SENTI-CHI-PARLA-3.jpg-radio

SENTI CHI PARLA ALLE RADIO – La rubrica di Romanews.eu “Senti chi parla… alle radio” è lo spazio quotidiano in cui potete leggere i commenti sul mondo Roma di speaker e opinionisti protagonisti dell’etere romano raccolti dalla nostra Redazione.

Franco Melli a Radio Radio Pomeriggio: “Contagio Covid nel Parma? Meno male che hanno cambiato il protocollo. Il Brescia non è matematicamente retrocesso, quindi in caso di vittoria oggi potrebbero avere qualche spiraglio. La Roma è ancora un po’ in fase sperimentale, Dzeko è stato un po’ deludente ultimamente. Per riprendersi i sogni la Roma deve cambiare proprietà, con Pallotta si parla solo di giocatori in uscita. La situazione finanziare è allarmante e ci si potrebbe trovare nella condizione di vendere Zaniolo. Sarebbe il completamento della decadenza. Roma stasera favorita, anche se può avere dei blackout in ogni momento”

Gianluca Lengua a Radio Radio Pomeriggio: “Il fatto che Fonseca abbia cambiato modulo mi dà l’idea che qualcuno nello spogliatoio l’abbia fatto ragionare. Credo che qui la squadra voglia andare incontro all’allenatore, che in queste gare si sta giocando il futuro”

Stefano Carina a Radio Radio Pomeriggio: “Su Smalling c’è stata un’accelerazione mediatica, ma non c’è ancora nulla di concreto. La Roma più di 14 milioni non li metterà sul piatto. Stadio? Prima di andare in aula i 5 stelle vorrebbero arrivare almeno a 25 voti circa. Oggi contro il Parma la difesa mi preoccupa, lo stato di forma della Roma non è quello dei migliori. Fonseca sembra aver trovato il modulo corretto. La Roma deve assicurarsi l’Europa League l’anno prossimo e poi cercare di giocarsi la competizione quest’anno. Con la Roma fare progetti è sempre sbagliato, bisogna vivere alla giornata. Non credo che Zaniolo venga venduto in questa sessione di mercato, forse nella prossima, oppure cambia la proprietà e lui diventerà una bandiera. Cederlo sarebbe anti-economico, ora hai un anno in più per fargli acquisire di nuovo la valutazione pre-Covid”

Furio Focolari a Radio Radio Pomeriggio: “Questo proseguimento di campionato vede la Roma tra le ultime di campionato. Quasi un punto a partita, quindi è chiaro che sono preoccupato. Stiamo parlando di qualcosa di diverso di quanto era prima. Non sono convinto che riprenderà la matassa”

Francesco Balzani a Centro Suono Sport: “Ho qualche timore per la partita contro il Brescia. Credo che alla fine la Roma vincerà, ma con difficoltà. Non è facilissima come con il Parma perché il Brescia ancora può giocarsi qualcosa. Finirà 2-1 per la Roma, segna Kalinic”.

Marione a Centro Suono Sport: “Chi c’è rimasto ora in Italia? Prima c’erano Totti e Del Piero, e ora? Zaniolo e Tonali unici talenti italiani. A Brescia mancheranno Mkhitaryan e Smalling, ma credo che la Roma possa vincere. Secondo me la Lazio perderà con il Sassuolo, che è molto in forma ora”

Antonio Felici a Centro Suono Sport: “Zaniolo unico talento italiano. Prima a calcio si giocava per strada, e si sviluppava una furbizia diversa. Senza Mkhitaryan e Dzeko chi segna a Brescia? Stavolta voglio allargarmi, finirà 3-1 per la Roma”

Gianluca Lengua a Radio Radio Mattino: “Nella Roma sono tutti a rischio, dai giocatori all’allenatore alla dirigenza: l’unico a non esserlo è Pallotta. Fonseca con la vittoria col Parma ha respirato un pochino, ma non credo che la partita col Brescia pregiudicherà il suo finale di stagione, non verrà cambiato nelle prossime settimane. Ha la squadra dalla sua, ma è andato per tentativi e a me non è piaciuto: ha sbagliato formazioni, giustificandole con le tante partite in pochi giorni ma ora ha detto di non voler cambiare tanto. Hanno avuto un mese per provare i moduli e invece si è bruciato la possibilità di recuperare l’Atalanta, anche se era difficile. Il piano presentato da Fienga a Pallotta prevede la permanenza di Smalling, Mkhitaryan e di Zaniolo e Pellegrini. Pallotta l’ha accettato, se poi il piano cambia all’ultimo la colpa sarà sua”.

Tony Damascelli a Radio Radio Mattino: “La Juventus coi soldi non prende Zaniolo, può farlo solo con gli scambi. Invece l’Inter può spendere, staremo a vedere. Nicolò è un talento sicuro, può essere un giocatore che ti spacca il gioco avversario visto che Lautaro può partire”.

Franco Melli a Radio Radio Mattino: “Male male il sorteggio della Roma, al momento Siviglia e United sono più forti. O si rigenera, ma con questo caldo è difficile, oppure sarà difficile. Non parte tra le favorite. Col Brescia partita più difficile di quanto si possa pensare, Roma favorita ma serve grandissima concentrazione. Smalling un giocatore dal quale si può ripartire, l’operazione dal punto di vista economico non mi sembra proibitivo”.

Furio Focolari a Radio Radio Mattino: “La Roma non la vedo bene. In campionato non ha avuto ultimamente l’attenuante degli infortuni che ha avuto la Lazio, le formazioni sono sempre frutto di scelte dell’allenatore. La formazione della Roma di stasera mi ha spaventato, con questa ci sono pericoli anche a Brescia. Senza Dzeko si rischia, io lo farei giocare. Smalling tra i più forti del campionato, è giusto che la Roma faccia qualsiasi cosa per tenerlo. Zaniolo? Triste pensare alla Roma sempre parlando di cessioni, se hanno un minimo di cervello non lo vendono”

Roberto Pruzzo a Radio Radio Mattino: “In Europa League ci vuole una Roma in una condizione fisica migliore rispetto a quella che vediamo adesso in campionato. Se elimini il Siviglia poi non vedo avversari impossibili”.

Nando Orsi a Radio Radio Mattino: “Per la Roma in Europa League la più difficile è il Siviglia. Le altre, comprese le inglesi, non fanno paura. Poi in semifinale te la giochi con lo United. Se la Roma tiene Smalling e lo può impiegare è già un bel vantaggio”

Sandro Sabatini a Radio Radio Mattino: “La Roma, come l’Inter, ha la possibilità di puntare all’Europa League”.

Print Friendly, PDF & Email

4 Commenti

    • Commentatori? Come già detto in precedenti post, sono braccia tolte all’agricoltura….soprattutto er sor franco e il grande furio…due geni

Comments are closed.