MILAN ROMA AVVERSARIA – Dopo la vittoria in rimonta conquistata in Europa League contro lo Young Boys, la Roma si prepara ad un altro big match in campionato: la sfida contro il Milan di Pioli. Il prossimo sarà un test decisivo per la squadra di Fonseca, che dovrà dimostrare di poter tenere testa ai rossoneri, attualmente primi in classifica a punteggio pieno.

I prossimi impegni

Milan-Roma (5° turno di Serie A, 26 ottobre ore 20.45, Stadio San Siro)
Milan-Sparta Praga (fase a gironi di Europa League, 29 ottobre ore 18.55, Stadio San Siro)
Udinese-Milan (6° turno di Serie A, 1 novembre ore 12.30, Stadio Friuli)
Milan-Lille (fase a gironi di Europa League, 5 novembre ore 21.00, Stadio San Siro)

Come il Milan arriva alla sfida contro la Roma

L’ultima giornata di campionato ha visto il Milan impegnato a San Siro nel derby della Madonnina. Sono bastati poco più di 15 minuti a Ibrahimovic per realizzare una doppietta pesantissima. L’Inter ha risposto con la rete di Lukaku al 29′, ma durante la ripresa la difesa rossonera ha retto e alla fine la squadra di Pioli ha portato a casa la quarta vittoria consecutiva in campionato. Attualmente il Milan si trova quindi al primo posto in classifica in solitaria, a quota 12 punti in 4 partite. Giovedì scorso anche i rossoneri hanno fatto il loro debutto stagionale in Europa League, affrontando il Celtic in trasferta. Anche in questo caso la squadra di Pioli ha conquistato i tre punti, grazie ai gol di Krunic, Diaz e Hauge. Gli avversari sono riusciti solo parzialmente ad accorciare le distanze con la rete di Elyounoussi al 76′. Ora il Milan è al primo posto del gruppo H insieme al Lille.

Punti di forza e debolezze

Il Milan si trova al primo posto in Serie A con 12 punti collezionati in 4 gare. Ormai sembra non saper più perdere: l’ultima sconfitta in campionato è arrivata l’8 marzo contro il Genoa, prima dello stop causato dall’emergenza Covid-19. Da quel momento ha collezionato ben 17 successi e 4 pareggi. Sono 9 i gol messi a segno dalla squadra di Pioli finora (media di 2,25 a match), uno solo invece quello subito. La difesa rossonera è attualmente la migliore del campionato, insieme a quella del Verona. Il Milan ha effettuato 54 tiri, di cui 22 in porta (41%) e 23 cross, di cui solo 6 sbagliati (nessuno ne ha sbagliati di meno in Serie A). La squadra di Pioli vanta anche un altro record, quello dei fuorigioco (11). E’ inoltre la quinta squadra che corre di più in campionato, con una media di 108,75 km percorsi a partita. Il bilancio in casa e in trasferta è quasi identico: 2 vittorie e rispettivamente 5 e 4 gol segnati e uno solo incassato, lontano da San Siro. Con un’età media pari a 23,6 anni, la rosa del Milan è la più giovane della Serie A. Un’occhiata al cronometro rivela che i rossoneri tendono ad essere più più pericolosi nel secondo tempo (56% dei gol realizzati), più precisamente nel primo quarto d’ora della ripresa (33% dei gol realizzati tra il 45′ e il 60′). L’unico gol subito è arrivato invece nel secondo quarto d’ora del primo tempo.

Ibrahimovic al top, ma il Milan porta a casa punti anche senza di lui

Il pericolo numero uno per i giallorossi sarà senza dubbio Ibrahimovic: è attualmente il miglior marcatore del Milan (4 gol in 2 partite), il giocatore che ha creato più occasioni da gol (8) ed effettuato più tiri (11) e che vince il maggior numero di duelli aerei a partita (media di 5 a gara). I rossoneri hanno però dimostrato di sapersela cavare bene anche senza lo svedese: in sua assenza la media punti è stata pari a 2,33 a match (6 vittorie e 3 pareggi), con lui invece a 2,25. Il secondo miglior marcatore è Leao, con 2 reti messe a segno in 3 partite. Il ritorno di Gabbia in campo farebbe sicuramente felice Pioli e i numeri spiegano perchè: è il giocatore che vanta la più alta percentuale di precisione dei passaggi effettuati (95%) e quello che corre di più in campo, con una media di 10,75 km percorsi a partita. Il tecnico rossonero finora non ha mai fatto a meno di Calabria, Donnarumma, Hernandez e Kjaer, tutti a quota 4 presenze su 4 partite di campionato.

Le scelte di Pioli per Milan-Roma

Il modulo più utilizzato dal Milan di Pioli è il 4-2-3-1. Per il match di campionato contro la Roma il tecnico rossonero dovrà fare a meno di Rebic, alle prese con una lussazione al gomito, e Musacchio, ai box dopo un intervento alla caviglia. In dubbio invece Gabbia, risultato positivo al Covid-19 due settimane fa, e Calhanoglu, out a causa di una distorsione alla caviglia rimediata in allenamento. In porta ci sarà come sempre Donnarumma, poi difesa a quattro con Calabria, Kjaer, Romagnoli e Hernandez. Davanti la coppia formata da Bennacer e Kessie. Dietro al solito Ibrahimovic ci saranno invece Saelemaekers, Brahim Diaz e Leao.

La probabile formazione

MILAN (4-2-3-1): 99 Donnarumma; 2 Calabria, 24 Kjaer, 13 Romagnoli, 19 Hernandez; 4 Bennacer, 79 Kessie; 56 Saelemaekers, 21 Brahim Diaz, 17 Leao; 11 Ibrahimovic.
A disp.: 1 Tatarusanu, 90 A. Donnarumma, 14 Conti, 5 Dalot, 20 Kalulu, 8 Tonali, 33 Krunic, 27 Maldini, 15 Hauge, 7 Castillejo, 29 Colombo.
All.: Stefano Pioli

BALLOTTAGGIO:-.
IN DUBBIO: 46 Gabbia (Covid-19), 10 Calhanoglu (distorsione alla caviglia).
INDISPONIBILI: 12 Rebic (lussazione al gomito), 22 Musacchio (intervento alla caviglia).
DIFFIDATI:-.
SQUALIFICATI:-.

Martina Cianni

Print Friendly, PDF & Email