romanews-roma-tripletta-henrikh-mkhitaryan-gol-genoa
Foto Tedeschi

PAGELLE ROMA PARMA – La Roma ricomincia come si era fermata: con una vittoria. La squadra di Fonseca batte il Parma per 3-0 e consolida il terzo posto in classifica a 17 punti. Protagonista ancora Mkhitaryan autore di una doppietta, con il primo gol da cineteca. A segno anche Borja Mayoral sempre più nel vivo del gioco. Indicazioni positive in generale da tutta la squadra: Spinazzola è una certezza, Karsdorp in crescita e Villar mostra la sicurezza di un veterano. Ecco le pagelle della sfida.

Le pagelle di Roma -Parma

MIRANTE 6. Non viene praticamente mai impensierito. Sicuro negli interventi di ordinaria amministrazione.

MANCINI 6. Il suo inizio di gara è timido, dovuto probabilmente al piccolo problema muscolare avvertito nel riscaldamento. Poi si attacca a Inglese e lo rende invisibile per tutti i 90 minuti.

CRISTANTE 6,5. Ritorna al centro della difesa e non delude. Abile a guidare la linea e preciso in fase di impostazione. Promosso.

IBANEZ 6,5. Fonseca lo sposta sul centrodestra per contenere la velocità e gli strappi di Gervinho. Il brasiliano è impeccabile: sempre in anticipo, riesce ad annullare per tutti i 52 minuti che resta in campo l’attaccante ivoriano.

KARSDORP 6,5. A piccoli passi l’esterno olandese mostra tanti progressi. E’ attento in fase difensiva e riesce a farsi vedere con sempre più frequenza anche in avanti. Molto bello l’assist per il 3-0 di Mkhitaryan.

VILLAR 7. Era probabilmente l’uomo più atteso e non delude le aspettative. Lo spagnolo sfodera una prestazione di qualità assoluta: 105 tocchi con il 93% dei passaggi riusciti e funziona anche in fase di interdizione con 11 duelli vinti su 14. E’ un ’98 ma gioca come un veterano. Professore.

VERETOUT 6. La scena in mediana oggi se la prende Villar, lui per una volta lascia i giri del motore al minimo. Lo perdoniamo.

SPINAZZOLA 7. Ci mette un po’ più del solito a prendere le misure, ma poi torna a dimostrare di essere probabilmente il miglior esterno del campionato. L’assist ‘no-look’ per il vantaggio di Mayoral è una vera e propria perla. Per il resto riempie la sua partita di un’infinità di scorribande sulla fascia a cui il Parma non riesce quasi mai a trovare rimedio. Nel finale sfiora anche il gol: viene fermato da Sepe e dalla traversa.

PEDRO 6,5. Sempre nel vivo del gioco, ma più impreciso del solito in zona-gol. A non farlo rimpiangere ci pensa Mikhi, il suo collega di reparto.

MKHITARYAN 8. E’ il suo momento di grazia, probabilmente il miglior Mkhitaryan visto da quando è a Roma. Anche oggi una doppietta sensazionale e tante giocate da fuoriclasse da trequartista, ma anche da punta: al momento, Fonseca non può rinunciare a lui.

BORJA MAYORAL 7,5. Un piccolo passo indietro con il Genoa, per poi tornare a splendere contro il Parma. La prestazione di Borja Mayoral non fa rimpiangere Dzeko e non solo per il gol, ma anche per il lavoro svolto lontano dalla porta: è sua la sponda per il bellissimo gol del raddoppio di Mkhitaryan ed è sempre lui a farsi vedere fuori dall’area di rigore e poi aprire saggiamente il gioco per la discesa di Karsdorp in occasione del tris dell’armeno. Dopo il primo periodo di ambientamento sembra essere sempre più a suo agio e nel vivo del gioco della Roma. Finalmente un vice-Dzeko.

DAL 53′ JESUS 6. Gioca semplice e non corre rischi.

DAL 66′ C. PEREZ 6. Entra quando la partita è ormai finita visto il vantaggio di tre gol della Roma. Si sbatte, prova a farsi vedere e a trovare il gol. Fonseca in lui vede un’alternativa credibile per il tridente d’attacco.

DAL 80′ BRUNO PERES SV.

DAL 80′ PELLEGRINI SV.

DAL 80′ DIAWARA SV.

FONSECA 7. La sua Roma diventa una creatura con un’identità sempre più precisa e riconoscibile. E’ una squadra che gioca con qualità, intensità e grinta per tutti i 90 minuti creando tante occasioni da gol e soffrendo ben poco. Il cammino è ancora lungo e il Parma non era di certo un avversario irresistibile, ma all’orizzonte inizia a spuntare il sole. E finalmente si torna a respirare l’aria dell’alta classifica. Ci mancava.

Print Friendly, PDF & Email

16 Commenti

  1. Bella Roma finalmente si vede un gioco corale e fluido è un piacere guardarla , MKHITARYAN grande
    Spinazzola una vera spina nel fianco degli avversari. Continuate cosi ragazzi.

  2. A quelli (laziali…) che al solito diranno: ma il Parma (2-2 a Milano con l’Inter dei “galattici” di risulta…) e’ una schiappa ecc., suggerirei di rivedere non tanto le azioni dei gol, quanto quella che ha portato alla traversa di Spinazzola.
    Secondo me, una delle azioni piu’ belle di tutto il campionato finora.
    Raramente, nel passato recente, ho visto la Roma giocare cosi.

  3. Concordo con i complimenti alla squadra. Unica eccezione il “mio” personale tallone d’Achille ovvero il sempre meno utile Pellegrini. L’entusiasmo con cui entra in campo è da schiaffi ed aveva evidenziato tale indisponenza anche in coppa da subentrato. Anche la nazionale “gira” meglio in sua assenza come abbiamo visto nella scintillante prestazione contro la Polonia. Sulla trequarti romanista ormai la strada è chiusa da gente di un altra categoria (Pedro /Miki), come regista è nullo, come intermedio è “leggerino” e quando si tratta di fare legna “no comment”. Alla fine al fianco dell’inamovibile Veretout rendono meglio Villar (acerbo ma sveglio e tosto), cristante (modesto ma umile e esce almeno sudato) e Diawara ( errori tecnici ma come filtro è tosto). Nelle ultime uscite tanti gol fatti e pochi o niente incassati, segno che la squadra produce e fa filtro e risulta equilibrata. Quindi in panca il bel tenebroso è avanti così, poi a gennaio prendere un bel pezzo da novanta a centrocampo al suo posto e tanti saluti. Niente di personale ma non riesco più a sopportare i “raccomandati” che sfruttano l’amore dei tifosi per i “romani” per strappare milioni utili a pagare ben altri prospetti. Con i soldi di Florenzi e Pellegrini ci paghi comodo un Top Player (se sei bravo anche due) per andare a vincere davvero.

    • Bravissima, concordo in tutto, pure la punteggiatura. L’unica nota stonata fino ad ora è lui, e come hai detto tu, la cosa peggiore è l’atteggiamento con cui enta in campo, manco fosse Maradona che entra gli ultimi 5 minuti in una partita sotto di tre gol. Non parlo più perché direi solo cose che hai già detto tu

    • Secondo me, infatti, la coppia ideale di centrocampo, al momento, e’ Veretout – Villar.
      Villar e’ il classico giocatore che puo’ crescere rapidamente e a dismisura, a patto che lo si faccia giocare in modo continuo.

  4. Non riesco a capire perché trovare un motivo per criticare anche quando si vince giocando bene. Poi, vedere che le critiche a giocatori romani e romanisti sono impietose mi ricorda la puntualità vista, solo per fare degli esempi, con Giannini, Totti, De Rossi e Florenzi. Mi ricordo che Voeller il primo anno fece un campionato disastroso, fosse stato di Roma secondo queste critiche sarebbe stato da cacciare. Invece, giustamente fu aspettato, cosa che non si dovrebbe concedere a chi, nato a Roma e Romanista. Fortunatamente il mister e l’allenatore della nazionale non la vedono così. Forza Rona sempre

    • Mi dispiace contraddirti ma il signor Pellegrini sono tre anni che lo aspettiamo. Nel frattempo stiamo per festeggiare 1 anno dal suo ultimo (inutile) gol e sempre nel frattempo hanno segnato anche “brunetto”, Ibanez, smalling, Kumbulla, spinazzola e Mirante ha fatto 2 assist (più di lui). Insomma hanno fatto più gol e assist tutti i difensori portiere compreso che lui che “passeggia” sulla trequarti. Per quanto riguarda il “discreto” Voller ti vorrei ricordare che lo volevamo appunto cacciare dopo il primo anno (giocava con un ernia alla schiena), ma poi dal “secondo” ha trascinato la Roma fino ad una finale Uefa (unica mai giocata ed ultima finora) ed ha vincere una coppa Italia nello stesso anno (hai mai fatto 2 finali?). Il tutto con intorno Di Mauro, Piacentini, Tempestilli, Comi, Rizzitelli e non certo con i vari Cafu, Candela, Batistuta, Emerson, Montella, Samuel, DEL vecchio etc etc come si è potuto permettere qualcun’altro. Poi è stato scaricato per prendere CANIGGIA e lui in silenzio se ne è andato a Vincere scudetto e Champions a Marsiglia non prima di aver vinto i mondiali con la sua nazionale. Il tutto mentre il “grande” Pellegrini “alza” la voce per un contratto più ricco per vederlo camminare in campo con il muso….. Attendo che ci trascini in finale di Europa Legue e che vinca un mondiale da protagonista assoluto per porgerti le mie scuse…..Intanto dormo tranquilla. Un saluto

  5. Grazie sig. Melli per aver previsto Majoral una grande Pippa. Spero che preveda che la Roma… Vada in serie B. Forza roma sempre e comunque

  6. Partita ottima, gran bella prova ma piano con i facili entusiasmi: siamo troppo abituati a Roma ad inneggiare alle prime partite ed a ammazzare dopo 2 pareggi…………..

  7. I Fredkyn stanno facendo un ottimo lavoro.Se stiamo sul pezzo a gennaio un paio di innesti e siamo competitivi su tutti i fronti.Ieri nonostante le importanti assenze sono riusciti a rendere una partita semplice.Grazie a Fonseca che sta facendo crescere e giocare anche chi è stato meno impiegato quando si parla di gruppo unito significa che chiunque entra da il massimo con i suoi pregi e difetti.Forza Roma daje

  8. Salve , ma tutti gli “ESPERTONI ” di calcio e di finanza che bacchettevano tutti dove sono????
    i pallotta Boys ???? ma Fonseca non era da cacciare via???
    E’ facile spargere sterco come è facile salire sul carro dei vincitori .
    Quest’anno puo’ succedere di tutto nel bene o nel male ma se la dirigenza a gennaio prendesse
    un centrocampista e un leterale destro (difensivi) …………………..ovviamente forti…………………
    io quasi ,quasi CI CREDOOOOOOO
    FORZA ROMAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here