SENTI-CHI-PARLA-3.jpg-radio

SENTI CHI PARLA ALLE RADIO – La rubrica di Romanews.eu “Senti chi parla… alle radio” è lo spazio quotidiano in cui potete leggere i commenti sul mondo Roma di speaker e opinionisti protagonisti dell’etere romano raccolti dalla nostra Redazione.

Gianluca Lengua a Radio Radio Pomeriggio: “Quando Friedkin ha saputo che Milik aveva un pregresso così importante a livello clinico allora ha deciso di mandarlo a fare questa visita di controllo in Svizzera. Fonseca ha qualche colpa in questa situazione romanista: il secondo tempo del Bentegodi non è stato esaltante dal punto di vista fisico, anche a livello comunicativo poi non è stato brillantissimo. Pensate ad esempio a quello che ha detto su Smalling, parole che hanno lasciato perplessa la società“.

Furio Focolari a Radio Radio Pomeriggio: “Alla Roma è diventata una normalità quella di far passare l’allenatore come colpevole delle sconfitte. Non può essere sempre però il tecnico a pagare. Al di là di Dzeko, vedo però anche il resto della rosa con delle lacune“.

Ilario Di Giovambattista a Radio Radio Pomeriggio: “Da questa situazione Dzeko al momento la Roma ci ha rimesso, anche solo considerando i tre punti mancati di Verona. Se la Roma non avrà il suo centravanti, non cederà il bosniaco“.

Franco Melli a Radio Radio Pomeriggio: “Inammissibile che la Roma pareggi con questo Verona, a cui mancavano circa sette giocatori titolari. Nessuno, Dzeko escluso, riesce a inquadrare lo specchio della porta. Penso a Pedro, che ha vinto tutto in passato e che sabato invece non è riuscito mai a essere incisivo. Vedo una società nel caos“.

Alessandro Vocalelli a Radio Radio Pomeriggio: “La Roma e Fonseca avrebbero dovuto far giocare Dzeko. E’ una situazione grottesca quella in cui si è infilata il club. Non solo adesso il problema Dzeko non è risolto, ma rimane ancora aperta la questione sul centravanti di riserva“.

Francesco Balzani a Centro Suono Sport: “Se Allegri dovesse convincersi penso che Friedkin possa prenderlo subito, anche perché la situazione di Fonseca è in bilico. Ieri abbiamo visto come Pirlo e la Juventus hanno dato fiducia al giovane Frabotta, quindi mi chiedo perché non si faccia giocare con più continuità Calafiori ad esempio. Fonseca ci parla sempre di giovani, ma in realtà non ne ha lanciato nessuno“.

Antonio Felici a Centro Suono Sport: “Uno dei dati più significativi della storia recente della Roma è stato vedere al Bentegodi la nuova presidenza. Parliamo di una dirigenza che sta controllando da vicino tutte le situazioni ed è un modo di comportarsi che alla lunga porta i risultati. Se Fonseca non convince più va cambiato il prima possibile, senza iniziare con i balletti e con le attese. Non aspetterei neanche Roma-Juve, perché mi sembra evidente che non sia all’altezza di una grande Roma. L’arrivo di Allegri sarebbe eventualmente la notizia più clamorosa, perché trasmetteresti una visione del club totalmente diversa“.

Jonathan Calò a Centro Suono Sport: “Io non impazzisco per Sarri, non mi piace il sarrismo. Il Napoli però ha giocato bene, anche l’Empoli. Il Chelsea all’inizio. Se arriva Rangnick è male, vuole fare anche da direttore sportivo. A Roma la chiamano sòla, in italiano fregatura. Se arrivasse Allegri cominciamo a ragionare su un altro livello. Sarri è una via di mezzo. Il mio preferito è Allegri. Pedro quest’anno ho visto fare cose che difficilmente in Serie A si vedono, il fatto che venga dalla Premier gli dà molta velocità. Anche Mkhitaryan sembrava Pedro all’inizio poi si è normalizzato”.

Marione a Centro Suono Sport: “Io spero che venga Allegri perché nel giro di due anni la Roma diventa una grande squadra, mi dà una sicurezza di investimenti. Sarri non me la dà, un allenatore che dice che le partite si perdono nell’albergo. Se Friedkin vuole far crescere la Roma, dovrebbe allontanare Fonseca e Fienga:”.

Jacopo Palizzi a Tele Radio Stereo: “Il primo tempo se fosse finito con un risultato diverso nonostante l’occasione del Verona non mi sarebbe dispiaciuta. Nel secondo tempo siamo calati. Forse se c’è un qualcosa con cui questa Roma non deve fare i conti è la condizione fisica. E’ un aspetto che mi ha colpito anche nelle amichevoli. La Roma mi sembra essere abbastanza in condizione rispetto alle altre stagioni. Pedro e Mkhitaryan sono i due giocatori che hanno corso di più, saranno due calciatori sopra la media e di un altro livello anche se con i loro limiti e con una condizione fisica non al 100%. Si vede di primo acchitto che sono due calciatori che possono fare tanto calcio dietro la prima punta”

Stefano Petrucci a Tele Radio Stereo: “Pirlo non ha fatto errori in campionato, ha anche fatto delle belle scelte, ci sta che la Roma possa non vincere con la Juve. Zappacosta arriva a Roma e dopo una settimana si stira, mentre ora scende dall’aereo e fa gol al Crotone. Per non parlare di Destro. Potrei dire anche del gol di Nzonzi. Il problema di Fonseca sta altrove, è stato bocciato da celebri autori di rubriche che guardano le partite e non sono in grado di valutarle. Abbiamo sempre detto che Fonseca non è il più grande allenatore del mondo ma non ha mai cercato alibi, ha provato a dare un’impronta alla squadra con una dirigenza con un piede fuori. La cosa che più mi ha inquietato è che Trigoria è un covo di sorci, da dove è uscita l’indiscrezione dello sconto su Milik per le condizioni fisiche? Siccome l’indiscrezione è uscita da qualche parte: o chi la mette in giro è un cretino che non può lavorare per la Roma o è un delinquente che si diverte a diffondere queste cose. De Laurentiis ha scritto una lettera aperta di benvenuto a Friedkin e poi guardate cosa fa su Milik. Per me Kumbulla è molto bravo, è forte di testa e negli anticipi”.

Claudio Capuano a Centro Suono Sport: “Ho visto solo bei fraseggi ma la Roma non ha mai tirato in porta. Fonseca ha preso in giro i tifosi della Roma dicendo di aver preservato Dzeko: se serve un centravanti per vincere la partita, il tecnico lo deve fare giocare. Da cosa è stato preservato Dzeko? E perché ancora non ci sono un difensore e un centrocampista?”.

Alessandro Ferro a Centro Suono Sport: “La Lega non dovrebbe permettere di disputare un campionato con le squadre non ancora formate. La Roma non è ancora pronta. Milik può risolvere i problemi? La squadra rimane scarsa. Se io fossi Allegri e mi chiamasse la Roma, non risponderei. Questa squadra non può arrivare quarta. Dobbiamo rivedere le nostre ambizioni”.

Roberta Pedrelli a Centro Suono Sport: “Karsdorp è il salvatore della patria perché ha impedito a De Sciglio di arrivare a Roma. Milik? Penso che non sia totalmente convinto. Pedro non mi è dispiaciuto ma non può fare miracoli da solo”.

Roberto Renga a Radio Radio Mattino: “Con la Roma è un bell’esame anche se bisogna vedere chi avrà la Roma come centravanti e con quale maglia giocherà Dzeko. Le decisioni sull’allenatore vanno prese prima che cominci il campionato non dopo, questo è il grande errore. Cristante aveva di fronte Di Carmine che era lento quindi gli è andata bene. Secondo me Fonseca ha capito che Dzeko non aveva la testa giusta e quindi non l’ha fatto giocare, non che si è rifiutato.

Franco Melli a Radio Radio Mattino: “La Roma deve risolvere dei problemi, se si presenta come ha fatto a Verona è difficile. Al Verona mancavano 7 giocatori, dovevi batterlo. Il problema prevalente della Roma è che non vedono la porta. Sono rimasto deluso da Pedro. Non ha mai visto lo specchio della porta neanche per sbaglio. Dzeko ha chiesto di non giocare. Pellegrini è bravo ma non riesce ad essere incisivo. Forse ha fatto un paio di cose in profondità.

Furio Focolari a Radio Radio Mattino: “Dobbiamo considerare i giocatori una volta per tutti quello che sono. Ho sentito esaltare Ibanez nelle apparizioni dell’ultimo campionato. Ibanez non può giocare nella Roma. Adesso ha Kumbulla, ma al centro della difesa Cristante? Sulla fascia destra c’era Karsdorp… Io non mi preoccuperei per Pedro e Mkhitaryan ma per giocatori come Ibanez e Karsdorp. Pellegrini a Roma troverà sempre problemi, non so per quale motivo. Molti tifosi sono critici. In questo momento nella Roma attuale tutto farei tranne che discutere uno come Pellegrini.

Francesco Di Giovambattista a Radio Radio Mattino: “La rivoluzione della Roma, se così fosse, di mandare via Fonseca così non dovrebbe essere una scelta leggera. Penso che ci sarà la partita con la Juve e poi si vedrà, ma nell’idea di Friedkin una possibilità per i due allenatori italiani come Allegri e Sarri c’è. Allegri ci ha messo anche il carico a Ballando con le stelle. C’è anche Rangnick. De Laurentiis è molto attento ai contratti. Credo che la pubblicità non c’entri nulla, solo per far pressing su Milik per portarlo allo sfinimento. Prima o poi però la corda si spezza. La valutazione che il Napoli faceva di Milik era molto alta, intorno ai 40, ora si è abbassata a 20. Ora per fare quei soldi potrebbe vendere Koulibali e tenere Milik in tribuna per tutta la stagione per fargli perdere l’Europeo. De Laurentiis è molto rancoroso”.

Nando Orsi a Radio Radio Mattino: “La cosa incredibile è che la Roma non ha un attaccante di riserva da poter far giocare. L’altr’anno ha giocato con Dzeko e Kalinic, l’ultimo è andato via. Hai avuto il tempo di andartelo a prendere un attaccante così, anche normale. E’ logico che Dzeko non lo fa giocare, forse anche lui ha chiesto di non giocare. Fonseca merita di più nel momento in cui la Roma gli presenta la squadra dell’anno scorso senza attaccante, Smalling e Zaniolo. La società non è stata adatta a dare a Fonseca una squadra. La Roma non è riuscita a battere il Verona senza tanti giocatori. Non te la puoi prendere con Fonseca. Dopo una partita dove hai consegnato all’allenatore una squadra monca fai valutazioni sull’allenatore?” .

Mario Mattioli a Radio Radio Mattino: “E’ molto difficile capire cosa vuol fare Paratici. Prima c’era Marotta che ti raccontava qualcosa non solo in interviste pubbliche. Se Suarez riuscisse a ottenere il passaporto italiano in pochi giorni vuol dire che la legge non è uguale per tutti perché uno straniero ci mette tantissimo. Non ho capito la passerella di Dzeko a Verona, non ho capito neanche l’atteggiamento della Roma. La Juve è sulle tracce di due attaccanti e la questione Dzeko comincia ad assumere toni paradossali non solo per la Juve ma anche per la Roma perché a tratti ha giocato molto bene ma se non c’è Dzeko”.

Roberto Pruzzo a Radio Radio Mattino: “La Roma potrebbe essere un avversario complicato e sarà un banco di prova per testare tante cose. Non so chi potrà essere il centravanti, non si riesce a capire questa situazione. La Roma ci ha rimesso il centravanti nella prima partita. L’unica che ci ha rimesso veramente è stata la Roma di questa situazione. Dzeko è mancato contro il Verona. Per Fonseca bisognerà capire l’evoluzione delle prossime partite, quella con la Juve sarà importante. L’attenuante di non poter utilizzare il centravanti sia pesante. Diamogli tempo di capire fino alla sosta quello che la Roma può mettere in campo. La Roma ha un allenatore che non vuole, sperando che le cose vadano per il meglio, salvo accorgersi che poi le cose vanno male e bisogna cambiare”.

Print Friendly, PDF & Email
Claudia Belli
"Non c’è un altro posto del mondo dove l’uomo è più felice che in uno stadio di calcio". Datemi, poi, anche carta e penna per poterlo raccontare e allora sì che sarà tutto perfetto. Laureata in Mediazione Linguistica e Interculturale a La Sapienza, mi piace viaggiare per il mondo parlando più lingue possibili. Per il momento ne conosco 4: italiano, inglese, spagnolo e portoghese (anche la variante brasiliana), ma spero di poter ampliare il mio bagaglio linguistico al più presto possibile.

23 Commenti

  1. ASSURDO…la Juve vince con la solita squadra forte, il Napoli vince potendo schierare MERTENS LOZANO OSHIMEN ecc ecc.…..noi invece l’UNICO attaccante in rosa che abbiamo NON lo POSSIAMO nemmeno schierare….ASSURDO…..cosi come è ASSURDO che un club come la Roma cominci il campionato con UN SOLO attaccante di ruolo…..per di più in odore di cessione…..mah

    • non sarei sorpreso se ADL avesse pianificato di creare le premesse per mettere la Roma in difficoltà. Certo che Fonseca avrebbe dovuto mettere Dzeko in campo quando nel secondo tempo le difficoltà erano evidenti.

  2. Il bicchiere è mezzo pieno, abbiamo due grandi notizie positive: due cravatte ed un pò di stile in tribuna; Karsdrop che riesce a giocare quasi 70 minuti prima di rompersi, stavamo quasi per festeggiare una partita intera ma poi è comparsa puntuale la mano sul muscolo dolorante. Di più non si poteva pretendere, 70 minuti senza neppure un crociato sono un miracolo sportivo per il ragazzo: bravo! Note negative: Mikitarian e Pedro pensano veloce ma il fisico risponde con lentezza. Sor Fonseca imperdonabile: ha allenato questi giocatori per settimane (non ci sono nuovi acquisti) e si presenta con una squadra fisicamente giù e tatticamente confusa. Carbone carbone

  3. Concordo, io avrei fatto giocare Dzeko, come ieri la Juve ha mandato in campo De Sciglio. Se invece è venduto neanche lo porti a Verona. Detto questo, serve un centrale (Smalling) un centrocampista (proverei con Torreira) due attaccanti (Milik o Giroud + Jovic o Kean) e se arrivassero offerte per Karsdrop anche un terzino destro.

  4. Non so se è vero, ma se Dan ha chiesto al pulcinella napoletano uno sconto (in caso di infortunio) e di conseguenza un prestito di due anni per Milik è un grande !!!
    Basta con le sole alla Monchi !!!
    Diamogli tempo, Dan rimetterà tutto a posto !!!

  5. Dirigenza Fienga a dir poco imbarazzante, è tutto approssimativo e senza logica. Voci su voci su voci su voci e quelle poche cose certe all’improvviso saltano o vengono cambiate in extremis. Under (figuraccia) Dzeko ( figuraccia) Milik (figuraccia) Kumbulla (strapagato) etc etc .Ma in che mani siamo?

    • Dove sarebbe la figuraccia su Dzeko ? O su Milik ?
      Chi è che ha fatto la figuraccia ? Chi lo decide, tu ? Allora siamo in buone mani …

    • Sei la controfigura di Marione? Cosa vuol dire voci su voci, se ad alimentarle sono esattamente gli stessi cronisti che poi criticano? Poi tutto questo scagliarsi contro Fienga lo trovo ingeneroso e anche strumentale per le solite critiche alzo zero. Fienga, che di mestiere non fa il DS, ha piazzato Schick ad una cifra che nessuno si sarebbe aspettato di ottenere. La cessione di Ünder a 3 milioni di prestito oneroso e eventuali 23 per il riscatto è un’operazione ben fatta. Se ti vai a vedere le statistiche di Kumbulla, di difensori classe 2000 con quei numeri in Europa ce ne sono pochi e costano assai più cari. Dopodiché, invece di sbraitare critiche tutti i giorni contro chiunque si avvicini alla Roma, non sarebbe più utile concedere il tempo ragionevole e il beneficio del dubbio a chi sta operando per la Roma ? A volte nel leggere certi commenti la sensazione che si prova è che per qualcuno sia quasi un piacere nuotare nella melma delle critiche

  6. Io, AD OGGI, la vedo così. Cose Ottime: acquisto di Kumbulla silenzioso, presenza EFFETTIVA a Roma, cessione Schick. Cose buone: acquisto di Pedro, cessione Under, mancanza di proclami eccessivi (stile prese per il culo ai tifosi).
    Cose dubbie: mancanza di un ds, conferma di un allenatore che l’anno scorso ha raggiunto il risultato minimo con la squadra che aveva (per me sarebbero cose negative, ma do il beneficio del dubbio per l’effettiva mancanza di tempo, in un mese, per fare diversamente). Cose negative: mancato acquisto di un vice Dzeko (non si chiedeva Benzema..ma neanche Kalinic), svendita di Florenzi (che col sistema di gioco a 3 dietro e rispetto ai laterali che abbiamo in rosa poteva chiaramente fare il titolare). Cose pessime: a) Caso Dzeko..gestione assurda al limite del tafazismo. b) mancato acquisto di Smalling (unica cosa che si pretendeva davvero). detto questo speriamo riescano a superare le difficoltà ed a ridare un pò di entusiasmo..Forza Roma e Forza Presidente!

    • No guarda tra il popolo conosco tanti ma tanti che marietto non lo considerano proprio. Evidentemente le vostre opinioni non sono certo condivise da tutti. Capisco il continuo tentativo di porsi come referente , ma a volte basterebbe parlare per se e non porsi come portavoce quando nessuno te l’ha chiesto o ti ci ha eletto.
      Del resto sappiamo la competenza del personaggio nel calcio. ZERO. Aiuti politici quelli si molti altrimenti non si troverebbe li.

  7. Marione è un fenomeno ma perchè non manda il curriculum per diventare vice presidente della Roma? Ogni volta trova un problema e la soluzione a tutto.

  8. Caro Mario, quello che dovrebbe essere allontanato sei tu, ma si sa, in un paese di mafiosi, ladri, corrotti e disonesti, un bel tipetto come te, ex terrorista, ci sta a pennello.

  9. Oddio riecco i tifosi della società! Non esistono in nessun paese del globo solo qui allignano. Spero che almeno vi paghino. Difendete l’indifendibile, una società che aspirerebbe al quarto posto (ma anche il quinto sarebbe già ambizioso) si presenta senza attaccanti, senza idee chiare, senza gioco, all’insegna del ‘cediamo chi ci chiedono’ pallottiano, e voi invece di prendervela con loro, stigmatizzate chi critica? A Torino, a Milano ma anche qui prima che arrivaste voi li avrebbero presi a pomodorate virtuali. Ci eravamo scandalizzati per la cessione di Strootman all’ultimo minuto, ma qui coi casi Dzeko-Milik si va oltre. Cmq tutto torna: tra voi, Fonseca e Fienga, ravviso le stesse idee chiare, l’identica competenza nella scelta dei giocatori, lo stesso compiacimento per gli ottimi risultati ottenuti.

  10. Marione dice: Io spero che arrivi Allegri..
    Ma lasciamo lavorare in pace Fonseca e poi giudichiamo, diamogli non uno ma de attaccanti….
    Alleno anche io la Juve, troppo facile giudicare, diamo tempo e poi giudichiamo

  11. Oggi commentare è inutile,visto il caso Diawara. Difendere l’indifendibile è stato il compitino che avevano i Pallotta-Boys durante il decennio passato. Oggi però continuano ad allinearsi al loro ultimo baluardo rimasto nella peraona di Fienga e nel suo ruolo di Unicredit-man che deve far posare la prima pietra sui terreni degli scandali. A questi della Roma non gli interessa nulla. Peggio per loro,ci fanno ridere.

  12. E dimentichi la SVISTA Diawara, che probabilmente ci condannerà alla restituzione del PUNTICINO faticosamente conquistato contro una diretta concorrente per la SALVEZZA.
    Però è vero : ci sono delle cose positive in questa nuova-vecchia Società solo che io e te non le vediamo 🙂
    P.s. Forza Roma SEMPRE (nonostante tutto).

Comments are closed.