MANDOLESI: “La gestione americana ha creato un disamore da parte dei tifosi”, CECCHI: “Non capisco come Conte possa andare all’Inter”

15

SENTI CHI PARLA ALLE RADIO – La rubrica di Romanews.eu “Senti chi parla… alle radio” è lo spazio quotidiano in cui potete leggere i commenti sul mondo Roma di speaker e opinionisti protagonisti dell’etere romano raccolti dalla nostra Redazione.

Alberto Mandolesi a Radio Sportiva: “Quello di Totti è un ruolo di immagine, ma non gli rende merito e i tifosi lo vorrebbero in un’altra posizione. Si chiedono perché abbia accettato questo incarico. Pallotta non si vede da un anno e mezzo, Baldini è un’eminenza grigia. Con Totti ancora in molti non si capacitano che non sia più in campo. Per De Rossi è diverso, ha 35 anni e un ginocchio malandato e sarebbe stato ancora utile: il popolo giallorosso si è ricompattato nel contestare la scelta di metterlo alla porta. La Roma sta attraversando un momento tanto difficile che quasi non se ne ricordano. La gestione americana è riuscita nell’impossibile: creare un disamore da parte della gente. Il romanista non tifa per le vittorie, ma per appartenenza e questo è mancato”.

Stefano Cecchi a Radio Sportiva: “Conte è stato l’incarnazione della juventinità, non capisco come possa andare all’Inter. Stesso discorso anche per Mourinho e Sarri. Quest’ultimo deve un po’ della sua notorietà anche all’affetto che Napoli gli ha dato”.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

15 Commenti

  1. Allora si può essere tifosi anche senza andare allo stadio ,se ,Pallotta vede lo stadio vuoto e non entrano incassi ,che dite voi lascia sta Azienda Roma,secondo me si senza se e senza ma.
    Ormai la squadra e un calesse vero e proprio.

  2. Io comunque il dubbio continuo ad averlo sul perché in conferenza DDR abbia detto esplicitamente “non abbiamo mai parlato di soldi” per poi far uscire quell’audio.
    Ognuno può vederla come vuole ma a me qualcosa non torna.

    • Perché quello dei 100mila euro a partita era solo una cosa buttata la, ma le due ore e mezzo di colloquio con fienga si sono basate sulla volontà della società di non rinnovare al giocatore ma di volere il dirigente de rossi. Proprio per questo de rossi ha poi rifiutato la tardiva proposta di fienga, arrivata dopo l”ok di Pallotta. Mark, sei troppo intelligente per non capire la differenza. Non mi dire che ora pure tu ti metti a cambiare il senso delle cose pur di dare ragione alla societa

      • @Texber io il senso delle cose ho sempre cercato di capirlo, non di aggiustarlo, altrimenti non mi sarei nemmeno posto la domanda.
        Pur con le differenze di vedute penso che questo tu me lo possa concedere.
        Preferisco sbagliare valutazione essendomi posto il dubbio piuttosto che abbracciare una verità nella quale non credo solo perché è la più popolare.
        Un saluto!

    • Ciao Marks.
      Non sto qui a convincerti, ma DDR ha fatto una provocazione a Fienga.

      Mi spiego, se da più di 1 anno le parti non si parlano e poi DDR viene convocato a colloquio dal D.G. appunto Fienga e questo gli dice che la società non ha intenzione di rinnovare un contratto giunto a scadenza ripeto o se non si é capito é
      stato fatto questo per espressa volontà di qualcuno (ora che sia stato deciso da Pallotta, Baldini, Totti, Petrachi, Fienga o Massara, questo non lo sapremo mai).
      In contrapposizione DDR risponde appunto con la provocazione dei 100.000 a partita e Fienga risponde che per lui quella era una proposta anche fattibile ma non rientrava nelle possibilità del colloquio di quel momento, quindi Fienga propone una poltrona da dirigente altrimenti niente.

      DDR ringrazia e risponde NO grazie voglio ancora giocare a calcio.

      Se come si sente nel vocale DDR dopo 40 minuti esseresi lasciato da quel colloquio lo stesso riceve una telefonata dal D. G. Sig. Fienga che gli riferisce che quella dei 100.000 a partita è una soluzione praticabile e che anche a Pallotta andava bene.
      Secondo te per quale motivo DDR deve passare per un pupazzo parlante ?

      Quindi DDR risponde che non se ne fa nulla proprio perché la provocazione suo malgrado ha avuto effetto cioè che DDR nel ragionamento ipotetico lui alla Roma se non avesse giocato nessuna partita sarebbe rimasto gratis, nell’incredulita’ degli eventi DDR che appunto non è un pupazzo parlante ma una persona con una dignità ed onestà intellettuale ha rifiutato l’ipotesi di rimanere in questa “zozza società” per il quale sarebbe rimasto li anche a fare la chioccia.
      DDR ha fatto un gesto ancora più eclatante di quanto abbia fatto anni Damiano Tommasi che rimase firmando al minimo federale.

      Ora se ancora non ti è chiaro, posso aggiungere; di solito per questo genere di trattative si inizia a parlare almeno 2-3 mesi prima di raggiungere eventuali intese, visto che a poco meno di 2 mesi della scadenza del contratto e dopo 1 anno che non ci parliamo mi convochi per dirmi che a scadenza non ci sarà rinnovo, giustamente se non sei stupido e dopo avere passato 18 anni di professionismo e non hai capito che è finito tutto allora sei proprio de coccio.

      Ciao Marks

      SEMPRE E SOLO FORZA ROMA.

      • Allora, mettiamo un po’ di cose in ordine:

        1) io a DDR avrei comunicato molto prima della decisione della società. La motivazione che non gli sia stato detto prima a causa degli sconvolgimenti societari è troppo debole per poter essere sostenuta come determinante.

        2) Siamo tutti d’accordo che se il colloquio privato è sull’argomento “non ti rinnoviamo”, poi non puoi venire mezz’ora dopo a dirmi che hai cambiato idea solo perché t’ho buttato là una battuta, come dice anche @Texber, e che va bene il contratto a gettone; qualsiasi persona al mondo si sarebbe sentita un po’, come dire, presa per il culo. Pensa se poi quella persona è il capitano della Roma e bandiera da 18 anni.

        3) Dati per assodati questi due punti, rimane il fatto che DDR e Fienga evidentemente hanno CONCORDATO su cosa dire in conferenza stampa; altrimenti DDR quelle cose, pur se magari in maniera più edulcorata, le avrebbe dette in quella sede e non nel modo un po’ curioso in cui l’ha fatto (uno come lui, poi, che ha sempre detto quello che pensava…)

        Dunque non sarà andato a fare il pupazzo parlante come dici tu, ma alla fin fine non è che ci sia andato tanto lontano 🙂

        Ciao @Spaccia, Forza Roma sempre.

        • Marks non è difendibile la società nel modo come ha gestito la questione de rossi. Tu società, come ha detto DDR, puoi anche legittimamente pensare che non abbia più nulla da dare come giocatore (invece Pastore, nzonzi e Shick si.. Vabbè lassa perde non me voglio fa veni l’ulcera..), però glielo comunichi mesi prima, e soprattutto non fai la società pezzente che a 100 mila ci ripensi. La figura dei pezzenti l’hanno fatto il presidente e Baldini (DDR ha fatto capire chi non lo ha voluto) .
          Guarda che DDR in quella conferenza ha difeso la società perché se avesse voluto vomitare fango avrebbe ancora più surriscaldato l’ambiente ed altro che 2 ore di proteste a Trigoria… È stato un signore.. È la società, come con Conte, a fare brutta figura
          Per me cmq ha chiuso, vado domenica a salutare il vero Capitano (Totti ne sta uscendo malissimo) e dopo i miei soldi Pallotta li vede con il lanternino. Nessun rinnovo abbonamento, stadio o TV. La passione resterà sempre, ma torno a seguirla come negli anni 80, radiolina e tanti saluti. Sempre Forza Roma.

        • Ciao Marks
          A questo punto o DDR non dice il vero o la società non ha capito con chi stava parlano è lo ha trattato come una qualsiasi persona…… peccato che non si sono accorti che era il capitano della squadra.
          Ciao un’abbraccio Marks.
          SEMPRE E SOLO FORZA ROMA.

  3. Gianni a Pallotta se la Roma gioca a porte chiuse con gli 11 primavera di Alberto De Rossi non fa differenza…cosi come non farebbe differenza andare in Serie B …il suo unico obiettivo e´lo Stadio..e di quello che ruota intorno frega meno di zero…Una volta costruito ha raggiunto quello che voleva da sempre…Ma lo avete sentito questi giorni??? Silenzio ed indifferenza ….quindi o vende quando riceverá il NO definitivo dal Comune ( ed infatti sta giá smantellando) o venderá ad impianto realizzato…(costruito sempre con le cessioni dei giocatori della A.S. Roma…credo Zaniolo Pellegrini Under…quelli che rimarranno altri 2 3 anni alla Roma)

  4. Intanto ringraziamo di cuore l’ex Andreazzoli e l’ex Brighi che con il loro Empoli (e Brighi anche con il suo gol segnato dopo meno di 30 secondi dall’ingresso il campo) ci mandano matematicamente in Europa League asfaltando il Torino con un secondo tempo spettacolare.
    Speriamo solo che il posto sia il quinto e non il sesto, ma non è in mano nostra.

  5. Lotta per la retrocessione che è diventata davvero clamorosa… con la Fiorentina che non è ancora salva (a proposito, il Parma invece lo è…) e che ospita il Genoa all’ultima (all’andata 0-0).
    E con noi che ci abbiamo preso 7 pere.
    Che mestizia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here