebbe un peccato non avere di nuovo la squadra in Champions League, è un obiettivo alla portata, sono ottimista e fiducioso per tanti motivi. Ce la si gioca con Lazio e Milan principalmente e rispetto a Lazio e Milan la Roma ha una rosa migliore e sta pagando le tante assenze per infortunio ma con i rientri andrà meglio. Non bisogna esaltarci per questi risultati, vanno prese come una boccata di ossigeno”.

ZANIOLO –  “Queste settimane ci hanno consegnato un calciatore potenzialmente importante che ha dimostrato da subito di avere voglia e qualità a differenza di molti altri. Ha dimostrato di avere una personalità davvero molto importante. Sarà una delle rivelazioni più importanti anche in chiave nazionale. Sono ottimista perché la squadra c’è a patto di averli tutti disponibili, guardo al girone con moderata fiducia. Ho visto tanti giocatori giovani che si sono imposti da subito e allo stesso tempo molti di loro li ho visti bruciarsi perché non c’era la testa e il carattere. Zaniolo mi sembra un ragazzo invece determinato, uno che ci mette l’impegno che serve e non mi sembra uno che si monta la testa per poi perdersi successivamente, gli auguro di non perdersi. Ha un fisico importante e spero che sia in grado di continuare a crescere. La materia c’è bisogna solo lavorarci attorno, è un ragazzo che fisicamente, tecnicamente e caratterialmente può fare un’ottima carriera. Ha un comportamento diverso da quello di molti altri giovani e ha una buona testa, ne ho conosciuti molti e lui mi da un’idea completamente diversa dato il carattere e l’umiltà”.

CALCIOMERCATO– “Non vado sui nomi perché se ne fanno troppi e difficilmente sono corretti. Mi viene da dire che la Roma abbia come priorità un centrale di difesa, Marcano quasi certamente andrà via, come Moreno, due scelte poco felici e non all’altezza di quello che ci aspettavamo. Fazio già lo scorso anno non era al top quindi mi viene da dire che manca un altro titolare insieme a Manolas, uno che garantisce una continuità che Fazio al momento non può assicurare. Ci vorrebbe un esterno destro basso, viene riproposto Florenzi in un ruolo che non è del tutto suo. Credo verrà preso anche un centrocampista nonostante le buone prestazioni di Cristante e Nzonzi. Il centrocampista servirebbe probabilmente per sostituire Daniele De Rossi, alle prese con un durissimo infortunio e che ha addirittura rinunciato alle vacanze con la famiglia. Mi auguro lo si possa riavere in campo al più presto e che lasci in un’altra stagione, l’ho visto crescere e sono molto affezionato a lui, gli faccio un grande in bocca al lupo. Attendiamo pastore, quello che abbiamo ammirato un tempo e che ora fa fatica a ricomparire”. 

MANOLAS – “Con questa società tutto è plausibile, per tante ragioni si guarda all’aspetto economico, le plusvalenze sono state una aro nella gestione della società. Un anno fa era stato praticamente ceduto poi non sene fece più nulla.Se lui volesse restare in ogni caso l’ultima parola spetterebbe in ogni caso alla società, mi auguro non vada via altrimenti ci sarebbe da ricostruire. Spero sia finito il tempo delle cessioni di un certo valore. Sarebbe importante per non smembrare la squadra e per non dover essere sempre lì poi a rimontare il tutto”.

COPPA ITALIA – “Di uscite catastrofiche da questa competizione ne abbiamo viste molte, può essere un buon trofeo da cui si può ricominciare a vincere. Non sottovalutare l’Entella”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here