SENTI-CHI-PARLA-3.jpg-radio

SENTI CHI PARLA ALLE RADIO – La rubrica di Romanews.eu “Senti chi parla… alle radio” è lo spazio quotidiano in cui potete leggere i commenti sul mondo Roma di speaker e opinionisti protagonisti dell’etere romano raccolti dalla nostra Redazione.

Franco Melli a Radio Radio Pomeriggio: “Credo che noi non avremo mai pace critica. Ero convinto che la Roma quest’anno fosse migliorata. Invece quando sale l’asticella ci risiamo. Ibra è tornato dopo il Covid ed era più forte di prima, ad esempio. Il Napoli è più forte della Roma, ieri l’ha dimostrato. Pedro e Mkhitaryan ieri non hanno toccato palla. La Roma e la Lazio spesso sul più bello tradiscono. ”

Stefano Carina a Radio Radio Pomeriggio: “Toglierei la componente emotiva, secondo me la Roma ha perso perché il Napoli è più forte. Ieri Gattuso ha stravinto il confronto con Fonseca. La Roma nelle tre partite che contano quest’anno ha preso 9 gol, con Juve Napoli e Milan. Non ci dobbiamo fasciare la testa ora, però la Roma non può puntare allo scudetto. Ma può puntare alla Champions.”

Guido D’Ubaldo a Radio Radio Pomeriggio: “Un incidente di percorso ci può stare, anche in una serata emozionante legata a Maradona. Questa sconfitta riporta la Roma sulla terra, ieri si sono riproposti anche i dubbi sul portiere. La Roma per ripartire deve ritrovare il miglior Dzeko.

Furio Focolari a Radio Radio Pomeriggio: “Dobbiamo renderci conto che Lazio e Roma sono squadre che non possono puntare allo scudetto. Non dobbiamo fare tabelle, non dobbiamo pensare che la Roma può vincere lo scudetto perché fa bene due partite, né che la Lazio possa vincere con chiunque come dice Inzaghi. Sono due squadre buone, ma non eccezionali. Tra le foto della giornata, metto la mediocrità delle due romane di ieri, a partire dai portieri”

Alessandro Vocalelli a Radio Radio Pomeriggio: “Io penso che questa giornata abbia dimostrato che il campionato è di qualità piuttosto bassa. Squadre che giocano male, squadre inaffidabili. Con delle eccezioni.”

Antonio Felici a Centro Suono Sport : “La classifica della Roma resta buona, alcuni avversari della Roma non vanno benissimo. Questo campionato offre alla Roma la possibilità di raggiungere un traguardo importante come la Champions. La Roma ha spesso dimostrato di essere capace di exploit ma poi crolla. Bisogna essere prudenti con la Roma. Ieri è successo uno di questi down che hanno riportato indietro l’orologio. La Roma era cresciuta nelle gare precedenti, ieri ha fatto un passo indietro.  Il Napoli ha giocato una gara accorta e non si è scoperto mai. In questo senso il lutto di Maradona ha fatto sì che il Napoli facesse una partita così. Questo non giustifica che la Roma non sia scesa in campo. Possiamo concentrarsi sui singoli… ma non ci si può fidare al 100%. Ieri l’approccio è stato sbagliato. Sembra che quasi non avesse voglia. Fonseca ha meritato i complimenti nelle ultime gare, ma dovrebbe dirci perché la Roma è scesa in campo così demotivata. La Roma con avversari di un certo calibro non riesce a batterli. Fatica a fare l’impresa, vuol dire che a livello caratteriale manca qualcosa. Forse manca anche a lui. Mi preoccupa a livello di raggiungimenti di traguardi importanti. A Napoli si può perdere, ma la partita è stata una disfatta. Questa Roma può migliorare, ha margini di crescita, ma non può pensare a più del quarto posto. Poi è chiaro, se steccano tutti gli altri può succedere di tutto, anche vincere lo scudetto, per dire. Io Fonseca l’ho criticato duramente all’inizio, poi gli ho dato atto di aver portato miglioramenti. Ma se mi chiedi se sia da scudetto non me la sento di dirlo. Non dobbiamo però ricominciare a metterlo in discussione, perchè dipende dagli obiettivi. Se l’obiettivo è il quarto posto uno come Fonseca ti ci può portare. Se vuoi vincere lo scudetto servono giocatori forti e tecnico vincente, e la Roma queste cose non le ha. Se la Roma dovesse protare Nandez e anche un terzino, potrebbe fare un salto di qualità”

Francesco Balzani a Centro Suono Sport: “Non sono sorpreso della sconfitta, ma non mi aspettavo un crollo così. Io continuo a pensare che Fonseca sia un buon allenatore, ma quando si alza l’asticella la Roma va in bambola. La sconfitta ci può stare, ma è la modalità. L’inferiorità che hai dimostrato spaventa un po’. E’ vero che la Roma non è la squadra più scarsa ora, come non era la più forte prima. Per lo scudetto credo che ieri sia arrivato l’esame di laurea. Credo che ieri sia arrivata la risposta. Tra le prime quattro invece, se migliora la panchina… Fonseca non si fida delle seconde linee. Spesso i giocatori della Roma hanno avuto ricadute perché messi in campo forse troppo in fretta. Che serviva portare Dzeko a Cluj? Sono state fatte una serie di scelte sbagliate nella programmazione. Il Napoli è più forte della Roma. Non è possibile che Fonseca non riesca a vincere un big match. Ieri ci sono stati tanti errori individuali. Secondo me Mirante ha fatto meglio di Pau Lopez, nonostante gli errori. Bisognerà programmare il mercato con più attenzione. Juan Jesus ad esempio non può essere utilizzato per una partita del genere. Pellegrini? A me non convince da un po’. I mezzi li ha, però dal punto di vista del risollevare una squadra è lontano da quello che deve essere un capitano. Credo che questo ruolo non gli piaccia. Fonseca non è un allenatore che può far vincere trofei importanti. Non è ancora pronto.”

Marione a Centro Suono Sport : “Se c’era la squadra titolare avremmo fatto qualcosa di meglio. Questo tipo di sveglia chissà se porterà dei problemi o se se ne uscirà subito con il Sassuolo. Perché la Roma è una squadra molto fragile. Io punto il dito sulla tenuta psicologica della squadra, la trovo arrendevole. L’importante è non crollare psicologicamente”

Jacopo Palizzi a Tele Radio Stereo: “Nonostante la sconfitta di ieri a parità di partite giocate ha 1 punto in più rispetto alla scorsa stagione. Spero di non sentire accumunare la prestazione di ieri possibili ripercussioni future. Ieri la Roma perde l’unica partita delle ultime 10 giocate. Tutte le virtù che avevamo riscontrato in questa squadra: la coesione, l’individualità e la voglia di aggredire gli avversari, ieri in un’unica partita sono state tutte sconfessate. Se contro una squadra forte e attrezzata come il Napoli non ti presenti è complicato, se non riesci a mettere in campo nemmeno una delle armi sopra citate fai poi una brutta figura”.

Stefano Petrucci a Tele Radio Stereo: “La Roma ha giocato tre minuti e poi è stata a guardare senza alcuna capacità di fermare l’avversario che non stava facendo una partita straordinaria. Ha trovato sempre il modo di inserirsi sia centralmente che sugli esterni. Sul primo gol Mancini non fa scattare il fuorigioco e lì Ibanez fa il fallo. Abbiamo giocato senza portiere, anche se la colpa non è solo di Mirante. E’ stato malinconico vedere come siamo andati ad assistere alla celebrazione di un campione senza fare niente”.

Furio Focolari a Radio Radio Mattino: “La Roma non ha giocato, è chiaro che ha attenuanti visti gli infortuni di Mancini e Mkhitaryan e con Dzeko e Pellegrini non al meglio, ma non ha giocato. Ho visto sbagliare palle facili da Pedro, Mkhitaryan ha sbagliato cose facili. La Roma ieri non è scesa in campo. La Roma concorre alla grande per il quarto posto nonostante la sconfitta”.

Tony Damascelli a Radio Radio Mattino: ” A me la Roma i primi 20 minuti divertiva pure ma non avevo fatto i conti con Mirante, ha tenuto fede al suo cognome perché ha continuato a guardare il pallone da una parte e dall’altra senza mai prenderla. La Roma ha fatto 2 punti con Juve, Milan e Napoli e questo dice il campo. All’inizio la Roma ha giocato bene e il Napoli non era ordinato, non capiva bene cosa doveva fare, poi la Roma è scomparsa dal terreno di gioco come testa. Dzeko non l’ho mai visto, poi c’è gente che gioca in Serie A e poi mi chiedo se il vivaio della Roma non sia riuscito a tirare fuori un terzino destro migliore di Karsdorp.

Franco Melli a Radio Radio Mattino: “Sono rimasto deluso perché pensavo che la Roma avvertisse la responsabilità di una partita che poteva far fantasticare tutti i tifosi e tutti quelli che ritengono che la nuova società abbia iniziato bene. Invece c’è stata una mancanza di determinazione e furore agonistico. All’inizio sembrava chissà che e poi si è sciolto tutto, il Napoli ha delle grande individualità che possono essere considerate superiori, come Lozano che è stato una spina nel fianco. Zielinski è un giocatore che crea sempre pericoli quando strappa e va avanti, Koulibaly sta tornando ad essere quello che era. Se togliamo il Milan non c’è una squadra che sappia vincere senza perdere e viceversa.

Francesco Di Giovambattista a Radio Radio Mattino: “Per me è molto più una vittoria del Napoli che un demerito della Roma: è stato aggressivo. Ha pressato molto alta la Roma e gli ha tolto gli esterni e la facilità di arrivare a Pedro e Mkhitaryan con facilità tanto è vero che si sono dovuti abbassare e fare 50 metri per arrivare in area. Manolas è stata una delle prime partite impeccabili con la maglia del Napoli. Fonseca mi è piaciuto perché non ha trovato alibi perché ha detto che è mancato coraggio. Dopo 15 risultati utili consecutivi una sconfitta contro questo Napoli qui ci sta, a Napoli c’è il rischio che possano perdere diverse squadre”.

Ilario Di Giovambattista a Radio Radio Mattino: “Le romane hanno preso due sveglie ieri, troppo brutte per essere vere e troppo incredibili per essere un allarme. La Roma è la prima volta che becca sta sveglia dopo tanto ma per la Lazio l’Olimpico è un nemico quest’anno. La classifica della Lazio è veramente brutta. Bruno Conti nel Mondiale dell’82 venne definito Marazico. Ha fatto un gesto straordinario nella sua semplicità. Ha preso una corona di fiori meravigliosa e l’ha depositata, sono andati nei cuori dei Quartieri Spagnoli dove c’è la gigantografia di Maradona e si è inginocchiato e ha pregato per lui visibilmente commosso. Vorrei che smettesse la guerra tra i tifosi di Roma e Napoli. Bruno Conti è stato inneggiato dai tifosi partenopei. Qualcuno prima o poi deve pur perdonare. I giocatori del Napoli avevano una voglia pazzesca di omaggiare Maradona”.

Nando Orsi a Radio Radio Mattino: “Ci può stare una giornata nefasta per le romane ma almeno devi giocare. La Roma l’ha fatto per i primi 5 minuti poi è scomparsa, la Lazio tutta la partita non c’è stata, l’Udinese sembrava il Barcellona. Lo stadio vuoto senza tifosi ha attenuato le emozioni per Maradona, c’era solo un ricordo. Ieri il Napoli non ha vinto perché era morto Maradona ma perché ha giocato meglio e la Roma non si è presentata. Fino alla partita col Napoli erano mancati comunque Smalling e Kumbulla, la Roma aveva cominciato anche bene. Il Napoli l’ha vinta per grande merito e la Roma ci ha messo del suo anche di testa”.

Mario Mattioli a Radio Radio Mattino: “La Roma sta pagando un po’ troppo le assenze e ha degli infortuni durante la partita. Non ha affrontato la partita con dovuta grinta e concentrazione. Se ci fosse stato il pubblico avremmo detto sovrastata dallo stadio ma così non è stato. Una partita negativa ci può stare nel campionato soprattutto quando hai di fronte una squadra che gioca bene. Una sconfitta forse nei numeri un po’ esagerata ma si va avanti”.

Roberto Pruzzo a Radio Radio Mattino: “Non ci pensano neanche a smettere la guerra tra Roma e Napoli, l’abbiamo ripetuto tante volte. Non ti aspetti una prestazione di questo livello da Fonseca, la squadra è stata in grande difficoltà. Io non credo che la vittoria di ieri fosse mossa da Maradona. E’ una partita storta si può solo prendere così. Si pensava che Dzeko stesse un po’ meglio di così. La partita poi ha preso una piega inaspettata, il Napoli poi è andato sul velluto e non ha fatto neanche tanta fatica. La devi prendere come una partita storta, è andata come è andata. Il Napoli lo vedo come possibile vincente del campionato”.

Print Friendly, PDF & Email
Claudia Belli
"Non c’è un altro posto del mondo dove l’uomo è più felice che in uno stadio di calcio". Datemi, poi, anche carta e penna per poterlo raccontare e allora sì che sarà tutto perfetto. Laureata in Mediazione Linguistica e Interculturale a La Sapienza, mi piace viaggiare per il mondo parlando più lingue possibili. Per il momento ne conosco 4: italiano, inglese, spagnolo e portoghese (anche la variante brasiliana), ma spero di poter ampliare il mio bagaglio linguistico al più presto possibile.

26 Commenti

  1. Partita storta??
    Non si è fatto un tiro in porta,giocatori fantasma tenuti in campo solo xké si chiamano dzeko,mirante disastroso,riserve impresentabili jesus,allenatore incapace di correggere in corsa o quantomeno svegliare una squadra di zombi.
    Tutto il peggio in una partita.

  2. E si parlava già di rinnovi. Se la Roma è diventata una società seria apprende da queste sconfitte la necessità di valutare certe situazioni troppo spesso ripetitive e correre ai ripari. Noi tifosi vogliamo gente di personalità in panchina e sul campo. Basta lezioni dalle big! E basta alibi tipo troppe assenze o tipo il Napoli è forte ci sta che perdiamo dopo che aveva appena preso sberle dal Milan. Oggi è già tempo di riposo?

  3. Siamo abituati a questi cali ,a chisi era fatto illusioni la Roma e`questa , purtroppo nonpuo`sempre contare sui vecchietti ieri fra Dzeko ( scusante Covid ) Miky e Pedro un disastro completo ,Pellegrini andava girandoper il campo e non pargliamo degli altri incapaci di fare un solo passaggio giusto . Non si e` salvato nessuno , ma sesi fanno di queste partite inutile farsi delle future illusioni . IndubbiamentelaRomaha bisogno di altri giocatotri che incidano ,che diano continuita`, tutta l’attuale difesa e`impernaita su tre giocatori ,e basta i sostituti fanno pena ,tolti la sorpresa sia pure ancora acerba di Ibanez ,Mancini e Smalling , con Kumbulla Ko ,
    e il solo Spinazzola gli altri sono belle statuine ,L’attacco vive di casualita ` che ieri non si sono verificate .
    Ma adessoc’e`un nuovo DS e da Gennaio vedremo che riuscira a fare.

  4. Li aspetto al ritorno, sarà un’altra storia.
    Non è finito proprio niente, chi lo augura ci spera in realtà…. V’ha detto male, vedrete le prossime partite e il riscatto immediato da questo passo falso. Dubito che si ripeterà. Ci credo, più di prima!
    FORZA MAGICA ROMA, OGGI PIÙ CHE MAI!!!!

  5. che ambientino che abbiamo a Roma…. ci vuole equilibrio che qui facciamo fatica ad avere.
    La Roma ha giocato 9 partite. Non siamo nemmeno a metà del girone di andata. Aspettiamo, no ?
    A sentire l’opinione di tanti, finito il mercato, noi eravamo da 7 o 8 posto.
    Ad oggi, la Roma è in lotta dal 2 al 6 posto. Quindi è un trend positivo, o no ?
    Ieri abbiamo preso uno schiaffone … bene, ottimo. Riporta tutti con i piedi per terra.
    Ma Mirante non era Buffon prima e non è peggio di Goicochea adesso. Fonseca è passato da scarsone a bravo a nuovamente scarsone da esonerare immediatamente.
    Siamo in corsa, no ? Ed allora calma, pazienza. Rode, certo, rode anche a me .. ma era una partita difficilissima: loro super motivati dal “fantasma” di Maradona… noi con Mancini ed Ibanez al rientro da infortuni muscolari (e si è visto con Mancini); Pellegrini e Dzeko con pochi minuti sulle gambe dopo il Covid; Veretout a rischio ed infatti deve uscire anche lui…
    Certo, con il senno di poi avrebbe potuto far giocare Boja Majoral dall’inizio .. ma vi immaginate cosa sarebbe successo se fossimo andati sotto di due/tre goal con Dzeko in panchina ?
    Rispetto l’opinione di tutti, ma da FORZA ROMA. Abbiamo preso uno schiaffone, bene … vai con la prossima a testa bassa.
    Noi, intorno a loro, cerchiamo di costruire un ambiente positivo .. non questo continuo stillicidio. Per “contestare” c’è sempre tempo.

    • Sicuramente non è il momento di fare processi o bilanci. Però come non bisogna esagerare con le critiche, nemmeno si può parlare di rinnovi e di “fenomeni” dopo tre partite vinte con squadre di pellegrini. chiaramente la scoppola di ieri ci riporta ad una dimensione non di vertice, ma nemmeno questo era l’obiettivo iniziale. Ricordiamoci che veniamo da anni di gestione pallottiana disastrosa, diamo tempo alla nuova proprietà di capire bene quale sia l’assetto giusto, a partire dall’allenatore. E aggiungiamo pure che se batti il Sassuolo sei sempre lì, ecco forse questo è il vero obiettivo. Sulla partita meglio non parlarne, troppe cose andate male. Personalmente credo che “brufolo” Villar debba rimanere titolare fisso, così come Dzeko non doveva giocare dall’inizio, ma chissà se cambiava qualcosa.

      • concordo. Per questo parlo di equilibrio. Non pensavamo che fossimo da scudetto prima di Napoli … non penso che siamo da buttare adesso. Obiettivamente, io ho sempre pensato che questa Roma può lottare dal 3 al 5 posto.
        Mi aspettavo le difficoltà di Atalanta e Lazio e, quindi, dando per scontato due posti a Inter e Juve (per me in quest’ordine), per gli altri due ci siamo noi, Milan, Napoli e, forse, Atalanta se vengono buttati fuori dalla Champions.

  6. una partita storta puo’ capitare,ma ieri sembrava che andavano a fare shopping. e poi sto Pellegrini che secondo molti e’ un fenomeno ,a me sembra un giocatore normalissimo niente di che. ci vuole ben altro a questa squadra…

  7. Ieri la partita era segnata.
    Era evidente che loro avrebbero giocato per onorare Maradona.
    Roma segnata dalle assenze in difesa, la mancanza di Smalling e Kumbulla si è fatta sentire, come contro il Siviglia.
    In più aggiungiamoci la giornata storta di Mirante.
    Quello che non capisco è stata la rassegnazione di tutta la squadra a mò di agnello sacrificale.
    Dzeko e Pellegrini poi, se ancora debilitati dal virus, non dovevano giocare.
    Non capisco come mai Ibraimovic e Ronaldo al ritorno dal Covid abbiano fatto i fenomeni e Dzeko e Pellegrini 2 morti.
    Dzeko poi in queste partite sembra sempre in vacanza, siamo sicuri che abbiamo fatto bene a non cederlo alla Juventus? Potevamo prendere noi Morata.

  8. L’unica speranza e’ che ci serva da lezione: non eravamo fenomeni prima e non bastano tre partite giocate decentemente a cambiare questa cosa. C’e’ tanto da pedalare.

    Voglio sottolineare solo due cose che mi hanno fatto andare il sangue al cervello, al di la’ della sconfitta e della serata negativa.

    Al primo tempo (ditemi se qualcun altro se ne e’ accorto, magari sono pazzo io) Pellegrini ha tolto la gamba in un paio di contrasti… E questo e’ il nostro giocatore piu’ rappresentativo!? Quello che trascina gli altri per il bene della Roma!? Fino a poco tempo fa in quella posizione c’era un certo De Rossi che la gamba non la levava nemmeno se lo pagavano. E anche il tanto vituperato Florenzi non ricordo essersi mai sottratto alla lotta.
    Stesso discorso, purtroppo, va fatto per Dzeko: dopo aver preso un paio di botte da Koulibaly all’inizio, ha rinunciato totalmente a qualsiasi contrasto, a qualsiasi spintone, a qualsiasi gioco sporco.

    Io capisco la stanchezza, gli infortuni, il coronavirus….ma la voglia e la volonta’ di sacrificarsi deve rimanere la stessa, altrimenti e’ tutto inutile. Per fare un esempio, Veretout anche dopo che ha sentito dolore alla coscia andava a contrastare (e fare fallo perche’ non in forma chiaramente). Facile arrabbiarsi con i vari Juan Jesus e Cristante perche’ “scarsi”; io mi arrabbio con Pellegrini e Dzeko, che da finti leader hanno tirato su bandiera bianca da inizio gara. Questo comportamento, almeno per me, e’ inaccettabile, al di la’ di qualsiasi risultato sportivo di squadra. Speriamo serva da lezione anche a loro (ci spero poco, ma chissa’).

    In ogni caso, sempre forza Roma, prendiamolo come un passo falso e ripartiamo da dove ci siamo fermati. Fortunatamente siamo ancora tutti li’ e bastano due partite decenti per riportare un po’ di buon umore..

  9. Mi fa piacere che Fonseca non cerca alibi cosi la squadra non ha scuse a cui attaccarsi…
    Ma solo io noto che abbiamo giocato giovedi sera a cluj dove c’ erano 20 gradi di differenza rispetto a roma? Che la squadra e’ rientrata a Trigoria alle 5 del mattino di venerdi? Che venerdi e’ andata persa come gionata per ovvi motivi? Che sabato gioco forza rifinitura leggera e poi a Napoli ? Che ne Mancini ne Ibanez hanno fatto veri allenamenti di gruppo? Ecco giochiamo la partita con noi a Roma e il Napoli reduce da una disagevola trasferta rumena e poi ne parliamo…
    Magari prima di dare giudizi affrettati dobbiamo pensare a queste situazioni ed a un calendario di Europa League per noi penalizzante

  10. FACTA NON VERBA! Ancora un altra occasione persa per dare un senso a questa frase a noi tanto cara. Texani,la sveja de ieri noi la conosciamo già,questa è per voi . Speriamo che avete capito la lezione e che da ora in poi (da gennaio!) iniziate a regalare Campioni. Ci serve gente con carattere e classe in campo. Mano al portafoglio,stateve zitti e datece le vittorie. A proposito …. basta carotine stile mascherina col nostro stemma….non siamo mica fessi! Non usate la nostra fede per farvi belli…l’euro di spedizione lo diamo noi a chi ci pare e piace. E adesso rimbosatece il Voucher!

    • ECCOTI SOLO QUANDO LA ROMA PERDE E TU SARESTI UN VERO ROMANISTA???? PAROLAIO DELLA PEGGIORE SPECIE….SCUSA LO STADIO NON SI FARA’ NEI TERRENI DEL TUO DATORE DI LAVORO QUINDI SPUTERAI SEMPRE VELENO

  11. Inutile arrabbiarsi , criticare per una sconfitta che ci sta ,forse 4 gol sono troppi ,ma ieri tutto girava bene per il Napoli anche nei ripalli e poi se vuoi recuperare ti scopri inevitabilmente .
    Comunque se qualcuno aveva pensato Roma da scudetto ha sbagliato strada ,Roma nei primi 4 posti dovra` lottare , per quinto e sesto potrebbe starci.
    La Rosa attuale ha pochi ricambi originali forse uno o due sono all’altezza , ma il resto no .
    C’e` molto da lavorare a Gennaio per consegnare a Fonseca una rosa piu`consistente e continua ,cosi non si va lontano

  12. Manca personalità e forse l’allenatore non è nemmeno un bravo tattico.
    Gattuso non ha fatto giocare la Roma come sa e la Roma si è depressa senza avere un piano B in mano.
    Fonseca non aveva preparato la partita, come col Siviglia e la Roma si è lasciata andare.
    Sono inca**ato nero: ci sta perdere a Napoli ma quello schifo che abbiamo visto ieri fa dubitare di tutto.
    Pellegrini gioca i palloni solo indietro. Si è vista la differenza quando è entrato Villar, giocatore che viene dalla serie B spagnola. Ho detto tutto sulla differenza di preparazione tecnica tra i calciatori spagnoli e gli italiani.

  13. Ieri molto deluso dalla prestazione,ok,due infortuni importanti e poi aver messo due giocatori post covid fuori forma non ha aiutato,è sembrato di vedere dopo alcune partite positive, la partita di Siviglia.Grandi aspettative e enormi delusioni.Impotenti di contrastare un avversario e di reagire in corsa,coraggio zero,poi le partite si perdono .Puoi perdere anche 4-0 ma se tiri in porta solo una volta non hai alibi e non te lo spieghi neanche.Quando incontriamo una squadra che sa palleggiare,pressare forte noi crolliamo,non sappiamo rubare palla.Ieri ho visto che andavano in 3 a marcare spinazzola e noi troppo lenti a girare la palla per cercare nuove soluzioni o cambi di gioco,si preferivano i passaggi facili e corti e alla fine pure sbagliati.Poi con giocatori come Pellegrini,Pedro,Mkhitaryan,Cristante,Veretout,Spinazzola non si riesce a fare più di due passaggi? possibile?Il nostro possesso palla sembra stupendo con squadre che ci lasciano giocare a 2 km/h ma con squadre come il Napoli e lento come in un campionato dilettanti.Quando leggo che noi siamo da 4 posto dico,che per i giocatori che abbiamo e se guardiamo gli altri dovremo vincerlo.Mancano i dettagli che non ci permettono questo salto.

  14. FORZA ROMA …… tutto il resto sarà una scoperta ,,,, onestamente non pensavo di perdere così male … ora vediamo di che pasta siamo fatti …. se fatichiamo come l’ultima stagione ( e non solo ) a ritrovare il passo giusto ,,, o … come spero ,,, sia stata una sana batosta che ti serve come lezione e riparti più incaxxato più agguerrito e più consapevole …. il Sassuolo domenica è la partita giusta !!!
    Forza Roma

  15. Secondo me la partita contro il Napoli l’ha decisa la politica.Visto il momento teso che c’è in Campania con le restrizioni imposte da De Luca in più onore a Maradona.Se il Napoli avesse perso di nuovo sarebbe scoppiata una guerriglia urbana.Invece con una vittoria di larga misura i napoletani staranno tranquilli per qualche settimana.Vedendo la partita si è visto palesemente che non hanno giocato e in alcune situazioni si sono scansati.Da domenica prossima si capirà se la mia idea è sbagliata.Forza Roma daje

Comments are closed.