NOTIZIE AS ROMAI vincoli del fair play finanziario verranno allentati, in particolare per ciò che riguarda le cifre spese per l’acquisto di giocatori e gli stipendi. Lo ha detto il presidente dell’Uefa Michel Platini, intervistato dall’emittente televisiva francese RTL, precisando che della questione si occuperà l’Esecutivo in programma a Praga il 29 e 30 giugno. Intanto l’Uefa continua la discussione avviata con molti club fin dallo scorso ottobre. “Penso che i regolamenti siano stati fatti bene – ha detto Platini – e ricordo che il fair play finanziario è stato votato dai club. In Francia non si possono acquistare giocatori a cuor leggero ma, dall’altro lato, i francesi vogliono un’applicazione più rigorosa se, ad esempio, il Qatar acquista il Milan”. Nel maggio scorso l’Uefa ha multato di 20 milioni di euro a testa il Paris SG e il Manchester City per avere sforato i parametri del fair play finanziario, mentre di recente sanzioni minori sono state comminate a Inter e Roma. Intanto, in una nota, l’avvocato Jean-Luis Dupont, ovvero colui che provocò il caso e poi la sentenza Bosman difendendo il calciatore belga, ricorda che nei giorni scorsi il giornale francese ‘Le Parisien’ aveva anticipato la notizia dell’allenamento dei vincoli da parte dell’Uefa, “in vista delle molteplici azioni legali che sono in corso, alcune delle quali anche in via di conclusione. Tali azioni sono pendenti presso la Commissione Europea, l’Alta Corte di Giustizia svizzera e i tribunali di Bruxelles e Parigi, affinchè venga dichiarata illegittima la regola sullo sforamento del tetto, che viola i principi di libertà vigenti nell’Unione Europea. Accogliamo quindi favorevolmente – conclude Dupont – l’annuncio formale fatto oggi (da Platini ndr), che è in linea con la richiesta di cambiamenti portata avanti da vari nostri clienti”.

Print Friendly, PDF & Email

1 commento

  1. Ho riprodotto il commento che non mi è stato pubblicato ieri da romanews sul sito della Gazzetta. Ebbene la Gazzetta me lo ha pubblicato, come tutti i precedenti commenti che ho loro inviato. A romanews avete uno strano modo di intendere la liceità di un commento. Ho l’impressione che non siano la correttezza o l’educazione gli elementi che valutate per ritenere pubblicabile un messaggio. Ma forse è il contenuto dello stesso che è sottoposto al vostro insindacabile giudizio. E’ la seconda volta che non mi pubblicate un commento in cui esprimo un accenno di critica verso la società. Dovreste scriverlo nel regolamento che certe critiche anche se rispettose del soggetto interessato non sono accettate dalla redazione. Così almeno uno si evita di scrivere pensieri (che a volte richiedono anche un po’ di tempo) che si perdono nel dimenticatoio.

Comments are closed.