ROMA BENEVENTO INTERVISTE – Tutte le dichiarazioni del giallorosso in occasione di Roma-Benevento, match valido per la 4° giornata di Serie A.

PEDRO A ROMA TV

Partita bellissima, altra grande prestazione tua e della squadra…
Sì, oggi la prestazione di tutta la squadra è stata molto buona. Abbiamo giocato un’ottima partita. Sapevamo che era una partita difficile, contro un avversario complicato che crea diverse occasioni, ma soprattutto nel secondo tempo abbiamo trovato il nostro gioco e creato pericoli. Abbiamo fatto i 5 gol. Contenti per i tre punti fondamentali.

Sta crescendo sempre di più l’intesa tra te, Mkhitaryan e Dzeko. La Roma può arrivare al livello delle squadre di Champions?
Mi trovo sempre più a mio agio, migliora l’intesa con Dzeko, Miki, ma anche con Carles Perez che oggi appena entrato ha segnato un grandissimo gol. Sono qui da poco tempo, ma sono perfettamente a mio agio. Ho dei compagni di grandi qualità ed esperienza e questo mi aiuta. La squadra sta migliorando, sicuramente possiamo raggiungere i nostri obiettivi.

Periodo difficile, bisognerà centellinare le forze…
Sì, è positivo che tutti stiano giocando e raccogliendo minuti, anche per l’economia della squadra. Sappiamo che ci aspetta un calendario fitto di impegni. Dobbiamo giocare una partita alla volta, ora pensiamo all’Europa League e poi ci ributteremo sul campionato, partite complicate contro Milan e Fiorentina. Ma le possiamo affrontare e sviluppare una mentalità forte per raggiungere i nostri obiettivi.

PEDRO A SKY

“Dobbiamo pensare a vincere il titolo, possiamo vincerlo. Certo, sarà dura contro una squadra come la Juventus, ma dobbiamo provarci. In ogni caso, l’obiettivo primario è la Champions League”

Sulla partita
Non è stato facile, è stata una partita a tratti complicata ma siamo riusciti a portare a casa la vittoria e tre punti fondamentali.

Sull’intesa con Mkhitaryan e Dzeko
Mi trovo sempre più a mio agio con loro e con altri giocatori come Carles Perez, che oggi ha segnato un grandissimo gol. Sono qui da poco tempo, ma sono a mio agio. Ho qui compagni di qualità ed esperienza, questo mi aiuta. La squadra sta migliorando e possiamo raggiungere i nostri obiettivi.

Print Friendly, PDF & Email

22 Commenti

  1. Pedro, che giocatore!
    E pensare che c’era qualche imbecile che parlava di “vecchio e in vacanza”.
    Quel tale con quel nome in inglese, quel pupazzo che commenta qualsiasi cosa a sproposito..

    • 🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣❤️ daje!
      Purtroppo le socere oggi non commenteranno perché non sono capaci di commentare cose positive. C aspettano al varco.. ciao Marco! Forza Roma

    • parlo io se insistete, hai vinto con il BENEVENTO, non so se mi spiego!!!!
      Basta una mezza vittoria e subito ci esaltiamo, basta una sconfitta e subito ci deprimiamo…
      Aspettate di giocare con ATALANTA, MILAN, INTER, NAPOLI, LAZIO, se le passa con vittorie allora vedremo di che pasta sono fatti questi giocatori.
      La squadra è forte certo, lo è sempre stata anche negli anni scori e si poteva davvero vincere quelcosa, ma io continuo a dire ed insistere che non abbiamo mai avuto un allenatore all’altezza (sempre per non pagare i migliori), mezze calze come questo che c’è ora, o di francesco, un pò meglio spalletti, garcia, e forse l’unico vero allenatore (che ha perso lo scudetto per 1 solo punto – sconfitta contro la sampdoria) è stato ranieri.
      Credo che la battaglia lo vincano i soldati ma ci vuole anche un grande condottiero al seguito, se manca uno dei due non vai da nessuna parte…io tante volte penso che se non ci fosse stato di francesco in panca ma uno con i cosi detti sotto la roma avrebbe vinto la champions…

  2. Ma oggi non si paleserà, ne lui e ne quell’altro multinick elcondor o come si chiama.. saranno a leccarsi le ferite per la scoppola di Genova che li ha riportati dove meritano di stare.

  3. Infatti il multinick è uno solo si scrive e si risponde da solo.Lo si nota perché dice sempre le stesse cose.Dopo ste tre sberle di sabato in più la Roma a stravinto ieri per un po’ sparirà.Pedro è un professionista serio apposta ne avrà per almeno altri due tre anni.Forza Roma Daje

  4. Era ora che qualcuno si sbilanciasse: scudetto! Allora scudetto sarà!

  5. Te pareva, un altro straniero che sparla di scudetto a inizio campionato, nessuno che gli dice che non si può nominare quella parola impossibile.

    • C’è gente che si autocelebra pure dopo aver strappato un pareggio per 0a0 e la Roma non può godersi nemmeno un 5a2, prima in casa. Addirittura qualcuno ha scritto che la Roma ha vinto con una squadra scarsa! Come succede sempre da qualche anno a questa parte, quando la squadra supera alla grande le avversarie, queste o sono scarse, o sono fuori forma, o mancavano giocatori, o pensavano ad altro, mai che il merito fosse della squadra. La Roma ringrazia!

  6. @Luigi52, non è polemica la mia..
    Nella prima intervista Pedro ha detto che bisogna puntare sempre al massimo per ottenere qualche cosa di più.
    Ha anche detto se il nostro obiettivo è il quarto posto arriviamo sesti, se il nostro obiettivo è lo scudetto magari arriviamo tra le prime tre. Questo è uno che ha carattere e che lo deve trasmettere a tutta la squadra anche modificando il modo di approcciare alle cose… poi chiaro lo sa anche lui che non siamo da scudetto ma se lo ammetti crei un alibi a tutti… vedi il nostro allenatore che continua a dire sono realista sono relista… voglio vedere Allegri che diceva, Conte che diceva.
    Il messaggio di Pedro è alzare l’asticella

  7. Amigo ! tel dico en espanol .. nun t’ allargass .. magaras se vincemo o schiudett .. ! ma ie .. ce cred poc .. viva TOTO’ .. !!

  8. La Roma se la può giocare al pari di parecchie altre squadre. Non vedo una squadra più favoravita delle altre e la Roma c’è dentro

  9. Per fortuna c’è Pedro tira spesso crea panico e difficoltà a gli avversari dialoga con i compagni soprattutto fa gol!!! e non quelle mezze tacche di Kluivert e Under zero personalità pensate che qualcuno criticava il suo arrivo

  10. Ci sono due manager: ad entrambi viene proposto/chiesto il raggiungimento di un obiettivo, diciamo cosi’, “sfidante” (eufemismo, è QUASI impossibile): uno risponde subito: no, non ce la farò/faremo mai. L’altro, valuta, ragiona e, pur se capisce e percepisce come l’altro le difficoltà dice: perchè no? ci proviamo, ce la mettiamo tutta! Ecco, questa è la differenza tra i VINCENTI ed i perdenti già dalla partenza.
    Se semo capiti?

Comments are closed.