PAGELLE ROMA JUVENTUS – La Roma batte la Juve 2-0 nella terzultima giornata di campionato. A sbloccare il risultato all’Olimpico, al 79′, Alessandro Florenzi. Poi, al ’92 segna Edin Dzeko. I giallorossi agganciano il Milan in classifica e a 180′ dalla fine del campionato sperano ancora in un posto Champions.

Giulia Spiniello

MIRANTE 7,5. Con due interventi prodigiosi salva il risultato due volte nel primo tempo: prima su un tiro a botta sicura di Caudrado, e poi su una conclusione a girare di Dybala. Sprepitoso anche quando si oppone con i piedi a Emre Can nel secondo tempo.

FLORENZI 7. Qualche difficoltà in copertura, ma regge invece bene l’urto della prepotenza di Ronaldo quando lo apostrofa “nano”. Nano non è quando va a beffare Szczesny con il gol decisivo che regala tre punti pesanti alla Roma: con freddezza si inventa uno scavetto che fa finire il pallone in rete.

MANOLAS 7. Torna l’invalicabile greco. Neutralizza Ronaldo, Dybala e Cuadrado giocando in anticipo. Concreto ed efficace, palla in tribuna se serve e tutti a remare per la Champions.

FAZIO 7. Attento e risolutivo, il punto più alto lo tocca quando  parte palla al piede dalla sua difesa e arriva alla trequarti, saltando due uomini e cercando di imbastire un’azione di attacco, che però sfuma. Intrapredente!

KOLAROV 7. E’ una vita complicata con Cuadrado, ma bada al sodo. Anche al 92′ quando è lui a far partire la ripartenza in velocità che spinge in porta Dzeko e il pallone del 2-0.

ZANIOLO 6. Senza infamia e sela lode. Al cospetto di una delle pretendenti al suo cartellino, parte bene, poi spegne la spinta propulsiva. Si prende anche il cartellino. Senza acuti!

NZONZI 7. Tra i più positivi, toglie dai piedi di Ronaldo palloni importanti. Si evidenzia per le sue ottime coperture.

PELLEGRINI 6. Suo il primo tentativo che fa tremare Szczesny, peccato che si stampi sulla traversa il suo tiro-cross. Non emergono questa sera le sue qualità, costretto a rispondere alla pressione degli avversari.

KLUIVERT 6. Lucido quando deve fornire assist, veloce e imprevedibile quando deve far ripartire la squadra in contropiede.

DZEKO 6,5. Dopo un primo tempo anonimo, si sveglia al con il primo squillo al 48′. Poi confeziona l’assist per la prima rete di Florenzi e segna nel finale il gol del definitivo 2-0.

EL SHAARAWY 6,5 Si batte con la solita abnegazione, brillante nell’assistere i compagni, meno quando va lui stesso alla conclusione. Preciso al millimetro sul bel tiro da fuori all 66′ che costringe Szczesny al corner con un colpo di reni.

Dal 67′ CRISTANTE 6. Entra al posto di Pellegrini. Mette ordine e dà tranquillità alla mediana.

Dal 77′ UNDER 6,5. Entra al posto di Kluivet giocando diversi palloni, tra cui quello che porta al gol di Florenzi.

RANIERI 7. Sceglie il 4-3-3 con il tridente formato da Dzeko, El Shaarawy e Kluivert. dopo un primo tempo in naftalina, riesce a cambiare la testa della squadra nello spogliatoio e vincerla anche con i cambi, prezioso quello di Unver. Il sogno di agguantare l’Europa che conta è ancora vivo.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA - La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è vietata. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

8 Commenti

  1. Cominciamo da Florenzi, ha segnato ma il 7 è esagerato, ma in difesa lo saltavano come un birillo ed era spesso fuori poosizione.
    Stesso discorso per Kolarov, sulla palla gol di Quadrato dove stava? 5.
    5 anche a Zaniolo, evanescente.
    Nzonzi per me il migliore, gli do 8. Ma la critica su di lui è prevenuta.
    Insufficiante Dzeco, un fantasma, impreciso e svogliato. Il passaggio a Florenzi era scontato, il gol lo facevo anche io

  2. Siamo ancora in corsa per un posto in Champions. Prima della partita non ci avrei scommesso un euro e invece, per la mia grande gioia e soddisfazione, finalmente vedo una Roma solida e compatta che gioca in 11 e che affronta come deve fare la Juve .. coperture e ripartenze .. darei un voto collettivo di 8 a tutti, Ranieri in primis .. la partita di ieri sera dovrebbe far riflettere sul fatto che diversi giocatori che si vogliono buttare via, e che hanno giocato male per quasi tutto l’ anno, con un Mister adeguato, possono ridiventare grandi .. spero che il nuovo DS lo capisca e che Pallotta sia il primo ad opporsi a vendere gente come Manolas, Fazio, Kolarov, Dzeko e a privarsi di De Rossi .. El Shaarawy e’ stato il migliore della Roma per questo campionato fino ad ora .. naturalmente questo il mio parere personale ..

  3. La partita l’ha vinta as Roma e non i singoli.A partire dal mister che ha portato normalità e semplicità.Io ripartirei con Ranieri uno staff di preparatori come si deve.Ovviamente tenendo i calciatori importanti e acquistando altri utili per l’idea di gioco dell’allenatore.Basti vedere l’Atalanta.Forza Roma daje

  4. Vado un po’ controcorrente e dico che, per me Manolas, pur eccellente difensore puro, non ha le qualità per giocare in un top club: nel calcio di oggi, in una grande squadra neppure il portiere può permettersi di essere bravo a parare soltanto, ma deve sapere giocare con i piedi. Manolas, da questo punto di vista, è pessimo sia come tecnica pura, sia come posizionamento in fase di impostazione (non si mette mai in condizione di ricevere il passaggio). Certo, se l’alternativa è JJ o un Mancini qualsiasi, mi tengo tutta la vita il greco, ma in generale secondo me è un difensore sopravvalutato.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here